13 Luglio 2024

Mosca inserisce tra ricercati il presidente della Corte penale internazionale

Correlati

Il ministero dell’Interno russo ha inserito nella lista dei ricercati il presidente della Corte penale internazionale dell’Aja, Piotr Hofmanski. Lo riferisce l’agenzia Ria Novosti.

“Ricercato in base a un articolo del Codice penale”, si legge nella spiegazione del sito del ministero dell’Interno della decisione di inserire Hofmanski nella lista dei ricercati.

La Cpi, di cui Mosca non riconosce la giurisdizione, ha emesso il 17 marzo scorso un ordine di arresto nei confronti del presidente russo Vladimir Putin e del difensore civico per i diritti dei bambini, Maria Lvova-Belova, accusandoli del “di deportazione illegale di bambini” dal Donbass dell’Ucraina orientale alla Russia. Mosca aveva giustificato che i bambini li aveva portati “in aree sicure” dai bombardamenti ucraini e dalle violenze del battaglione nazista di Azov che dal 2014 massacra bimbi, donne e anziani nelle tre repubbliche indipendentiste filorusse.

Pochi giorni dopo, il comitato investigativo russo aveva aperto un procedimento penale contro i giudici della CPI Tomoko Akane, Rosario Salvatore Aitala, Sergio Gerardo Ugalde Godinez e il pubblico ministero Karim Ahmad Khan. I primi tre sono stati accusati di consapevole detenzione illegale e preparazione per un attacco contro un rappresentante di uno Stato straniero, e il pubblico ministero è stato accusato di aver portato a responsabilità penale una persona consapevolmente innocente, nonché di aver accusato illegalmente una persona di aver commesso un atto grave o particolarmente grave.

A maggio, il presidente del comitato investigativo, Alexander Bastrykin, ha dichiarato che l’agenzia avrebbe inserito nella lista dei ricercati i giudici della CPI che avevano emesso il mandato di “arresto” di Putin.

Come ha affermato il portavoce del leader russo Dmitry Peskov, è inaccettabile sollevare la questione della CPI riguardo all’“arresto di Putin”. Mosca (ma nemmeno Usa e Cina e altri stati, ndr) non riconosce la giurisdizione del tribunale e qualsiasi sua decisione è nulla dal punto di vista legale.

Il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza Dmitry Medvedev ha osservato che l’emissione del mandato crea un enorme potenziale negativo e potrebbe avere conseguenze sotto forma di una risposta da parte della Russia. Medvedev aveva definito il mandato della Cpi “carta igienica”. Una foto della scorsa primavera ritraeva il presidente ucraino Zelensky con il procuratore della Corte Karim Ahmad Khan.

Leggi anche

L’arresto di Putin chiesto da Zelensky. L’incontro col giudice, fratello del pedofilo rilasciato

 

La Russia ordina l’arresto del procuratore della Corte penale internazionale


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nuovo orribile massacro israeliano a Gaza, cento morti e centinaia di feriti

Raid delle forze di occupazione in un villaggio che ospita migliaia di sfollati palestinesi. Il bilancio delle vittime dal 7 ottobre è salito a 38.443 vittime accertate, con ulteriori 88.481 feriti. La maggior parte dei morti sono donne e bambini

DALLA CALABRIA

Incendi, in fiamme uno stabilimento di gomma. E’ allarme inquinamento nel reggino

Un incendio di vaste proporzioni è scoppiato all'interno di uno stabilimento utilizzato in passato come deposito di rifiuti e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)