Via libera del Senato alla Manovra, testo atteso alla Camera

Carlomagno campagna novembre 2018
Via libera del Senato alla Manovra, testo atteso alla Camera
Una seduta del Senato (Ansa)

Via libera finale del Senato alla manovra, con 136 sì e 30 no, dopo l’ok anche alla nota di variazioni al bilancio approvata dal Consiglio dei ministri. Il testo ora passa in seconda lettura alla Camera. L’iter a Montecitorio dovrebbe essere avviato in commissione Bilancio martedì 5 dicembre per concludersi in tempo per portare il provvedimento in Aula il 19 dicembre.

Il governo ha posto la questione di fiducia sul maxiemendamento alla manovra così come approvato dalla commissione con “alcune correzioni e integrazioni di carattere tecnico e istituzionali”. Lo ha detto in Aula la ministra dei Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro.

Ieri la richiesta da parte di Ap di nuove rassicurazioni sul bonus bebè con la minaccia di non votare il provvedimento. “L’intervento sulla natalità”, vale a dire il bonus bebè – ha detto in Aula il vice ministro all’Economia Enrico Morando – è “già finanziariamente molto significativo ma se dovrà essere aggiustato alla Camera lo sarà perché il governo condivide la scelta, in particolare voluta da Ap, di sostenere questa prospettiva con concrete e puntuali riforme da introdurre nel corso di questa legge di bilancio”.

Intanto i tecnici del Senato parlano di un rifinanziamento del bonus bebè ma solo per il primo anno di vita dei nuovi nati nel testo approvato in commissione. “Rispetto alla disciplina relativa al periodo 2015-2017 – si legge nel dossier – le differenze concernono l’importo base dell’assegno e la durata, che, per i figli nati o adottati nel periodo 2015-2017, è pari a 3 anni, anziché ad 1 anno”.