22 Febbraio 2024

Tromba d’aria sul Lago Maggiore, si ribalta barca: 4 morti tra cui agenti dei servizi segreti

Tragedia sul Lago lombardo dove una imbarcazione con a bordo 25 persone si è ribaltata. Alcune vittime erano agenti del Mossad, i servizi israeliani. La curiosa coincidenza ha voluto che l'incidente si sia verificato vicino al Mottarone, dove qualche tempo era precipitata la funivia in cui sono morti degli israeliani

Correlati

E’ di quattro morti il bilancio della tragedia avvenuta sul Lago Maggiore dove, a causa di una tromba d’aria, un’imbarcazione si è ribaltata nella serata di domenica 28 maggio. I corpi senza vita di tre persone sono stati recuperati nella notte, il quarto questa mattina recuperato dai sommozzatori a circa 16 metri di profondità.

Cosa è successo
L’incidente è avvenuto nelle acque antistanti Lisanza, frazione di Sesto Calende. A provocare il ribaltamento della barca a vela di 16 metri noleggiata da turisti è stata una tromba d’aria. A bordo del natante c’erano 25 persone. In 5 sono stati portati in ospedale per accertamenti, tre in codice verde e due in codice giallo. L’house-boat era stata presa a noleggio in occasione del compleanno di una delle persone a bordo.

Chi sono le vittime
Le vittime dell’incidente nautico sono due donne e due uomini. Due, secondo prime ricostruzioni, erano del Comparto Intelligence. Secondo quanto fa sapere il Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica, hanno perso la vita Claudio Alonzi di 62 anni, coniugato e padre di due figli, e Tiziana Barnobi di 53 anni, coniugata e madre di un figlio ancora minorenne. Morti anche Anya Bozhkova, 50 anni, russa, compagna dello skipper Claudio Carminati, 53 anni, sopravvissuto e in predicato di essere indagato per per omicidio e naufragio colposi.

I due dipendenti, appartenenti al Comparto intelligence (007 dei servizi segreti, forse del Mossad), si trovavano in zona per partecipare ad un incontro conviviale organizzato in occasione del festeggiamento del compleanno di uno della comitiva. L’Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica, Alfredo Mantovano, e i vertici del Comparto esprimono la loro vicinanza e il dolore per il tragico evento ai familiari delle vittime. Secondo altre fonti tutti erano agenti dei servizi segreti, alcuni sotto copertura. Uno di questi, citato dai media, sarebbe Shimoni Erez, un ex agente del Mossad.

Scrive il Corriere online che gli agenti segreti, i 21 tra donne e uomini sia italiani dell’Aise sia israeliani del Mossad scesi da una barca, una «casa galleggiante» immatricolata in Slovenia, e approdati sull’isola dei Pescatori. Il gruppo fingeva di essere turisti qualunque. Sulla barca c’era stata una rimpatriata: tutti alloggiavano in un hotel vicino all’aeroporto di Malpensa. L’occasione era stata il compleanno di uno degli 007 israeliani, poi sopravvissuto al naufragio.

La curiosa coincidenza con l’incidente della funivia del Mottarone, dove morirono diversi israeliani
Tra le vittime la compagna dello skipper, una donna di origine straniera ma che viveva ormai da anni nel Varesotto, e un cittadino israeliano. Il decesso di quest’ultimo è stato confermato dal consolato israeliano a Roma.

Il Jerusalem Post sottolinea che il lago dove la barca si è ribaltata si trova nella stessa zona dell’incidente della funivia di due anni fa che ha lasciato orfano Eitan Biran. Al Mottarone morirono cinque israeliani: il padre, la madre, il fratello e i due bisnonni del piccolo che allora aveva cinque anni.

L’allerta della Protezione civile per maltempo
Per la giornata di domenica la Protezione civile aveva diramato un’allerta gialla sull’area di laghi e Prealpi varesine. Nel bollettino, emesso il 28 maggio alle ore 12.27, si leggeva in particolare che “dal pomeriggio sono previsti rovesci e temporali prevalentemente di debole o moderata intensità in sviluppo su Alpi e Prealpi a partire dai settori orientali ed in successiva estensione a quelli occidentali”. La probabilità di fenomeni di forte intensità, proseguiva il bollettino, è “bassa, ma non sono escludibili cumulate puntuali locali fino a 30-50 mm nelle 24 ore”. In altre parole, fenomeni brevi, ma particolarmente intensi, avrebbero potuto avere luogo.

Proprio le condizioni del tempo stanno suscitando i primi interrogativi sull’opportunità di uscire in gita con una house-boat. Poco prima delle 19, secondo quanto si apprende, sul Lago Maggiore si è abbattuto un violento temporale con vento forte che avrebbe sollevato onde tanto imponenti da provocare il ribaltamento della barca, che poi si è inabissata.

Aperta inchiesta per naufragio colposo
La procura di Busto Arsizio, guidata dal procuratore Carlo Nocerino, ha aperto un fascicolo contro ignoti per naufragio colposo. Le indagini, affidate ai carabinieri di Varese, dovranno fare luce sull’imbarcazione, le sue condizioni, ma anche sulle specifiche autorizzazioni alla navigazione e al trasporto turistico.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Operazione antimafia della Dda di Catanzaro, 22 arresti

Un'operazione contro la 'ndrangheta è stata eseguita la scorsa notte nel Catanzarese. I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)