3 Luglio 2022

Milano, ore di attesa per l'Apple Watch. Da ieri in Italia

Stessa categoria

Apple Watch, da 27 giugno in vendita in ItaliaMILANO – L’Apple Watch è in Italia. Diverse decine di persone sono già in coda all’Apple store del centro commerciale il Fiordaliso a Rozzano, alle porte di Milano, per acquistare l’Apple watch.

Ore di attesa per portarsi a casa l’ultimo prodotto di Cupertino che ha rivoluzionato la concezione dell’orologio.

L’orologio “intelligente” della casa californiana è in vendita da oggi anche in Italia a partire da 419 euro. Un prezzo un po’ più caro rispetto al resto d’Europa, ma solo perché il fisco del Belpaese “pesa” di più. Già prima che il negozio aprisse, alle 9, si era creata una lunga coda. La Apple ha previsto tre diverse versioni per il suo “smartwatch”, per andare incontro alle diverse esigenze dei consumatori: l’Apple watch sport, adatto al fitness e all’attività sportiva; l’Apple watch, la versione da passeggio; l’Apple watch edition, con scocca in oro e finiture pregiate.

Oltre che in Italia, da oggi lo smartwatch è in vendita in Messico, Spagna, Corea del Sud, Singapore, Svizzera e Taiwan. Mentre già da aprile erano partite le vendite sui mercati di Usa, Australia, Canada, Cina, Francia, Germania, Hong Kong, Giappone e Regno Unito. Per ritirare l’Apple watch in negozio era obbligatorio prenotarlo online. Il primo ad aggiudicarselo, al Fiordaliso di Rozzano, è stato Marco, 39 anni, in coda dalle 2.30 di questa notte.

“Ho preso il modello base. Non porto l’orologio da 15 anni. “Proviamo, mi sono detto, ‘se ne prenderò uno prenderò quello di Apple che è l’orologio del futuro'”, ha raccontato. Subito dopo è stato il turno di Ilario, 26 anni: “L’ho preso perché è un accessorio utile per l’iPhone. Sono un appassionato di tecnologia e ritengo la Apple un’ottima marca”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

La crisi Ucraina spacca il governo italiano. Di Maio lascia il M5S: “Basta ambiguità”

"Scelta sofferta" del ministro ed ex capo politico dei 5s, che non saranno più la prima forza in Parlamento. Una settantina I parlamentari che confluiranno in "Insieme per il Futuro"

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER