La Camera approva le riforme costituzionali. Renzi: “Storico”

La Camera approva le riforme costituzionali. Renzi: "Storico"
Il tabellone della Camera col risultato voto sulle riforme costituzionali (Ansa)

La Camera ha approvato il Ddl Boschi sulle riforme costituzionali con 361 sì, 7 no e due astenuti. Erano presenti 370 deputati al momento del voto perché l’opposizione non ha votato. Il premier Renzi e il ministro delle riforme Maria elena Boschi hanno definito “storico” il risultato subito dopo il via libera.

Dopo due anni di lavoro, il Parlamento ha dato il via libera alla riforma costituzionale! Grazie a quelli che ci hanno creduto”. Lo scrive su Twitter il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi e aggiunge l’hashtag #lavoltabuona.

“Godiamoci il momento, è un risultato storico dopo trent’anni di lavoro. Siamo molto soddisfatti”, ha detto il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi dopo il voto della Camera sulla riforma costituzionale. E ha sottolineato che la maggioranza è stata “ampia”.

Soddisfatto anche Renzi: “una giornata storica per l’Italia, la politica dimostra di essere credibile e seria. Adesso noi chiederemo il referendum”, ha detto il premier aggiungendo che “la politica ha dimostrato che riforma sè stessa e la democrazia vince”.

la scheda riforme costituzionali
Grafico dell’Ansa 

E dopo il voto della riforma costituzionale, documento di Roberto Speranza, Gianni Cuperlo e Sergio Lo Giudice, che guidano le tre aree della minoranza Pd: Bisogna adesso “riaprire il capitolo della legge elettorale per la Camera. Legge da rivedere nel capitolo su consistenza e modalità di attribuzione del premio di maggioranza, sul nodo dei capolista plurimi a rischio di costituzionalità e su quelli bloccati. D’altronde è in corso una raccolta di firme per i referendum che chiedono di modificare l’Italicum”.

Berlusconi, riforma pericolosa, battaglia referendum – Una “riforma sbagliata e pericolosa”: così Silvio Berlusconi che in una nota aggiunge: “Ci batteremo al referendum per difendere la Repubblica Italiana dalla voglia di potere di un premier mai eletto”.

Grasso: “Ultimo presidente Senato? Aspettiamo referendum” – “Aspettiamo il Referendum”. E’ questa la risposta del presidente del Senato Pietro Grasso ai giornalisti che chiedono che effetto fa sapere di essere l’ultimo presidente del Senato. Nel suo discorso di presentazione in occasione della presentazione del Master in “Analisi e valutazione delle politiche pubbliche”, Grasso aveva già detto in riferimento alla Riforma Costituzionale: “quando e se entrerà in vigore”, a sottolineare che l’iter della Riforma non è ancora concluso.

Condividi

Rispondi