Altolà della Cei alle Unioni civili, Bagnasco: Nozze camuffate

Angelo Bagnasco Cei sulle Unioni civili
Angelo Bagnasco

Nuovo altolà dei vescovi sulle Unioni civili e contro la pratica dell’utero in affitto che “sfrutta il corpo delle donne approfittando della povertà. E’ la posizione espressa dal presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco, nella relazione all’assemblea generale.

La legge sulle unioni civili – dice Bagnasco – “sancisce di fatto una equiparazione al matrimonio e alla famiglia” e “le differenze sono solo dei piccoli espedienti nominalisti, o degli artifici giuridici facilmente aggirabili, in attesa del colpo finale, così già si dice pubblicamente, compresa anche la pratica dell’utero in affitto, che sfrutta il corpo femminile profittando di condizioni di povertà”.

Il lavoro che manca – ha detto ancora – la povertà, le dipendenze come quelle legate al gioco d’azzardo sono i problemi del Paese rispetto ai quali “la gente vuole vedere il Parlamento impegnato senza distrazioni di energie e di tempo, perché questi sono i problemi veri del Paese, cioè del popolo. Per questo non si comprende come così vasta enfasi ed energia sia stata profusa per cause che rispondono non tanto a esigenze, già per altro previste dall’ordinamento giuridico, ma a schemi ideologici”.

Sempre più poveri in Italia – ha detto Bagnasco – e una ricchezza sempre più concentrata nelle mani di pochi, spesso anche corrotti. “La povertà assoluta – ha ricordato parlando all’Assemblea dei vescovi – investe 1,5 milioni di famiglie, per un totale di 4 milioni di persone, il 6,8% della popolazione italiana! Mentre la platea dei poveri si allarga inglobando il ceto medio di ieri, la porzione della ricchezza cresce e si concentra sempre più nelle mani di pochi, purtroppo a volte anche attraverso la via della corruzione personale o di gruppo”. (Ansa)

Condividi