25 Maggio 2024

Mosca: “Incontro segreto in Arabia dell’Occidente sull’Ucraina è una trovata mediatica di Zelensky”

Intanto, nel mentre il governo italiano ha approvato l'ennesimo pacchetto di aiuti militari all'Ucraina, il presidente gialloblu lamenta il disimpegno occidentale nel sostegno a Kiev. "L'esitazione occidentale incoraggia Putin"

Correlati

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky

Il recente incontro a Riad tra i rappresentanti dell’Ucraina e dei suoi sponsor occidentali e diversi paesi del Sud del mondo per discutere la cosiddetta “formula di pace” del presidente ucraino Volodymyr Zelensky è stata semplicemente una trovata pubblicitaria del regime di Kiev. Lo ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova (foto sopra) citata dalla Tass.

“Non c’è nulla di pionieristico in questo. Questo è un concetto assolutamente vecchio e ben collaudato di attirare l’attenzione politica sulla situazione, non intorno all’Ucraina, direi, perché questa situazione ha davvero bisogno di attenzione politica, ma sul regime di Zelensky in quanto tale. Questa è stata la trovata pubblicitaria del regime di Zelensky”, ha detto in un’intervista alla stazione radio Sputnik quando le è stato chiesto di commentare le notizie di Bloomberg su un incontro segreto in Arabia Saudita.

“Parlando in termini politici, questo faceva parte dell’infinita raffica mediatica focalizzata su Zelensky e su tutte le narrazioni occidentali guidate ideologicamente che sono state inventate e distribuite [al pubblico occidentale]”, ha detto, aggiungendo che questo “poco hanno a che fare con la ricerca di una soluzione alla crisi ucraina. “Si tratta di due temi assolutamente diversi, se non addirittura contrastanti, per una semplice ragione: trovare una soluzione alla situazione in Ucraina richiede un lavoro laborioso sul piano politico e diplomatico, che evidentemente richiede dialogo e comunicazione”, ha sottolineato.

Secondo Zakharova, il sostegno attorno a Zelenskyj ha lo scopo di “mantenere l’illusione di una qualche attività politica distogliendo l’attenzione della comunità mondiale dai processi reali verso una potenziale soluzione”, ha osservato.

Secondo Bloomberg, l’incontro del dicembre 2023 sulla cosiddetta “formula Zelensky” non ha prodotto risultati. L’incontro aveva lo scopo di “raccogliere sostegno alle condizioni di Kiev per tenere colloqui di pace con la Russia”, ha detto una fonte Bloomberg.

Tuttavia, l’Ucraina e le nazioni del Gruppo dei Sette hanno continuato a resistere alle richieste del Sud del mondo di una comunicazione diretta con la Russia sulla questione. Mentre Arabia Saudita, India e Turchia hanno preso parte all’incontro, Cina, Brasile ed Emirati Arabi Uniti hanno rifiutato di inviare delegati, ha osservato l’agenzia.

Zelensky: “L’esitazione occidentale incoraggia Putin”

Intanto, nel mentre il governo italiano ha approvato l’ennesimo pacchetto di aiuti militari all’Ucraina, Zelensky lamenta il disimpegno occidentale nel sostegno a Kiev.

“L’esitazione occidentale incoraggia Putin”: Volodymyr Zelensky sceglie i fedeli alleati baltici per il suo primo viaggio all’estero del 2024 nel quale rilanciare un appello sempre più urgente alle armi, accusando i suoi partner di vacillare pericolosamente sull’assistenza militare per Kiev, mentre anche in Italia si infiamma il dibattito politico sugli aiuti al Paese invaso.

Da Vilnius, prima tappa di un tour a sorpresa, il presidente ucraino ha sottolineato come il suo Paese manchi “crudelmente” di sistemi antiaerei, di cui c’è assoluto bisogno. Perché “Putin non la farà finita con la guerra finché non finiremo lui tutti insieme”, è stato il monito di Zelensky. “Vuole occuparci completamente” e dopo non si fermerà: “Lituania, Lettonia, Estonia e Moldavia potrebbero essere le prossime”. Nei giorni scorsi la Russia “ha colpito l’Ucraina con un totale di 500 ordigni: ne abbiamo distrutto il 70%”, ha poi denunciato, ribadendo che “i sistemi di difesa aerea sono la prima cosa che ci manca”.

I numeri sui raid rendono chiaro come il secondo inverno di guerra stia vedendo un’escalation di attacchi, dall’una e dall’altra parte del fronte: perché se l’Ucraina ha subito centinaia di bombardamenti nelle ultime settimane, le forze di Kiev hanno risposto attaccando le regioni russe di confine, in particolare quella di Belgorod costretta a ordinare le evacuazioni di civili, tra cui finora 93 bambini. Con queste premesse, e la fine della guerra che resta un miraggio – “non c’è ancora nulla su alcun processo di pace”, ha chiarito il portavoce del Cremlino Peskov -, Zelensky ha esortato gli alleati a mantenere il flusso del sostegno militare da quella stessa Vilnius dove a luglio scorso, durante un vertice Nato, aveva ottenuto la promessa di un sostegno incrollabile a Kiev da parte dei leader occidentali, incluso il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

La Lituania – il maggiore donatore di Kiev in termini di Pil (1,4%) – fa il suo e promette aiuto “fino alla vittoria” con un pacchetto da 200 milioni di euro. Anche Estonia e Lettonia si sono impegnate con aiuti rispettivamente tra l’1,3 e l’1,1% del Pil, spinte da una guerra troppo vicina ai loro confini per stare tranquilli. Ma per rassicurare il governo di Zelensky servono ben altre cifre: i miliardi di dollari di aiuti statunitensi sui quali il Congresso americano rimane diviso e il pacchetto Ue di 50 miliardi di euro bloccato dal veto dell’Ungheria di Viktor Orban. Sono fondi di vitale importanza per l’Ucraina, che tra agosto e ottobre 2023 ha visto diminuire gli aiuti promessi di quasi il 90% rispetto allo stesso periodo del 2022, raggiungendo il punto più basso dall’inizio del conflitto, secondo il Kiel Institute. E “le prospettive future non sono chiare”, evidenzia il think tank. Lo sa bene Zelensky, per il quale le prossime settimane saranno cruciali per portare a casa fondi e armi necessari a dare nuovo ossigeno alle truppe (sempre più stremate e ridotte al minimo, ndr) impegnate al fronte contro “l’invasione” della Russia.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

L’Atalanta batte 3-0 il Bayer Leverkusen e conquista l’Europa League

Una notte storica, magica, indimenticabile: l’UEFA Europa League è dell'Atalanta. A Dublino il cielo si colora di nerazzurro: battuto...

DALLA CALABRIA

Terremoto di magnitudo 4.0 a Cirò (Crotone), panico tra la popolazione

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.0 è stata registrata alle 19:35 di oggi in Calabria, con epicentro a...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)