26 Maggio 2024

Attacco ucraino nel Donbass, decine di russi morti. Zakharova: “Usate armi occidentali”

Correlati

Sabato pomeriggio le forze armate ucraine hanno condotto un attacco terroristico al panificio di Lisichansk. È stato riferito che fino a 40 civili potrebbero trovarsi sotto le macerie dell’edificio a due piani crollato. Lo riporta la Tass citando il Ministero russo per le Emergenze.

All’inizio della giornata, il capo della LPR Leonid Pasechnik ha detto che le forze ucraine avevano bombardato una panetteria nella repubblica. Secondo le prime informazioni sarebbero una trentina le vittime, decine i feriti. Sarebbero stati utilizzati razzi Himars.

L’attacco terroristico di Kiev contro le zone residenziali di Lisichansk è stato, secondo i primi rapporti, condotto con le armi fornite dai paesi occidentali, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, in una dichiarazione pubblicata sul sito web del ministero.

“Secondo le prime informazioni, l’attacco è stato effettuato con armi occidentali”, ha detto. “Un altro attacco terroristico è un ‘grazie’ da parte degli estremisti di Kiev per il ‘generoso’ sostegno finanziario da parte dei paesi dell’Unione Europea.”

Zakharova ha sottolineato che i cittadini dell’UE devono sapere a cosa servono le loro tasse, poiché “vengono utilizzate per acquistare sistemi di armi letali e per inviarli al regime di Kiev che li usa per uccidere i civili”.

“Questo attacco a Lisichansk è una nuova prova della natura criminale del regime di Kiev, dei suoi boss su Bankovaya (una strada di Kiev che ospita le istituzioni governative ucraine – TASS) e del fatto che le forze armate ucraine, come quelle russe Il presidente Vladimir Putin ha indicato che si sono completamente trasformati in un’organizzazione terroristica”, ha detto il diplomatico.

Il portavoce del ministero degli Esteri russo ha affermato che la Russia “avviserà le organizzazioni internazionali di un altro atto terroristico commesso dalla banda del presidente ucraino Volodymyr Zelensky”.

“Ci aspettiamo che le organizzazioni internazionali interessate condannino prontamente e inequivocabilmente il crimine commesso dai militanti di Kiev”, ha aggiunto.

Sabato pomeriggio le forze armate ucraine hanno effettuato un attacco al panificio di Lisichansk. Venti persone furono uccise e altre dieci ferite. È stato riferito che fino a 40 civili potrebbero essere stati sotto le macerie.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Trovato morto a Palermo il marito dell’eurodeputata Francesca Donato. “Omicidio”

Choc nel capoluogo siciliano dove a pranzo è stato trovato morto il coniuge della parlamentare ex leghista. L'uomo era riverso in auto con una fascetta da elettricista attorno al collo

DALLA CALABRIA

Terremoto a Cirò, la Protezione civile: “Paura ma nessun danno”

"A seguito della scossa di terremoto rilevata alle ore 19.35 di ieri, venerdì 24 maggio, di magnitudo 4, con...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)