Giovane calciatore fa il vaccino e muore per un malore improvviso

Il padre dello sfortunato Lorenzo Scorteccia: "Mio figlio era il ritratto della salute, faceva una vita da salutista. Credo alla sua età ce ne siano pochi. Niente fumo, né alcol e mai in discoteca".

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Un giovane calciatore di 23 anni, Lorenzo Scorteccia, è morto nella sua casa a Terni a causa di un malore sopraggiunto improvvisamente alcuni giorni dopo la somministrazione del vaccino anti covid. La Procura avrebbe aperto un fascicolo e disposto nei giorni scorsi l’autopsia.

Molto conosciuto nell’ambiente calcistico dei dilettanti ternano e umbro, scrive la Nazione, Lorenzo era il portiere del Campitello, squadra che milita in Promozione. Tantissimi gli attestati di cordoglio da tutta la regione.

“Era il ritratto della salute – ha raccontato nel dolore il papà Andrea -, faceva una vita da salutista. Credo alla sua età ce ne siano pochi. Niente fumo, né alcol e mai in discoteca. Basta chiederlo a tutte le società dove ha giocato a calcio e alle varie rappresentative a cui ha preso parte”. Lorenzo si era anche sottoposto al vaccino anti-Covid, lo scorso 5 giugno.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM