1 Marzo 2024

Ondata di violenza in Ecuador, morti e feriti. Si rischia la guerra civile

Il paese sudamericano nel caos dopo la fuga del narcotrafficante Fito che ha costretto il presidente Noboa a dichiarare lo stato di emergenza e il coprifuoco. E' scontro violento tra bande criminali e militari governativi. I disordini aumentano, mentre Quito incassa il sostegno dell'Ue e dell'Italia

Correlati

I giudici e i pubblici ministeri che aiutano i terroristi saranno considerati terroristi, ha avvertito oggi il presidente dell’Ecuador, Daniel Noboa, che ha anche sfidato i criminali e ha detto che dovrebbero affrontare l’esercito “se hanno coraggio”, nel mezzo di una crescente ondata di violenza nel paese che ha causato almeno 11 morti, secondo un bilancio provvisorio.

“Se volete resistere e mettervi in ​​mostra, siate coraggiosi e combattete contro i militari”, ha detto Noboa alle bande criminali classificate come “organizzazioni terroristiche” e ha rivelato che più di 200.000 persone compongono queste associazioni illecite.

“Non ci arrenderemo. Non lasceremo che la società muoia lentamente. Oggi li combatteremo e forniremo soluzioni”, ha detto il presidente. Riguardo alle 22 bande criminali ora considerate terroristiche dopo un decreto del suo governo, Noboa ha ribadito che “si tratta di obiettivi militari”.

“Le Forze Armate sono responsabili della strategia per affrontarli e, poiché sono considerati terroristi, applicano altre condizioni nello scontro”, ha affermato.

Allo stesso modo, ha sostenuto che anche i giudici che aiutano le bande criminali organizzate nelle loro risoluzioni saranno considerati parte di quel gruppo terroristico. “Considereremo i giudici e i pubblici ministeri che sostengono i leader identificati di questi gruppi terroristici come parte del gruppo terroristico”, ha affermato.

Secondo la Polizia Nazionale, sono morte circa undici persone, quattro sono state segnalate nel distretto di Esteros, altre quattro a Pascuales, due in Florida e una a Estero.

Tuttavia, secondo il quotidiano El Diario, il bilancio delle violenze causate dalle bande criminali sale a 13 morti, diversi feriti e 70 detenuti, soprattutto nella provincia ecuadoriana di Guayaquil. Il giornale indica che Guayaquil è stata effettivamente l’epicentro delle violenze, con 29 attacchi contro edifici, tra cui cinque ospedali e il canale pubblico TC Televisión, attaccato da “un gruppo di terroristi” che sono stati poi arrestati.

L’ondata di violenza innescata dall’improvvisa comparsa di gruppi criminali dopo che il presidente Daniel Noboa ha decretato uno stato d’emergenza di 60 giorni con l’imposizione del coprifuoco, in seguito all’evasione da un carcere di Guayquil di Adolfo Macias alias “Fito”, leader dei Choneros, una delle potente gang di narcotrafficanti.

La dichiarazione dello stato di emergenza limita numerosi diritti dei cittadini. Al momento vige un coprifuoco nazionale che durerà 60 giorni, dalle 23:00 alle 5:00 (ora locale), dal lunedì alla domenica, e che dovrà terminare l’8 marzo, a meno che le autorità non decidano di estenderlo.

In mezzo ai disordini, la Conferenza Episcopale Ecuadoriana attraverso le sue reti sociali ha lanciato un appello alla pace in cui ha affermato che “la violenza non prevarrà” e ha chiesto l’unione di tutti i cittadini.

“Ecuadoriani, è tempo di unirsi, non di dividere, è tempo di lottare insieme, non di lottare gli uni contro gli altri, è tempo di fraternità, è tempo di PACE”, ha dichiarato l’istituzione nel messaggio pubblico. Il vertice dei vescovi ha affermato che “la violenza non prevarrà”.

Tajani: “Sostegno alle istituzioni democratiche”

“Seguiamo con preoccupazione l’evolversi dei gravi atti di violenza avvenuti negli ultimi giorni in Ecuador per mano di organizzazioni criminali. Esprimo la mia vicinanza alle famiglie delle vittime e il mio pieno sostegno al popolo ecuadoriano e le istituzioni elezioni democratiche”, ha affermato il vice premier e ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, attraverso X.

A sua volta, il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell, ha denunciato questo mercoledì che la crisi di violenza in Ecuador costituisce un “attacco diretto alla democrazia” di quel paese, e ha affermato che il blocco “sta accanto al popolo dell’Ecuador e alle sue istituzioni”.

“Profondamente preoccupato per l’aumento della violenza in Ecuador orchestrata da gruppi criminali. È un attacco diretto alla democrazia e allo stato di diritto”, ha dichiarato il diplomatico spagnolo in un messaggio sulla rete X (ex Twitter). “L’UE è al fianco del popolo dell’Ecuador e delle sue istituzioni democratiche ed esprime solidarietà alle vittime”, ha aggiunto.

Mercoledì l’Ecuador ha vissuto il terzo giorno consecutivo di violenza promossa da gruppi criminali e narcotrafficanti, tra enormi misure di sicurezza, attività commerciali chiuse e paura generale.

Il drammatico peggioramento della situazione della sicurezza in Ecuador ha portato il presidente Daniel Noboa a dichiarare martedì un “conflitto armato interno” dovuto alle azioni di bande criminali. Solo un giorno prima aveva dichiarato lo stato di emergenza per un periodo di 60 giorni.

Noboa ha ordinato alle forze armate di “effettuare operazioni militari (…) per neutralizzare” una ventina di gruppi criminali, che ha definito “organizzazioni terroristiche e figure non statali belligeranti”.

Martedì, un commando di uomini incappucciati e pesantemente armato ha fatto irruzione nello studio di un canale televisivo nella città costiera di Guayaquil, mentre i giornalisti trasmettevano un telegiornale in diretta, con immagini che hanno scioccato il Paese.

Questo attacco alla sede del canale TC Television ha aumentato il panico tra la popolazione, che ha rapidamente abbandonato le strade per rifugiarsi nelle proprie case.

In un video diffuso martedì sera, l’ex presidente ecuadoriano Rafael Correa (avversario politico di Noboa) ha offerto il suo “sostegno illimitato” alle misure di emergenza, sostenendo che “è tempo di unità nazionale”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Da Israele nuovo massacro a Gaza. Uccisi oltre cento palestinesi in coda per il cibo

Nuova carneficina dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Oltre cento palestinesi sono stati uccisi mentre erano in fila per...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)