5 Febbraio 2023

Corte Suprema Usa dichiara illegittimo l’obbligo vaccinale e reintegra personale sospeso

Correlati

La Corte Suprema dello Stato di New York ha ordinato a tutti i dipendenti di New York City che sono stati licenziati per non essere stati vaccinati di essere reintegrati con lo stipendio arretrato. Lo scrive Foxnews.

Il tribunale ha stabilito lunedì che “essere vaccinati non impedisce a un individuo di contrarre o trasmettere COVID-19”, stabilendo altresì “illegittimo l’obbligo vaccinale” e di conseguenza la sospensione senza stipendio delle categorie colpite che i giudici hanno ora reintegrato.

Il sindaco di New York City Eric Adams ha affermato all’inizio di quest’anno che la sua amministrazione non avrebbe riassunto i dipendenti che erano stati licenziati per il loro stato di vaccinazione.

Un copione già visto in Italia e un po’ in tutto il mondo come se si agisse sotto una unica regia per commercializzare sieri sperimentali che gonfiano solo le tasche di Big Pharma, senza che vi siano, appunto, vantaggi per la tutela della salute individuale e collettiva. “Questi vaccini non bloccano il diffondersi del virus ma anzi accrescono contagi e reinfezioni, causando effetti avversi di gran lunga superiori ai normali vaccini testati per anni”, affermano studi scientifici ed esperti non allineati alla narrazione unica di quel copione.

New York ha licenziato circa 1.700 dipendenti per non essere stati vaccinati all’inizio di quest’anno dopo che la città ha adottato un mandato per il vaccino sotto l’ex sindaco Bill de Blasio.

Molti dei licenziati erano agenti di polizia e vigili del fuoco.

Il presidente della FDNY-Uniformed Firefighters Association Andrew Ansbro e il presidente della FDNY-Uniformed Fire Officers Association, il tenente James McCarthy, hanno condannato Adams all’inizio di quest’anno dopo che il sindaco ha consentito un’eccezione all’obbligo del vaccino per atleti e artisti, anche se i vigili del fuoco venivano ancora licenziati per il loro status. I due hanno invitato la città ad estendere l’eccezione a tutti i newyorkesi.

“Siamo qui per dire che sosteniamo la revoca del mandato sui vaccini che il sindaco ha annunciato giovedì”, ha detto McCarthy. “Pensiamo che anche questo dovrebbe essere esteso. Sosteniamo la revoca del mandato per gli atleti e gli artisti che lavorano a New York City. Pensiamo che anche le persone che lavorano per New York City dovrebbero avere il mandato trasferito per loro. ”

“Se hai intenzione di rimuovere l’obbligo del vaccino per alcune persone in città, devi rimuoverlo per tutti”, ha detto Ansbro. “Se seguirai la scienza, la scienza ti dirà che non c’è alcun pericolo in questo momento, e mettere senza lavoro centinaia di vigili del fuoco, agenti di polizia e altri operatori di emergenza non è nell’interesse della città. Non è sicuro”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Qatargate: Cozzolino avrebbe preso soldi. Revocata immunità per lui e Tarabella

I pubblici ministeri federali belgi sospettano l'eurodeputato italiano Andrea Cozzolino (PD) di aver preso denaro in cambio del blocco...

DALLA CALABRIA

Frontale nella Galleria della “Crocetta”, sulla Paola-Crotone. 3 feriti di cui uno grave

Un brutto incidente stradale è avvenuto nel pomeriggio all'interno della Galleria della "Crocetta", sulla statale 107 Paola-Crotone. Ad esse...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER