19 Luglio 2024

Il premier Gentiloni nelle zone terremotate: “Serve l’impegno di tutti”

Correlati

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, a Norcia
Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, a Norcia (Ansa/Basiletti)

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, si è recato nelle zone colpite dal terremoto a Norcia e a San Ginesio (Macerata). Il premier, accompagnato dal capo della protezione civile Curcio e dal commissario Errani, si è recato anche ad Amatrice (Rieti). Nella città reatina, devastata dai terremoti del 24 agosto e di fine ottobre, ha incontrato i giornalisti presso la nuova mensa nell’area food.

“La riapertura del centro storico di Norcia – ha detto Gentiloni – è un segno di volontà di riprendere, di ricostruire e soprattutto di guardare al futuro. Mi fa piacere se posso incoraggiarla con l’impegno di tutte le Istituzioni”.

A San Ginesio Gentiloni è stato salutato dagli applausi di una scolaresca e un bambino gli ha consegnato una letterina rossa, a simboleggiare l’attesa di Babbo Natale.

“Le risorse per la ricostruzione dopo il terremoto ci sono, ma – ha sottolineato il premier – bisogna che ci sia anche l’impegno di tutti per superare strozzature burocratiche e per andare avanti molto rapidamente. Non è un problema di soldi. Il Governo ha stanziato le risorse necessarie, è un problema di lavorare insieme per evitare che l’impegno dei cittadini per tornare e per rilanciare piccoli centri così importanti sia ostacolato da troppe resistenze burocratiche”.

“Mi ha colpito – ha osservato il capo del governo – la devastazioni che si vede qui perché dà il senso della tragedia. Qui il colpo ad Amatrice è stato particolarmente pesante. Adesso bisogna ricostruire per ridare speranza in uno dei borghi più belli d’Italia. C’è ottimismo da parte dei sindaci e delle popolazioni di ricostruire e ricominciare. È un’opera complessa ma ricostruire vuol dire dare futuro”.

“L’esigenza numero uno “sono le scuole, stiamo lavorando molto intensamente, abbiamo poi l’esigenza di mettere in sicurezza i beni culturali, le chiese, i simboli di San Ginesio”. Così il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, parlando con i giornalisti al termine della sua visita nel piccolo comune terremotato delle Marche, noto appunto come “la città delle cento chiese”. Contemporaneamente per il premier, bisogna pensare al futuro: “San Ginesio è una una grandissima attrazione turistica”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Condannato a 16 anni il giornalista del WSJ Gershkovich. Giudice russo: “Spionaggio”

Il reporter del Wall Street Journal Evan Gershkovich, di 33 anni, è stato dichiarato colpevole di spionaggio e condannato...

DALLA CALABRIA

Trentottenne trovato in possesso di oltre 8 kg di droga, in cella

Durante una perquisizione è stato trovato in possesso di oltre 8 chilogrammi di droga pronta per essere smerciata nelle...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)