Potente terremoto in Albania, magnitudo 6.5. Crolli e decine di feriti

Epicentro vicino Durazzo, dove vi sarebbero crolli e gente sotto le macerie. Avvertito anche nel centro sud Italia. È il più forte sisma negli ultimi 30 anni nel paese delle Aquile

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Una fortissima scossa di terremoto, di magnitudo 6.5 è stata registrata alle ore 3.54 di stanotte in Albania.

Il sisma, rilevano gli istituti di vulcanologia, è stato localizzato a 10 chilometri di profondità con epicentro sulla terraferma, non lontano da Durazzo e a una trentina di km da Tirana.

Secondo le prime informazioni, la scossa è stata distintamente avvertita per un raggio di diverse centinaia di km, nei Balcani, ma anche in Italia, in particolare in Puglia, Basilicata, Campania e Calabria.

Non si hanno al momento notizie di danni a cose o persone, ma c’è apprensione per i luoghi vicini all’epicentro, molto popolata. Stando ai media locali, diversa è la gente scesa in strada in preda al panico.

Qualche minuto dopo quella principale, secondo il sito Emsc, ne è stata registrata una di magnitudo 5.3 e un’altra ancora intorno al grado 4, sempre nella stessa area.

I media locali, scrive l’Ansa, riferiscono di numerosi danni agli edifici e di decine di persone arrivate in ospedale con fratture e altre lesioni. Ci sarebbero persone sotto le macerie a Durazzo, molto vicina all’epicentro del sisma. Ancora non ci sono conferme ufficiali da parte delle autorità.

Il governatore pugliese Michele Emiliano su Twitter: “La scossa di #terremoto delle ore 3.54 è stata avvertita in provincia di Bari, Bat, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto. Dalla sala della protezione civile della @RegionePuglia non risultano allo stato segnalazioni di danni in Puglia.
Vi aggiorno se emergeranno fatti rilevanti”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM