13 Luglio 2024

L’Ungheria teme che alcuni paesi UE possano inviare truppe in Ucraina

Il primo ministro Victor Orbàn: "Il governo ungherese è preoccupato per le forniture di armi all'Ucraina e teme che alcuni paesi dell'Unione possano inviare sul fronte di guerra le proprie truppe. Bisogna seguire percorsi di pace, anziché alimentare il conflitto"

Correlati

“Il governo ungherese è preoccupato per le forniture di armi all’Ucraina e teme che alcuni paesi dell’UE possano inviare sul fronte di guerra le proprie truppe”. Lo ha dichiarato lunedì il primo ministro ungherese Viktor Orbàn citato dall’agenzia Tass.

Il capo del governo ha espresso seria preoccupazione per il fatto che “l’intera Europa stia scivolando in una guerra passo dopo passo”, mentre i paesi dell’Unione europea stanno inviando carri armati in Ucraina e stanno cercando di rifornirla di aerei da combattimento. “Se le cose continuano in questo modo, ci sarà chi potrebbe voler inviare truppe in Ucraina”, ha detto in apertura della sessione primaverile del parlamento ungherese.

Orbàn ha sottolineato che il suo governo insiste per risolvere il conflitto ucraino con mezzi pacifici e ha invitato i legislatori a sostenere questa posizione. “Vogliono trascinarci in questa guerra, ma vi invito a non cedere alle provocazioni”, ha detto Orbàn.

“Abbiamo bisogno di un cessate il fuoco, abbiamo bisogno di colloqui di pace. Ecco perché l’Ungheria insiste sulla pace in tutti i forum internazionali”, ha detto il primo ministro, aggiungendo che per questi motivi l’Ungheria sostiene il piano di pace della Cina per l’Ucraina.

L’esponente ungherese ha ribadito di essere ancora contrario alle sanzioni anti-russe dell’Unione Europea, soprattutto nel settore energetico, ricordando che le restrizioni sulle forniture di gas e petrolio russo avevano provocato un drammatico aumento dei prezzi e la spesa dell’Ungheria per le fonti energetiche era aumentata di dieci miliardi di euro nel 2022. “Bruxelles ha prelevato questi soldi dalle tasche degli ungheresi con l’uso delle sanzioni”, ha attaccato Victor Orbàn.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nuovo orribile massacro israeliano a Gaza, cento morti e centinaia di feriti

Raid delle forze di occupazione in un villaggio che ospita migliaia di sfollati palestinesi. Il bilancio delle vittime dal 7 ottobre è salito a 38.443 vittime accertate, con ulteriori 88.481 feriti. La maggior parte dei morti sono donne e bambini

DALLA CALABRIA

Incendi, in fiamme uno stabilimento di gomma. E’ allarme inquinamento nel reggino

Un incendio di vaste proporzioni è scoppiato all'interno di uno stabilimento utilizzato in passato come deposito di rifiuti e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)