In tre assaltano gioielleria, l’orefice spara e uccide un bandito

E' successo a Frattamaggiore (Na). Un secondo malvivente è stato bloccato da un poliziotto fuori servizio, mentre il terzo è in fuga. Il rapinatore ucciso era entrato con una maschera di carnevale e armato

Carlomagno Jeep agosto 18
Il corpo del rapinatore ucciso dal gioielliere a Frattamaggiore
Il corpo del rapinatore ucciso dal gioielliere (Ansa)

Tragica rapina sabato sera a Frattamaggiore, in provincia di Napoli. Tre rapinatori hanno fatto irruzione prima della chiusura in una gioielleria di via Roma. L’orefice alla vista di uno di loro armato e con una maschera di carnevale sul volto ha estratto la sua pistola e ha sparato uccidendolo.

Un poliziotto fuori servizio, intuendo cosa stava succedendo ha inseguito gli altri due banditi in fuga ed è riuscito a bloccarne uno dopo momenti concitati. Luigi Lauro, casertano di 28 anni, questo il nome del secondo bandito, è stato disarmato dall’ispettore mentre gli puntava contro un’arma. In Commissariato avrebbe fatto il nome del malvivente ucciso dal gioielliere, che sarebbe Raffaele Ottaiano.

Quest’ultimo sarebbe entrato nella gioielleria con una maschera di carnevale in testa e in mano una pistola a tamburo. Il gioielliere ha reagito estraendo la sua pistola, e sparando. Il bandito colpito a morte è stramazzato al suolo a qualche decina di metri dalla gioielleria. In fuga il terzo complice, che è ricercato dalle forze dell’ordine.