23 Febbraio 2024

Lucravano sul Covid, arrestati l’assessore della Calabria Minenna e l’ex deputato leghista Pini

"Pactum sceleris" tra i due arrestati. 34 le persone indagate nell'inchiesta della Procura di Forlì, tra cui appartenenti delle forze dell'ordine, funzionari della prefettura di Ravenna, dell'Ausl Romagna. Avrebbero lucrato su una fornitura di mascherine. L'inchiesta scaturita da un carico di droga

Correlati

L’ex direttore dell’Agenzia delle Dogane Marcello Minenna, ex assessore grillino del Comune di Roma e attuale assessore all’Ambiente della Regione Calabria, è stato arrestato nell’ambito di un’inchiesta della procura di Forlì. L’economista si trova ai domiciliari. L’indagine riguarda vari episodi di corruzione ed è scaturita da un’inchiesta sul traffico di droga.

In manette anche l’ex parlamentare della Lega Gianluca Pini, non più in carica dal 2018, nonché funzionari della prefettura di Ravenna e dell’Ausl Romagna. In tutto sono stati 34 i provvedimenti cautelari. Fra le accuse rivolte a Pini quelle di aver ottenuto un appalto dall’Ausl Romagna.

Secondo l’ipotesi accusatoria della procura di Forlì, Pini avrebbe ottenuto un appalto milionario dall’Azienda Ausl Romagna per la fornitura di mascherine, nonostante non esistesse nessuna specifica attitudine aziendale, lucrando così anche sulla pandemia del 2020.

Si tratterebbe di una truffa dal valore di oltre tre milioni e mezzo per fornire all’Ausl Romagna milioni di mascherine che in quel momento, nelle strutture sanitarie, erano pressoché introvabili. La procura di Forlì contesta all’ex parlamentare leghista il reato di truffa per la fornitura di mascherine, importate dalla Cina, prive delle necessarie certificazioni. La fornitura delle mascherine inidonee, cioè prive dei requisiti e con false certificazioni, sarebbe cominciata nei primissimi giorni della pandemia. Risale infatti al 16 marzo 2020 un accordo quadro fra la Codice srl, rappresentata dall’ex parlamentare leghista Gianluca Pini e l’Ausl Romagna. Le mascherine erano importate da un’azienda cinese. Secondo le ipotesi della procura, determinante è stata da parte dell’Agenzia delle Dogane, la connivenza nell’importazione

Un “pactum sceleris” fra Gianluca Pini e Marcello Minenna: è l’ipotesi dei pm di Forlì che ha portato agli arresti domiciliari dei due.

Secondo i pm, Pini aveva promesso a Minenna di “accreditarlo all’interno della Lega in modo venisse considerato un uomo di quel partito e gli prometteva la conferma della nomina a Dg dell’Agenzia delle Dogane a seguito del cambio del governo, che effettivamente otteneva”.

Minenna, continuano i pm, “accettava le promesse in cambio dell’asservimento della sua funzione pubblica”, in particolare “alle richieste di Pini in occasione di importazione di merci” fra cui le mascherine al centro dell’inchiesta.

Coinvolti anche un poliziotto, un carabiniere e un dipendente della Prefettura di Ravenna nella rete dell’imprenditore ed ex parlamentare leghista Gianluca Pini, che ha portato all’arresto di Minenna.

Secondo quanto ricostruito dalla procura di Forlì, sono coinvolti in posizioni minori, ma i casi riportati sono emblematici del modus operandi. Il poliziotto della Digos di Forlì sarebbe stato aiutato da Pini a essere trasferito in un altro ufficio e in cambio faceva, su richiesta, accessi abusivi al sistema informativo sul conto di persone sulle quali l’ex parlamentare voleva avere informazioni.

Stesso copione per un luogotenente dei carabinieri, trasferito grazie all’aiuto di Pini, che svolgeva accessi al sistema su richiesta. Nel caso del funzionario della prefettura, secondo quanto ricostruito dai pm forlivesi, Pini avrebbe procurato un posto di lavoro alla figlia dell’impiegato che per sdebitarsi aveva aiutato un amico di Pini nel rilascio del porto d’armi.

Chi è Minenna

Marcello Minenna, l’ex direttore dell’Agenzia delle dogane arrestato e posto ai domiciliari nell’ambito di un’inchiesta della Procura della Repubblica di Forlì, è stato nominato assessore di area tecnica della Regione Calabria il 31 gennaio scorso.

Lo scorso gennaio il presidente Roberto Occhiuto gli aveva attribuito le deleghe all’Ambiente, alle Partecipate ed ai Fondi comunitari.

Minenna era subentrato come assessore al dimissionario Mauro Dolce, anche lui tecnico, che aveva però le deleghe alle Infrastrutture ed ai Lavori pubblici, settori che il presidente Occhiuto attualmente gestisce direttamente.

Minenna ha 52 anni ed è originario di Bari. È un economista ed è professore a contratto di Teorie e Politiche per lo sviluppo economico all’Università La Sapienza e di Econometria finanziaria e Finanza empirica all’Università telematica San Raffaele.

In passato Minenna è stato anche assessore tecnico al Bilancio, Patrimonio, Partecipate, Politiche Sociali e Spending review di Roma Capitale, quando la giunta era targata Cinquestelle con sindaco Virginia Raggi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Operazione antimafia della Dda di Catanzaro, 22 arresti

Un'operazione contro la 'ndrangheta è stata eseguita la scorsa notte nel Catanzarese. I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)