13 Luglio 2024

Raid israeliano su un ospedale di Gaza, è strage: oltre 500 morti

Correlati

Questa sera gli aerei da guerra israeliani hanno lanciato un attacco missilistico contro l’ospedale arabo Al-Ahli nella città di Gaza, uccidendo e ferendo centinaia di persone, tra pazienti, prevalentemente bambini e donne già feriti nelle prime incursioni.

Il ministero della Sanità di Gaza parla di almeno 500 vittime nel brutale attacco all’ospedale. Con i raid sono stati colpiti anche una scuola gestita dalle Nazioni Unite che ospitava rifugiati e altre strutture. La “propaganda” dei media occidentali sta già “lavorando” per far passare il massacro del nosocomio come un’azione compiuta da Hamas poiché – dicono i professionisti dell’informazione – “un razzo sarebbe tornato indietro come un boomerang”…

In realtà la giornalista Rula Jebreal citata da Bianca Berlinguer a “Carta bianca” di rete4 ha affermato che il portavoce digitale di Netanyahu ha scritto in un twitt che a perpetrare il massacro all’ospedale è stato Israele. Il post – ha detto la cronista – è stato subito rimosso.

A postarlo Hananya Naftali e ha scritto: “L’aeronautica israeliana ha colpito una base terroristica di Hamas all’interno di un ospedale a Gaza. Un numero multiplo di terroristi sono morti. È straziante che Hamas lanci razzi da ospedali, moschee, scuole e utilizzi i civili come scudi umani”. Il twitt è stato poi eliminato ma qualcuno è riuscito a salvarlo.

Fonti citate da vari media arabi hanno invece affermato che aerei da guerra israeliani hanno lanciato un attacco contro l’ospedale, dove migliaia di sfollati hanno cercato rifugio dopo che le loro case sono state distrutte dai bombardamenti israeliani in corso.

Un filmato mostrava un’ambulanza che trasportava martiri e feriti, mentre a causa dei bombardamenti scoppiava un incendio. In modo correlato, l’Unità dell’Onu per i soccorsi (UNRWA) ha annunciato l’uccisione di sei persone in un attacco aereo israeliano che ha preso di mira la sua scuola nel campo profughi di al-Maghazi, nel centro di Gaza.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha condannato fermamente l’attacco israeliano all’ospedale al Ahli-Arab nel nord della Striscia di Gaza. L’ospedale era operativo e ospitava pazienti, operatori sanitari, operatori sanitari e sfollati interni. I primi rapporti indicano centinaia di morti e feriti.

L’ospedale era uno dei 20 nel nord della Striscia di Gaza che hanno subito ordini di evacuazione da parte dell’esercito israeliano. L’ordine di evacuazione è stato impossibile da eseguire data l’attuale insicurezza, le condizioni critiche di molti pazienti e la mancanza di ambulanze, personale, posti letto nel sistema sanitario e rifugi alternativi per gli sfollati, ha affermato l’OMS in una nota. L’OMS ha chiesto l’immediata protezione attiva dei civili e dell’assistenza sanitaria.

“Gli ordini di evacuazione devono essere annullati. Il diritto internazionale umanitario deve essere rispettato, il che significa che l’assistenza sanitaria deve essere protetta attivamente e mai presa di mira”, ha affermato l’OMS.

Il presidente Mahmoud Abbas ha interrotto la sua visita in Giordania, è tornato immediatamente a Ramallah e ha chiesto un incontro di emergenza per la leadership palestinese.

La decisione è una risposta alle atrocità che hanno colpito il popolo palestinese questa sera in seguito al criminale bombardamento dell’ospedale battista di Gaza, che ha massacrato centinaia di civili innocenti, tra cui decine di bambini.

Il primo ministro palestinese Mohammed Shtayyeh ha dichiarato stasera che “il massacro dell’ospedale al-Ahli commesso dalle forze di occupazione israeliane nella città di Gaza è un crimine orribile che rientra nel quadro della guerra genocida contro i palestinesi”.

Il primo ministro ha chiesto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di “fermare l’orribile guerra contro il popolo palestinese, che ha raggiunto il suo apice di spargimento di sangue”.

Shtayyeh ha ritenuto le Nazioni Unite e i paesi che sostengono Israele “pienamente responsabili di questo crimine” e li ha esortati a intervenire urgentemente “per fermare l’aggressione dell’occupazione e i sanguinosi massacri contro il popolo palestinese”.

Il twitt di qualche giorno fa del primo ministro palestinese

Martedì sera, “le forze di occupazione israeliane hanno commesso un nuovo massacro che ha ucciso e ferito centinaia di persone nella Striscia di Gaza, dopo aver bombardato l’ospedale arabo al-Ahli (l’ospedale battista) nel quartiere di al-Zaytoun a Gaza City”.

Il Consiglio ecumenico delle chiese (WCC) ha espresso indignazione e shock per la notizia di un attacco aereo israeliano sull’ospedale Al-Ahli a Gaza.

“È con un senso di indignazione e shock”, ha affermato il WCC, “che abbiamo ricevuto la notizia dell’attacco missilistico israeliano all’ospedale Al-Ahli a Gaza. Migliaia di palestinesi che avevano già perso le loro case si stavano rifugiando nell’ospedale, gestito dalla Chiesa anglicana.”

Il WCC ha sottolineato che “l’attacco equivale a una punizione collettiva, che è un crimine di guerra secondo il diritto internazionale. La comunità internazionale deve ritenere Israele responsabile dei crimini commessi contro i civili”.

L’attacco è avvenuto lo stesso giorno in cui i leader della Chiesa di Gerusalemme hanno organizzato una giornata di preghiera per la pace a Gaza, ha sottolineato il WCC.

“I fedeli di tutto il mondo si erano uniti in preghiera; ma Israele ha risposto con un attacco a un ospedale di proprietà della chiesa, provocando l’uccisione di centinaia – forse più di 1.000 – persone secondo i primi rapporti, e il ferimento di centinaia se non addirittura di persone. migliaia”, ha continuato il WCC.

La dichiarazione esorta il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a condannare questo atroce attacco contro l’ospedale e a chiedere al governo israeliano di fermare il violento bombardamento di Gaza e di aprire un corridoio umanitario.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ucraina, superata la linea rossa tra Nato e Russia. Con Biden fuori controllo

C'è aria di escalation tra l'Occidente e la Russia, un clima da guerra (ad avviso di molti osservatori 'poco...

DALLA CALABRIA

Il Csm nomina Bombardieri procuratore di Torino

Originario di Riace, 61 anni, il magistrato guidava dal 2018 la distrettuale di Reggio Calabria dopo essere stato aggiunto a Catanzaro

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)