2 Marzo 2024

Vaccini: cosa, come e dove farli

Correlati

vademecum vacciniNiente nido o materna per chi non è vaccinato, anche se i genitori pagano la multa, mentre chi vuole che il proprio figlio sia esonerato deve chiedere un certificato che attesti il pericolo dall’immunizzazione al pediatra. Una serie di circolari del ministero della Salute e del Miur fanno chiarezza sui punti dubbi della legge sull’obbligo vaccinale.

DOCUMENTI NECESSARI – Per i genitori che invece hanno fatto fare tutte le vaccinazioni obbligatorie ai propri figli per quest’anno sarà necessario portare a scuola copia del libretto di vaccinazione timbrato dalla Asl o il certificato vaccinale o un’attestazione rilasciata dalla Asl, mentre quando la riforma sarà a regime Asl e istituti scolastici dovrebbero ‘parlarsi’ autonomamente, scambiando le informazioni sugli iscritti.

SCADENZE – Entro il 10 settembre la documentazione va portata a nidi e materne, mentre il 31 ottobre è il termine per le altre classi della scuola dell’obbligo.

AUTOCERTIFICAZIONE – Se non si trova il libretto vaccinale si può presentare un’autocertificazione per dichiarare le vaccinazioni effettuate. Sempre entro il 10 settembre per nidi e materne, mentre il 31 ottobre è il termine per le altre classi della scuola dell’obbligo. Per chi opterà per l’autocertificazione c’è tempo poi fino al 10 marzo per portare i documenti ufficiali.

PRENOTAZIONE – Se un bambino (0-6 anni) non ha effettuato una vaccinazione obbligatoria entro il 10 settembre, può frequentare la scuola a patto che dimostri la prenotazione alla Asl. Se un figlio ha tra 6 e 16 anni e non ha effettuato uno dei vaccini potrà frequentare la scuola ma il genitore sarà contattato dalla Asl per un colloquio informativo. Qualora non si provveda verrà applicata una sanzione pecuniaria.

Contrariamente alle speranze di qualche genitore “no vax” (anti vaccini) il semplice pagamento della multa non basterà a iscrivere ai servizi per l’infanzia il bambino, mentre per la scuola dell’obbligo l’iscrizione resta possibile.

“La sanzione estingue l’obbligo della vaccinazione – si legge in una delle circolari del ministero della Salute – ma non permette comunque la frequenza, da parte del minore, dei servizi educativi dell’infanzia, sia pubblici sia privati, non solo per l’anno di accertamento dell’inadempimento, ma anche per quelli successivi, salvo che il genitore non provveda all’adempimento dell’obbligo vaccinale”.

MALATTIE GIA’ CONTRATTE – Se un bambino ha già avuto una delle malattie è sufficiente che il pediatra o il medico di base lo attesti.

LIBRETTO VACCINALE – Se alcune vaccinazioni sono state effettuate privatamente, bisogna recarsi alla Asl per la convalida delle stesse sul libretto.

MALATTIA – In caso di impossibilità definitiva a vaccinare un figlio a causa di una malattia, serve l’attestazione del pediatra. Se è malato in modo temporaneo basterà presentare sempre un’attestazione del pediatra e posticipare la vaccinazione.

Per maggiori informazioni visita il sito www.salute.gov.it/vaccini o telefona al numero verde 1500.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ministero palestinese: “Oltre 30.000 vittime con raid israeliani a Gaza”

Più di 30.300 persone sono state uccise a seguito degli attacchi dell’esercito israeliano nella Striscia di Gaza da quando...

DALLA CALABRIA

Assolto l’avvocato Armando Veneto dall’accusa di corruzione mafiosa

L'avvocato Armando Veneto, di 88 anni, ex deputato e parlamentare europeo dell'Udeur, è stato assolto, per non avere commesso...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)