15 Giugno 2024

Louisiana, strage al cinema. 3 morti, tra cui killer. Obama: "Io frustrato"

Correlati

Gran theatre louisiana Louisiana, strage al cinema. 3 morti, tra cui killer. Obama: "Io frustrato"
Louisiana, strage al cinema. 3 morti, tra cui killer. Obama: “Io frustrato”

Tre persone sono state morte uccise in un cinema di Lafayette, in Louisiana, dove un uomo ha aperto il fuoco uccidendo almeno due persone e ferendone altre sette, per poi rivolgere l’arma contro se stesso e suicidarsi, ha riferito la Polizia.

Erano circa le 19.10 (1:10 in Italia) quando nel cinema Grand Theatre, una ventina di minuti dopo l’inizio del film ‘Trainwreck’, si è scatenato l’inferno. Un uomo bianco di 58 anni ha iniziato a sparare mentre c’erano un centinaio di persone a guardarsi il film.

Una donna che era nella sala, Katie Dominique, ha raccontato ad un giornale locale, “The Advertiser”, di aver udito un forte rumore, “e abbiamo creduto che fosse un fuoco d’artificio”.

Era invece, ha detto, “un uomo bianco anziano”, in piedi, che sparava, non nella sua direzione, e “non diceva nulla, non ho neanche udito le persone urlare”. Ma ha invece udito circa sei spari e a quel punto è fuggita.

Una protesta contro l'uso delle armi ai ragazzi
Una protesta contro l’uso delle armi ai ragazzi

Secondo quanto ha poi reso noto il capo della polizia locale, Jim Craft, l’uomo che ha aperto il fuoco era un bianco di 58 anni, di cui non si conosce ancora l’identità. Ha agito da solo, usando una pistola. Quando gli agenti sono arrivati nel cinema era già morto. La Polizia conosce l’identità del killer, ma non la rivelano “se non parliamo prima con i parenti delle vittime”, ha detto il colonnello Michael Edmonson della Polizia di Stato della Louisiana.

Ancora non si sa il movente della sparatoria. “Ancora non sappiamo se è stato un atto a caso o se ci sia una situazione diversa”, ha detto Craft. La tragedia è avvenuta a Lafayette, una città di circa 120.000 persone, a quasi 90 chilometri a ovest di Baton Rouge.

Jon Sopel intervista Barack Obama
Jon Sopel intervista Barack Obama

Intanto il presidente Barack Obama, in un’intervista a Jon Sopel alla Bbc, ha ammesso la sua incapacità di far passare la legge contro la detenzioni di armi negli Usa. “E’ una legge di buon senso”, ha detto il presidente americano, che si dice “veramente amareggiato” per queste stragi di massa che avvengono negli negli Stati Uniti. Questa legge ha ancora ammesso Obama è la più grande frustrazione della sua presidenza.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Motonave rischia di affondare, in salvo le 85 persone a bordo

Una nave in servizio da Grado a Trieste ha lanciato un 'may day' per rischio affondamento mentre era in...

DALLA CALABRIA

Uccise ladro sorpreso in casa, il Riesame conferma custodia in carcere

Il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria ha ritenuto sussistenti le esigenze cautelari e ha confermato l’arresto in carcere...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)