1 Ottobre 2022

Migranti, scoperto il trucco degli scafisti per portare clandestini in Italia

81 persone sono state fatte sbarcare a Licata. Fermati 7 scafisti per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. La Polizia ha filmato tutte le fasi del traffico

Correlati

Migranti, scoperto il trucco degli scafisti per portare clandestini in Italia
Un momento del trasbordo filmato dalla Polizia

Dalla Libia, a bordo di pescherecci, trasportano migranti in acque internazionali per poi trasferirli su barchini di pochi metri e lasciarli approdare in Italia, in balia delle onde. E’ questo il trucco utilizzato dai trafficanti di esseri umani per non farsi intercettare e tornare indisturbati in Africa.

A scoprirlo la Polizia di Stato che nell’ambito di inchieste sul traffico di migranti, ha monitorato e filmato tutte le fasi di un trasbordo i cui migranti, 81 in tutto, sono poi stati fatti sbarcare nel porto di Licata (Agrigento) dopo che il peschereccio è stato intercettato dalla Guardia di finanza che ha disposto un primo approdo sull’isola Pelagie e fermato 7 scafisti per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: si tratta di sei egiziani e un tunisino.

Nelle immagini, catturate dalla Polizia, grazie a un velivolo di Frontex, si vede il peschereccio che traina un barchino vuoto. Quando si trova al largo, i trafficanti fanno trasbordare i migranti sulla piccola imbarcazione abbandonandola al suo destino, per poi tornare in Africa per una nuova “missione”. Ma a quel punto sono intervenute le Fiamme gialle che hanno bloccato la “nave madre” prima a largo di Lampedusa, poi conducendola in Sicilia.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

“Mondo di Mezzo”, la Cassazione condanna in via definitiva Buzzi e Carminati

La sentenza ieri sera. I supremi giudici della Seconda sezione penale della Suprema Corte hanno convalidato in via definitiva le condanne a dieci anni per Carminati e a 12 anni e dieci mesi per Buzzi. L'ex ras delle cooperative dopo la pronuncia dei giudici è stato arrestato dai Carabinieri del Ros in Calabria. Deve espiare la pena residua di 7 anni e 3 mesi. Carminati è già in carcere.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER