Il mainstream incorona Biden: “Ha vinto”. Ma non è ufficiale. Trump ricorre e denuncia brogli

Il Presidente in carica Trump: "Io ho vinto le elezioni, e di molto. Lunedì avvieremo azioni legali per assicurare che le leggi elettorali siano state rispettate e che venga eletto il legittimo vincitore. Questa elezione non è finita. La vittoria di Joe Biden non è stata certificata in tutti gli Stati"

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

Joe Biden sarebbe stato eletto presidente degli Stati Uniti. Lo dicono all’unisono i media mainstream americani, ripresi in tutto il mondo. Biden, tuttavia, non ha ancora la vittoria ufficiale in tasca. Il Presidente in carica Donald Trump non riconosce la presunta sconfitta e critica “una manovra sporca dei media”.

“Si stanno ancora conteggiando i voti in molti stati”, fa sapere il tycoon, che si vede censurati i suoi post su Twitter e Facebook, schieratissimi, come i grandi media, per la vittoria del democratico Biden.

“Io ho vinto le elezioni, e di molto”, ha detto Trump che tra poco parlerà in Pennsylvania e che da lunedì inizierà ricorsi legali in molti stati per accertare possibili brogli in suo danno, soprattutto nei voti per corrispondenza, che sarebbero stati taroccati. “Le elezioni non sono finite”, avverte ancora il presidente Trump, che ricorrerà anche alla Corte Suprema per accertare la correttezza della competizione elettorale.

“Lunedì – spiega – avvieremo azioni legali per assicurare che le leggi elettorali siano state rispettate e che venga eletto il legittimo vincitore. Questa elezione è lungi dall’essere finita. La vittoria di Joe Biden non è stata certificata in tutti gli Stati”.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB