Corruzione Fifa, squalificati per otto anni Blatter e Platini

Carlomagno Faro istituzionale

Corruzione Fifa, squalificati per otto anni Blatter e Platini
Sepp Blatter e Michel Platini (photo Patrick B. Kraemer/Keystone via AP, File)
La commissione etica della Fifa ha squalificato per 8 anni da tutti gli incarichi il presidente Sepp Blatter e il suo vice Michel Platini.

La pesantissima squalifica arriva dopo che sarebbe stato accertato il presunto versamento di due milioni di euro in favore dell’ex campione bianconero e presidente dell’Uefa da parte del maggiore organo del calcio mondiale, fondi che sarebbero stati approvati dallo stesso Blatter. Questa provvedimento stronca al momento le ambizioni di Platini di essere eletto alla presidenza della Fifa nel dopo Blatter; elezioni a cui si era candidato e che si terranno a inizio 2016 dopo le dimissioni di Blatter.

“Sono triste per il calcio e per la Fifa”, queste le prime parole di Josef Blatter dopo la squalifica per 8 anni da parte della Commissione etica. “Sono stato trattato come un punching-ball” – ha detto il presidente uscente della federcalcio mondiale, che in conferenza stampa ha anche annunciato: “andremo in appello”. “Sono un cittadino svizzero – ha aggiunto Blatter – Per la legge svizzera se uno viene sospeso per 8 anni deve avere commesso qualcosa di molto molto grave. Ho intenzione di continuare a combattere. Ricorrerò in appello al Tas e alla giustizia Svizzera”.

“Io continuo a essere il presidente della Fifa”, ha detto Josef Sepp Blatter in conferenza stampa. “A me dispiace, io non me ne vergogno, ha aggiunto Blatter- mi vergogno delle prove che hanno presentato. Il presidente può essere sollevato solo dall’assemblea generale”.

“Nessuna novità, il verdetto era stato scritto quattro mesi fa. Per questo non sono sorpreso”. E’ questa la prima reazione di Michel Platini all’Ansa dopo la squalifica di otto anni che gli ha comminato la commissione etica della Fifa.

La vicenda riguarda il versamento di 2 milioni di dollari a favore di Platini, approvato da Blatter nel 2011 per prestazioni professionali risalenti ad alcuni anni prima. Entrambi, nel frattempo sospesi per 90 giorni dai loro ruoli di numeri 1 rispettivamente di Fifa e Uefa, respingono le accuse di illecito e conflitto d’interessi ed hanno già preannunciato ricorso.

Giovedì scorso Blatter è stato protagonista di un’audizione di otto ore di fronte alla Commissione esubito dopo il responso, ha fatto sapere che terrà una conferenza stampa. Platini, al contrario, si è polemicamente rifiutato di comparire all’udienza che per lui era in programma venerdì.

La bufera nella Fifa inizio quando le autorità americane fecero un blitz in un albergo svizzero arrestando gli allora verti della federazione. Platini, a seguito dello scandalo Fifagate, accusò duramente Blatter di presunte condotte illecite. Poi ci furono le elezioni è il plenipotenziario della Fifa, Joseph Blatter venne rieletto presidente, salvo dimettersi qualche settimana dopo. Elezioni fissate a febbraio 2016, l’ex capitano della Juve si era candidato per la successione. Ruolo che con la squalifica non potrà più ricoprire, almeno al momento.