26 Gennaio 2022

Attentato a Parigi nei pressi della ex redazione di Charlie Hebdo, 2 feriti gravi

Stessa categoria

E’ di due persone ferite a coltellate il bilancio provvisorio di un attacco a Parigi avvenuto nei pressi della ex redazione di Charlie Hebdo. Lo scrive Le Monde.

Si tratta di dipendenti dell’agenzia di stampa First Lines, che, secondo la Polizia, si trovano in gravi condizioni. La Polizia ha annunciato che un “sospetto” è stato arrestato vicino a Place de la Bastille.

L’attacco è avvenuto nei pressi degli ex locali di Charlie Hebdo, dove si trova l’agenzia First Lines, mentre è attualmente in corso il processo sugli attentati omicidi del gennaio 2015, culminato con 12 persone uccise, tra redattori e vignettisti, da islamici in ritorsione alle vignette oltraggianti l’Islam e Maometto.

Migliaia di studenti nelle scuole dell’11esimo arrondissement sono stati confinati negli edifici fino a nuovo avviso. È in corso un intervento della polizia nella zona di Boulevard Richard-Lenoir, annunciato intorno a mezzogiorno dalla Prefettura di Polizia di Parigi, che consiglia di evitare di circolare in zona.

Ignoti per adesso i motivi dell’aggressione armata. Ma potrebbe essere legata sempre contro il giornale satirico che nei giorni scorsi ha ripreso la pubblicazione di vignette offensive nei confronti di Maometto e dei musulmani.

“Si tratta, chiaramente, di un atto di terrorismo islamista. E’ un nuovo sanguinoso attacco torno il nostro paese, contro dei giornalisti”, ha detto il ministro dell’Interno francese, Gerald Darmanin, commentando l’attentato davanti all’ex redazione di Charlie Hebdo. Intanto, alcune persone sono state fermate e vengono interrogate insieme con Alì H., l’autore dell’attentato, e del presunto complice algerino.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Licata, uccide 4 familiari tra cui due nipotini, poi tenta il suicidio

La strage sarebbe stata originata da una lite in famiglia per motivi di interesse legati alla suddivisione di alcuni terreni dove coltivano carciofi

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER