21 Giugno 2024

Appalti truccati, quattro ufficiali in manette. Nei guai viceprefetto di Roma

Correlati

Base militare di Teulada - appalti truccati
Base militare di Teulada in provincia di Cagliari

Bari – Corruzione, truffa aggravata in danno di ente pubblico, turbata libertà degli incanti. Con queste accuse sono finite in manette quattro persone tra cui ufficiali in servizio e in congedo dell’Aeronautica Militare e dell’Esercito Italiano, un viceprefetto e alcuni imprenditori. Sono in tutto 16 le persone coinvolte.

Appalti truccati – I quattro avrebbero truccato appalti per lavori nella caserma Pisano di Capo Teulada, in provincia di Cagliari, nel centro immigrati di Borgo Mezzanone (Foggia) e per forniture destinate all’aeroporto militare di Bari-Palese. Le presunte gare truccate riguardano la ristrutturazione di due plessi, da adibire a mensa, nella caserma sarda.

Le misure cautelari in carcere sono scattate per Carlo Peluso, generale dell’Aeronautica militare in pensione, già Capo ufficio progetti del Genio Difesa e Vincenzo Anzivino, intermediario tra gli imprenditori e la pubblica amministrazione. Ai domiciliari sono invece andati Giuseppe Guastamacchia, titolare di un’impresa edile e Saverio Quartucci, ex colonnello della Aeronautica militare che dopo aver appeso la divisa si è dedicato all’imprenditoria.

Chiesta l’applicazione della misura interdittiva di due mesi per altri tre indagati, tra cui il vice prefetto di Roma Tommaso Ricciardi. Nei confronti di Peluso è stato eseguito un sequestro per l’equivalente di 40mila euro.

L’indagine è stata condotta dalla guardia di finanza di Gioia del Colle e coordinata dal pubblico ministero Francesco Bretone. I fatti contestati risalgono agli anni 2011-2012 e riguardano gare del ministero della Difesa e ministero degli Interni.

Le presunte gare truccate riguardano la ristrutturazione di due plessi, da adibire a mensa, nella caserma dell’Esercito Italiano Pisano di Capo Teulada, la fornitura e posa in opera di moduli abitativi per il centro immigrati di Borgo Mezzanone e l’installazione di impianti fotovoltaici.

Contestato anche il tentativo di turbare, nella fase istruttoria, le gare di appalto per l’approvvigionamento di materiale di pronto consumo, cosiddetto networking, e per l’acquisto di scaffalature metalliche per archivio dell’Istituto di Medicina Legale dell’Aeroporto militare di Bari-Palese.

“Le illecite interferenze nelle operazioni di gara relative alla ristrutturazione dei plessi in Capo Teulada ed alla fornitura e posa in opera di moduli abitativi in Borgo Mezzanone – spiega la Procura – sono state eseguite da Peluso in cambio della promessa di denaro di 40mila euro (per la prima commessa) e di altri vantaggi di natura patrimoniale (per la seconda) consistiti in due soggiorni familiari in una lussuosa struttura ricettiva del Salento”.

E’ di qualche settimana fa un’altra inchiesta in Puglia, a Taranto, che ha investito in pieno la Marina Militare. In manette finirono sette persone, cinque ufficiali, un sott’ufficiale e un civile accusati di presunta concussione sui lavori di manutenzione delle navi militari e sulle forniture alla Marina.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Vertice a Pyongayang, patto reciprocità militare tra Putin e Kim in caso di aggressione

"L'accordo globale di partenariato firmato oggi prevede anche la fornitura di assistenza reciproca in caso di aggressione contro una...

DALLA CALABRIA

Blitz antimafia nel Vibonese, arrestate 14 persone. Risolto un triplice omicidio

I carabinieri del Ros con i colleghi di Vibo Valentia e altri comandi hanno arrestato 14 persone nell'ambito di una...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)