Turchia pronta a raid in Siria. Curdi assediati. Trump: “Non li abbandono”

Carlomagno campagna Jeep Compass Ottobre 2019

L’artiglieria turca avrebbe colpito nella notte la regione nord-orientale siriana al confine con l’Iraq. Lo riferisce la Sana, l’agenzia governativa di Damasco, che mostra foto e video dei bombardamenti avvenuti nei pressi del valico frontaliero di Simalka, tra Iraq e Siria, e corridoio vitale per i rifornimenti militari e logistici della Coalizione anti-Isis a guida Usa e per le forze curdo-siriane. Questa notizia non ha trovato conferma da parte turca né dalle autorità curdo-siriane.

Intanto la Turchia risponde agli Usa “non cediamo alle minacce di nessuno”. “Il nostro messaggio alla comunità internazionale è chiaro. La Turchia non è un Paese che agisce sotto minaccia”. Lo ha detto il vicepresidente turco, Fuat Oktay, riferendosi alle parole di Donald Trump su eventuali choc all’economia turca in caso il governo di Recep Tayyip Erdogan superi “i limiti” nell’imminente operazione militare contro le milizie curde dell’Ypg nel nord-est della Siria. Quando si tratta della sua “sicurezza, la Turchia segue la propria strada” e lo fa “a qualunque prezzo”, ha aggiunto Oktay, intervenendo a una cerimonia di apertura dell’anno accademico ad Ankara.

Trump: “Non lasceremo soli i Curdi”
“Lasciamo la Siria, ma non abbandoniamo i curdi”. Lo dice il presidente Usa Trump dopo l’annuncio di un ritiro delle truppe nel nord del Paese, che aprirebbe la strada a un’offensiva turca contro i combattenti curdi.

“Se la Turchia interverrà sul nostro territorio sarà un tradimento dell’Occidente. Vorrà dire che la coalizione era sul territorio solo per l’Isis, non per la libertà di tutti”. Così Issa, comandante delle milizie femminili curde in visita in Italia. E invita a impegnarsi per “una conferenza di pace”.