Donna siriana con documento falso a Roma. Arrestata

Donna siriana con documento falso a Roma. ArrestataNel corso di un servizio di prevenzione presso la stazione ferroviaria di Roma Termini, gli agenti della Polizia di Stato in servizio alla Polfer, durante il deflusso dei viaggiatori provenienti da Venezia, hanno deciso di controllare una viaggiatrice che alla vista degli operanti ha assunto un atteggiamento sospetto.

Alla richiesta di fornire un documento, la donna ha consegnato una carta di identità che ha però insospettito immediatamente i poliziotti per la sua palese alterazione: le numerose anomalie nei “font” – tecniche di stampa, nell’intestazione e nella compilazione dei dati anagrafici.

Chiesta la provenienza del documento, la donna non è riuscita ad argomentare nulla perché non comprendeva la lingua italiana e parlava esclusivamente in lingua araba. Gli agenti della ferroviaria hanno così accompagnato la signora presso gli Uffici del Reparto di Stazione dove ha mostrato altri due documenti, entrambi autentici, uno rilasciato dalle Autorità greche in qualità di richiedente asilo – dal quale sono risaliti alla vera identità e l’altro totalmente scritto in arabo.

Dai successivi controlli sul documento e a seguito di accertamenti peritali è emerso che il supporto cartaceo era vero ma facente parte di un lotto rubato in bianco, mentre la personalizzazione era totalmente falsificata.

B.H., queste le sue iniziali, di origine siriana, 56 anni è stata arrestata mercoledì mattina per il reato di possesso di documenti falsi. Sono in corso indagini per risalire alla provenienza del documento falsificato della donna siriana.