20 Febbraio 2024

Arresto Minenna e Pini, inchiesta partita da un sequestro di cocaina

Correlati

Tutta l’inchiesta della Procura di Forlì che ha portato all’arresto, fra gli altri, di Marcello Minenna, ex dg del’Agenzia delle Dogane, e di Gianluca Pini, già deputato della Lega, è partita da un sequestro di 28 chili di cocaina nel gennaio 2020. Dalle indagini è infatti emerso che, dietro alla droga sequestrata su un camion proveniente dal Belgio, c’era un imprenditore forlivese con precedenti, che lavora nel settore dell’autotrasporto.

Dalle intercettazioni, i pm della procura di Forlì avrebbero scoperto che aveva un consolidato rapporto con l’ex parlamentare leghista Pini, non più in carica dalle elezioni del 2018. La procura romagnola accusa i due di un vero sistema, con scambi di favori. “Un vero Pactum sceleris”, dicono i magistrati.

L’imprenditore forlivese, per il quale si ipotizza il traffico internazionale di stupefacenti, investiva il denaro in attività apparentemente lecite. Pini, secondo gli inquirenti, avrebbe creato legami in varie istituzioni: le misure cautelari hanno riguardato infatti anche funzionari dell’Usl Romagna, appartenenti alle forze dell’ordine e un funzionario della prefettura di Ravenna.

Nell’inchiesta si parla anche di un maxiappalto con l’Usl Romagna per la fornitura di mascherine. Secondo l’ipotesi accusatoria della procura di Forlì, il parlamentare avrebbe ottenuto un appalto milionario dall’Azienda Usl Romagna per la fornitura di mascherine, nonostante non esistesse nessuna specifica attitudine aziendale, lucrando così anche sulla pandemia di Covid.

Un presunto “pactum sceleris” fra Pini e Minenna, quello ipotizzato dai pm di Forlì. Secondo gli inquirenti, Pini aveva promesso a Minenna di “accreditarlo all’interno della Lega in modo venisse considerato un uomo di quel partito e gli prometteva la conferma della nomina a dg dell’Agenzia delle Dogane a seguito del cambio del governo, che effettivamente otteneva”.

Minenna, continuano i pm, “accettava le promesse in cambio dell’asservimento della sua funzione pubblica”, in particolare “alle richieste di Pini in occasione di importazione di merci” fra cui le mascherine al centro dell’inchiesta.

La carriera di Minenna
Marcello Minenna, 52 anni, è originario di Bari. Economista e professore a contratto di Teorie e Politiche per lo sviluppo economico all’Università La Sapienza di Roma e di Econometria finanziaria e Finanza empirica all’Università telematica San Raffaele, è stato recentemente nominato assessore di area tecnica della Regione Calabria (il 31 gennaio scorso). Il presidente, Roberto Occhiuto, che ha subito dichiarato di fare sue le deleghe di Minenna, gliele aveva attribuite per l’Ambiente, le Partecipate e i Fondi comunitari. L’economista era subentrato come assessore al dimissionario Mauro Dolce, anche lui tecnico, che aveva però le deleghe alle Infrastrutture e ai Lavori pubblici, settori che il presidente Occhiuto attualmente gestisce direttamente. In passato, Minenna era stato anche assessore tecnico al Bilancio, Patrimonio, Partecipate, Politiche Sociali e Spending review del comune di Roma Capitale, nella Giunta Raggi.

La carriera di Pini
In Parlamento per tre legislature, dal 2006 al 2018, eletto in Romagna con la Lega, Gianluca Pini ha 50 anni e per oltre un decennio, dal 1999 al 2015, è stato il segretario nazionale della Romagna, che nell’organizzazione leghista è sempre stata distinta dall’Emilia. La sua stella si è offuscata quando, al congresso del 2017, sostenne il candidato autonomista Gianni Fava contro Matteo Salvini. Alle elezioni del 2018 decise di non ricandidarsi per tornare a dedicarsi a tempo pieno alle sue attività imprenditoriali.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

In casa custodisce due kg di droga, scoperto e arrestato

Un 39enne di Mesoraca (Crotone), è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di detenzione di sostanze stupefacenti. I militari della...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)