Terremoto di magnitudo 6.1 in Perù, poi un’altro di 5.8. Panico


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Terremoto PerùDue forti scosse di terremoto di magnitudo 6.1 e 5.8 della scala Richter sono state registrate nel nord del Perù, al confine tra Ecuador e Colombia. Il più forte degli eventi si è verificato alle 12:49 ora locale (le 19.49 in Italia), il secondo alle 17.49 ora locale, sempre martedì.

Secondo i rilevamenti delle stazioni sismiche dell’Usgs, l’epicentro del primo sisma si trova nella regione di Loreto, nell’Amazzonia peruviana, con ipocentro a circa 10 chilometri di profondità. La seconda scossa all’incirca nella stessa area, a 14 chilometri.

Una delle città più popolose vicine al punto di rottura della faglia è Iquitos, (158 km), città con circa 350 mila abitanti dove le oscillazioni hanno creato non poco panico.

Soprattutto la prima scossa è stata distintamente avvertito in un ampio raggio tra i tre paesi. La zona epicentrale si trova a 230 chilometri da Quito, capitale dell’Ecuador, a 600 chilometri da Lima, capitale del Perù e a 400 km da Bogotà, capitale della Colombia.

Lo squotimento è stato forte, oltre che a Iquitos, a Yurimaguas, San Lorenzo, Nauta e altre città della regione di Loreto. Secondo le segnalazioni giunte sui social, il terremoto è stato avvertito anche nella regione di San Martín, area con quasi 700 mila abitanti il cui capoluogo è Moyobamba.

La Protezione civile peruviana, subito attivata, da una prima ricognizione non avrebbe rilevato crolli e danni a cose o persone.

In molte delle città interessate, scrive il quotidiano peruviano “El Comercio”, persone hanno lasciato i posti di lavoro per riversarsi in strada spaventati per la forte scossa. L’istituto di geofisica del Perù dà come magnitudo 6.2 della scala Richter.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM