Rigopiano, mancata allerta valanga. Inchiesta per omicidio colposo

Soccorritori all'Hotel Rigopiano
Soccorritori all’Hotel Rigopiano (Ansa)

La Procura di Pescara, pm Andrea Papalia, ha aperto un fascicolo di indagine per fare luce sulle eventuali responsabilità sulla valanga piombata ieri pomeriggio sull’hotel Rigopiano, a Farindola.

L’ipotesi di reato è omicidio colposo. Le indagini relative alla tragedia di Rigopiano sono affidate al Comando della neo Unità Carabinieri-Forestali, che in queste ore stanno già acquisendo documenti e testimonianze.

Tra i documenti già a verbale anche l’allerta valanghe emesso giorni fa dal Meteomont, cioè il servizio nazionale prevenzione neve e valanghe, che indicava livello 4, il massimo è 5, di pericolo nella zona del Gran Sasso.

Spetterà alla Procura quindi valutare se il rischio emesso è stato rispettato o valutato, se c’erano le condizioni per far emettere dalla Regione, fino agli enti locali, le ordinanze di evacuazione nelle zone a rischio.

Il comando dell’Unità Carabinieri-Forestali oggi ha emesso un’allerta valanghe di livello 5 in tutta l’area dell’Appennino, raccomandando dunque estrema prudenza.