Primarie PD, vince il “comunista” Zingaretti. Strada in salita per i dem

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019
Nicola Zingaretti al voto
Nicola Zingaretti al voto (Ansa)

Alla fine ha vinto il “comunista” più convinto alle primarie del Pd. L’uomo della svolta, a sinistra, quella schiacciata in tutte le elezioni e che ha portato a scissioni interne laceranti ed epocali. Nicola Zingaretti trionfa tra gli oltre un milione e mezzo di voti espressi in migliaia di urne in tutta Italia per dare vita al nuovo corso del Partito democratico.

Rispetto ai competitors Giachetti e Martina, vere nullità politiche, del resto, il governatore del Lazio portava come “curriculum” (abbastanza gonfiato), il fatto che sia stato l’unico a resistere all’ondata antisistema degli ultimi anni, facendo addirittura il bis alle elezioni regionali: fu l’unico infatti a riaffermarsi alle ultime regionali nel momento in cui le roccaforti rosse crollavano l’una dietro l’altra. Indebolito Renzi, “ecco che anche un “brufolo” può farsi avanti per rivendicare il suo spazio”…, è stato il ragionamento delle simpatiche facce da pomodoro.

Ringraziandoti per il seguito, sarebbe cosa gradita un MI PIACE sulla nostra nuova pagina di Facebook

E così, messa in moto la macchina oleata delle primarie ecco affiorare il Partito democratico, quello “fuso a freddo” del 2007 tra i democristiani della Margherita e gli ex comunisti dei Ds, ed elegge con circa il 60% dei suffragi Zingaretti, l’uomo che dovrebbe dare la rotta politica a un partito ridotto al minimo storico dopo la dèbacle di un anno fa quando, Renzi, il dominus di quel momento, è sprofondato sotto il 18 percento.

Un lavoro molto duro, durissimo, per Zingaretti: da un lato cercare l’unità delle anime interne (con la spinosa componente renziana, soprattutto); dall’altro cercare una proposta politica con cui convincere gli italiani che le politiche del governo M5s-Lega – il più amato dal Popolo da tutti i tempi -, siano surclassabili con quelle del neo “lider Maximo”, che poi a meno di colpi di coda ideologici, ricalcano quelle dei governi tecnico-progressisti che hanno affossato e impoverito l’Italia negli ultimi decenni. Si vedrà presto quale sia la piega nuova di Zingaretti.

Dino Granata