14 Giugno 2024

Rubava pacchi spediti da Amazon, arrestata dipendente delle Poste

Correlati

Polizia postale BRESCIA – In collaborazione con Tutela Aziendale di Poste Italiane ed a seguito di diverse denunce e segnalazioni effettuate da Poste Italiane di sottrazioni di numerose spedizioni avvenute presso il Centro Primario di spedizione di Brescia di via Dalmazia accertate nel mese di giugno, questo ufficio effettuava accertamenti e indagini per poi procedere ad un’attività di appostamento mirato.

In particolare, l’appostamento effettuato nelle ore notturne da personale dipendente sorprendeva una impiegata postale, V.F. di anni 57, nell’atto di occultare nel proprio armadietto personale nr. 15 pacchettini diversi dei quali alcuni ancora sigillati e tutti, molto probabilmente, spediti tramite il circuito Amazon, dalla Cina.

Si effettuava una perquisizione presso l’abitazione della stessa rinvenendo centinaia di oggetti similari.
V.F. ammetteva di aver sottratto una parte di materiale al circuito postale, non riuscendo, però, a spiegare la provenienza della parte restante che veniva pertanto posta sotto sequestro. La dipendente veniva tratta in arresto per il reato di peculato e associata al carcere di Verziano.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Motonave rischia di affondare, in salvo le 85 persone a bordo

Una nave in servizio da Grado a Trieste ha lanciato un 'may day' per rischio affondamento mentre era in...

DALLA CALABRIA

Telefonini introdotti nel carcere di Cosenza, decine di indagati

Sono una cinquantina le persone indagate dalla Procura della Repubblica di Cosenza per un 'giro' di telefoni cellulari che...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)