30 Maggio 2024

Il “paziente 1” di Codogno: “Dov’è mia moglie?” La donna, incinta, è guarita

Il 38enne di Lodi migliora a vista. Respira solo e per la prima volta ha anche parlato dopo il ricovero

Correlati

L’ospedale San Matteo di Pavia

Il primo paziente da covid-19 in Italia, il 38 enne di Codogno, dopo aver iniziato a respirare autonomamente, adesso ha cominciato anche a parlare.

Una delle prime cose che ha chiesto è se si trovasse all’ospedale di Lodi. “Dov’è mia moglie?”, ha chiesto. La consorte, che era risultata positiva, risulta guarita ed è a casa. Dovrebbe partorire a breve.

le condizioni del manager dell’Unilever, il primo a risultare positivo al coronavirus in Italia, stanno dunque migliorando.

L’uomo era stato trasferito dalla terapia intensiva a quella sub intensiva del San Matteo di Pavia dopo che i medici hanno notato che poteva respirare da solo senza l’ausilio di macchinari. Intanto da ieri, come ha riferito il sindaco di Codogno Passerini non si registrano più nuovi contagi, a circa 20 giorni dallo scoppio dell’epidemia.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Dramma in Valtellina, tre finanzieri muoiono durante un’esercitazione

Tutti giovanissimi, i militari stavano scalando una parete rocciosa quando all'improvviso sono precipitati nel vuoto. Altri colleghi della Guardia di finanza hanno assistito impotenti alla tragedia

DALLA CALABRIA

Spacciavano droga anche a minorenni, tredici misure nel catanzarese

Tredici misure cautelari sono state notificate dai carabinieri ad altrettanti indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)