Salvini: “Percentuale governo M5s-Pd? Pari a zero”

Il leader del Centrodestra: "E' un accordo contro natura e soprattutto una presa in giro per gli italiani. Fossi un elettore dei 5s avrei vergogna".

Carlomagno Jeep Compass Febbraio 2021
Matteo Salvini
Matteo Salvini

“Le percentuali di un governo tra Pd e Cinquestelle sono pari a zero”. Lo ha detto il leader della Lega e del Centrodestra Matteo Salvini parlando in Friuli Venezia Giulia nell’ultimo giorno utile di campagna elettorale in vista delle regionali di domenica. Secondo Salvini quello tra M5s e democratici “è un accordo contro natura e soprattutto una presa in giro per gli italiani. Fossi un elettore dei Cinquestelle avrei o problemi o vergogna, però ognuno fa le proprie scelte”, ha detto.

“I giornali di oggi dicono che lunedì lascerò Berlusconi? Capisco perché vendano sempre di meno”, ha affermato il leader del Cdx. “Non è vero che accadrà. Non vedo perché dovrei cambiare idea ogni quarto d’ora: non faccio come Renzi o Di Maio. Mi presento alle elezioni con una squadra e vado avanti con quella squadra”.

“Lasciare Berlusconi – ha sottolineato – non è l’unica strada per fare il governo: non cedo a veti, controveti e capricci. Il Centrodestra ha vinto con un programma comune e siamo ben disponibili a dialogare con i secondi arrivati ma non coi terzi”. “Se Mattarella regala agli italiani – ha detto ancora – una settimana di telenovela su Renzi e Di Maio non so cosa possono scrivere i giornali per una settimana”, ha aggiunto Salvini “e così riempiono le pagine con ipotesi non vere che ci riguardano”.

“Non mi sento assolutamente minacciato”, ha detto ancora replicando alle affermazioni di ieri di Di Maio (“Dalle tv di Berlusconi minacce velate a Salvini”). “Ognuno è libero di scrivere o raccontare quello che vuole: non penso che in Italia ci siano rischi di questo tipo”, ha detto.

Anche Berlusconi ha affermato ieri che un governo tra dem e cinquestelle non si farà: “Sono sicuro che nella trattativa tra Pd e Cinquestelle non ci sarà alcuna risposta positiva per il presidente Mattarella”, ha detto il leader di FI, Berlusconi, ad un comizio a Spilimbergo in vista delle Regionali di domenica in Friuli Venezia Giulia. Se lo scenario sarà questo, ha aggiunto, Mattarella “dovrà ritenere l’ipotesi di un governo tutto del centrodestra”. Poi ha affermato: se il distacco di FI dalla Lega resta così “grande”, la Lega potrebbe “imporci le sue visioni quando noi faremo un governo insieme”. La Meloni nell’ipotesi di un governo 5s-Pd invita a “scendere in piazza”.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM