8 Dicembre 2021

Usura, prestito di 6mila euro diventa 43mila. Dentro padre e figlio

Stessa categoria

Melzo  Usura, prestito di 6mila euro diventa 43mila. Dentro padre e figlioI Carabinieri della Compagnia di Cassano d’Adda (Miilano) hanno chiuso le indagini scaturite dalla denuncia di un imprenditore 33enne, originario di Como, che si era presentato in caserma all’inizio del mese per denunciare di essere vittima di minacce.

Le immediate verifiche avviate dai Carabinieri hanno permesso di ricostruire come l’uomo avesse contratto un debito di gioco di 6 mila euro nei confronti di due italiani, padre 66enne e figlio 38enne, organizzatori di un giro di poker clandestino in un bar della periferia di Monza.

Nel giro di poco più di un anno il debito era cresciuto sino a 43 mila euro e le pressioni dei baristi si erano fatte pesantissime, sino a culminare in telefonate minatorie e, da ultimo, in una rapina, perpetrata ad agosto, quando l’imprenditore era stato aggredito e costretto a consegnare il portafogli.

Il 9 settembre scorso i militari dell’Arma, appostatisi a Melzo (Mi), in via Mosè Bianchi, hanno quindi tratto in arresto in flagranza di reato il padre, sorpreso mentre riceveva dalla vittima 2 mila euro in contanti. Procedendo all’immediata perquisizione del locale del capoluogo brianzolo i Carabinieri hanno rinvenuto altri 2 mila euro in contanti, assegni bancari, un’agenda con l’annotazione di somme di denaro dovute, oltre a carte da poker e fiches, il tutto riconducibile il gioco d’azzardo.

Infine, il 20 settembre, l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere ha portato dietro le sbarre anche il figlio, identificato quale autore della rapina. I due uomini risponderanno assieme dei reati di usura ed estorsione in concorso.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER