20 Maggio 2022

Veneto, Bossi accusa Salvini: "Un errore cacciare Tosi"

Stessa categoria

Bossi e Tosi in una foto del 2012
Bossi e Tosi in una foto del 2012 (Ansa/Bolzoni)

Il leader storico della Lega Nord, Umberto Bossi riconosce il grossolano errore di Matteo Salvini di espellere Flavio Tosi dal movimento padano.

L’ex segretario del Carroccio, dopo settimane di tensioni interviene a Bergamo per criticare quella scelta assunta in piena campagna elettorale in vista del rinnovo del consiglio regionale in Veneto del 31 maggio prossimo.

“Se Tosi mi scrive lo faccio rientrare”, dice il Senatur che fa parte del collegio di disciplina che ha sancito l’incompatibilità tra la tessera della fondazione di Tosi e la militanza nella Lega. “Non lo avrei mai fatto uscire in campagna elettorale – ha detto nel corso della festa per i 30 anni della Lega – sarei stato più cauto. Sono io che decido sulle espulsioni. Scriva a me per rientrare”. Bossi ha quindi sottolineato che l’allontanamento di Tosi – è da considerarsi “uno svarione”.

I timori di Bossi, così come in larga parte della base leghista, sono quelli di una debacle nella regione guidata da Luca Zaia, il governatore uscente sostenuto da Salvini, Maroni e dallo stesso Bossi. Candidatura insidiata dalla scesa in campo del sindaco di Verona, Tosi, all’indomani dell’espulsione con il rischio che lo scontro “fratricida” all’interno della Lega possa favorire la candidata dem Alessandra Moretti.

A nulla sono valse le mediazioni per far rientrare le polemiche tra le due esponenti leghisti. Poi lo strappo definitivo con Salvini che butta fuori Tosi convinto, erroneamente, di avere già la vittoria in tasca in Veneto. Bossi, leggendo gli ultimi sondaggi che danno in vantaggio Moretti, cerca tardivamente di salvare il salvabile.

“Non butto fuori chi è con noi da 20 anni. E prima di farlo uscire – dice con fare tattico – semmai avrei fatto l’accordo con Forza Italia nel Veneto, ora c’è il rischio che lo faccia lui”, cioè Tosi, che imbarca già Ncd, Udc e altre forze centriste.

Sorpresa per le parole di Bossi viene espressa dallo stesso Tosi che ha replicato: “La decisione di buttarmi fuori è stata di Salvini, lo deve dire a lui”. La mossa ideale, lamentano ambienti tosiani, “è senza dubbio quella di chiedere scusa a Tosi. Non è lui a dover andare da Bossi per rientrare, semmai sono i vertici della Lega, che hanno avallato una decisione ingiusta e suicida, a dover offrire le proprie scuse al sindaco di Verona. Poi si vedrà…”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER