Terremoto in Turchia: almeno 29 morti e oltre 1.200 feriti. Si scava sotto le macerie

Dopo il sisma di magnitudo 6.8 che ha colpito il paese nord orientale. Persone intrappolate tra gli edifici crollati


Almeno 29 persone sono morte e oltre 1200 sono rimaste ferite dopo il potente terremoto di magnitudo 6,8 che ha colpito venerdì sera la provincia della Turchia orientale di Elazig.

“170 ambulanze aggiuntive sono state inviate nelle province di Elazig e Malatya. Anche le ambulanze aeree sono pronte ad aiutare le persone colpite”, ha dichiarato il ministro della sanità Fahrettin Koca.

“Le squadre di ricerca e salvataggio sono state inviate nella regione e ulteriori informazioni devono ancora arrivare”, ha detto Soylu citato dall’agenzia Anadolu, aggiungendo che alcuni edifici nel centro della città sono stati danneggiati.

Ha anche affermato che i villaggi rurali potrebbero aver subito un certo danno, senza fornire ulteriori dettagli.

Il ministro della Difesa Hulusi Akar ha dichiarato che l’esercito è pronto a intervenire in caso di necessità.

Il portavoce del parlamento turco Mustafa Sentop ha dichiarato: “La nostra più grande speranza è che il bilancio delle vittime non aumenti”.

Solidarietà e la disponibilità di aiuti logistici e umanitari stanno arrivando da tutto il mondo al presidente turco Erdogan.

Per ricevere gli aggiornamenti metti "Mi piace" sulla nuova pagina Fb