20 Luglio 2024

Agguato a Napoli, donna fa da scudo al figlio e viene ferita

Correlati

Amalia Sepe ferita per salvare figlio Giuseppe Telese Una donna di 57 anni, Amalia Sepe, è stata ferita in un agguato nel tentativo di fare da scudo al figlio. E’ successo nel Rione Don Guanella di Napoli.

La vittima risulta avere precedenti. I colpi l’hanno raggiunta al basso addome e all’inguine. Soccorsa e trasportata con un’ambulanza del 118 nell’ospedale Cardarelli di Napoli, non sarebbe in pericolo di vita.

L’agguato è scattato nell’abitazione del figlio, Giuseppe Telese, 33 anni, anche lui già noto alle forze dell’ordine. Amalia Sepe è stata colpita davanti alla porta d’ingresso da dove, presumibilmente, i sicari hanno sparato con l’intento di colpire, secondo i primi accertamenti, il figlio Giuseppe Telese. Sul tentato omicidio indagano le forze dell’Ordine.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ue, Fusaro: “Non cambia niente, stessi camerieri al servizio delle èlite ‘uccidentali'”

di Diego Fusaro "Il nuovo Parlamento Europeo, formatosi dopo le recenti elezioni, parte male, anzi malissimo: ha approvato la possibilità...

DALLA CALABRIA

Trentottenne trovato in possesso di oltre 8 kg di droga, in cella

Durante una perquisizione è stato trovato in possesso di oltre 8 chilogrammi di droga pronta per essere smerciata nelle...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)