Terrorismo. Caccia a tunisino, vorrebbe compiere attentati a Roma

Secondo una lettera anonima inviata all'ambasciata a Tunisi, l'uomo avrebbe intenzione di attaccare bar e siti turistici nella capitale. I carabinieri sono sulle sue tracce

Carlomagno Lancia Ypsilon ibrida Giugno 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Atef Mathlouthi
Atef Mathlouthi, tunisimo 41enne, sospettato di essere un islamista radicale

I carabinieri di Roma da ieri stanno attivamente ricercando un tunisino di 41 anni, Atef Mathlouthi, che, secondo una lettera anonima arrivata all’ambasciata a Tunisi, avrebbe manifestato l’intento di compiere attentati a Roma.

L’uomo, che in passato è stato più volte arrestato a Palermo per spaccio di droga, avrebbe espresso l’intenzione di colpire bar, siti turistici, centri commerciali. Sono in corso accertamenti.

I militari sarebbero sulle sue tracce. Non si sa se lo spacciatore si sia radicalizzato o se abbia dei contatti nel mondo jihadista. Rafforzate le misure di sicurezza e antiterrorismo nella Capitale.

E’ massima attenzione alle iniziative religiose per le prossime festivitàdella Pasqua, in particolare alla via Crucis in programma al Colosseo venerdì sera, e alle chiese presenti in città.

Rafforzata la vigilanza dei palazzi istituzionali, ma anche delle aree pedonali affollate, centri commerciali, metro, stazioni e aeroporti. Sotto osservazione sono gli ambienti vicini all’estremismo islamico e radicalismo religioso. Previsti anche controlli ai valichi di frontiera.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM