7 Dicembre 2021

Sahara, Fondazione ‘Calabria Roma Europa’ sostiene “tenacia Regno del Marocco”

Stessa categoria

La Fondazione Calabria Roma Europa – che rappresenta oltre 180 comuni italiani –, in riferimento agli ultimi eventi succedutesi nella zona cuscinetto di Gargarat, fra la frontiera del Marocco e della Mauritania, “saluta – è detto in una nota – con un moto di condivisione la tenacia del Regno del Marocco in merito al “cessate il fuoco” del 1991, nonché l’impegno del Paese nel processo politico avviato dal Segretario Generale dell’ONU – sotto la guida del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite – per raggiungere una soluzione politica, negoziata e duratura intorno alla controversia regionale sul Sahara, in linea con l’iniziativa di autonomia proposta dal Marocco nel 2007, considerata seria e credibile dalla comunità internazionale”.

“La Fondazione – si legge ancora – si schiera contro la provocazione irresponsabile del blocco della circolazione civile e delle merci –in questo nucleo strategico di scambi commerciali tra l’Europa e l’Africa –da parte del gruppo separatista del polisario. Ciò rappresenta una violazione dell’accordo del “cessate il fuoco” ed una minaccia alla pace e alla stabilità in una regione già scossa dalle sfide del terrorismo jihadista, dalla tratta di esseri umani e dal traffico di droga”.

“La Fondazione sottolinea altresì la necessità di preservare, in ogni caso, la libera circolazione di civili e merci tutelata dal diritto internazionale”, conclude il comunicato.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER