27 Settembre 2022

Maltempo, codice rosso in Sardegna. Scuole chiuse per ciclone. Allerta pure su Sicilia, Calabria e Lazio

Correlati

Maltempo, codice rosso in Sardegna. Scuole chiuse per ciclone allerta meteo in Sicilia, Calabria e Lazio

Tra oggi e domani è massima allerta meteo in Sardegna. La protezione civile ha elevato il livello di criticità sull’isola a codice rosso, dovuta a una vasta circolazione ciclonica che determinerà già da oggi dal pomeriggio, precipitazioni anche temporalesche sulle due isole maggiori.

Si tratta di rischio idrogeologico e idraulico molto elevato e pericoloso. Tra domani e venerdì le precipitazioni si estenderanno al resto del paese, interessando maggiormente le regioni tirreniche, con una generale intensificazione della ventilazione.

Oltre alla Sardegna, problemi anche per Sicilia, Calabria e Lazio. La Protezione civile ha già allertato le regioni interessate. In Sardegna, che mantiene l’allerta meteo rossa, i sindaci stanno provvedendo a chiudere le scuole per la giornata di domani 1 ottobre. Già con l’allerta di ieri, la protezione civile aveva invitato ad evitare i rientri scolastici pomeridiani per oggi.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che estende quello emesso nella giornata di ieri e che prevedeva precipitazioni a prevalente carattere di rovescio e temporale sulle due isole maggiori: Sardegna e Sicilia.

L’avviso prevede dalle prime ore di domani, giovedì 1° ottobre, precipitazioni anche a carattere di rovescio e temporale e venti di burrasca sud-orientali sul Lazio, specie sulla fascia costiera. Dal primo pomeriggio di domani si prevedono poi precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Calabria, specie sui settori meridionali.
I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi e domani criticità rossa per rischio idrogeologico localizzato sulla Sardegna. Oggi, criticità gialla per rischio idrogeologico inoltre su Lazio, Calabria e Sicilia. Per la giornata di domani, invece, è stata valutata criticità arancione per rischio idrogeologico sulla Sicilia e criticità gialla su buona parte dell’Italia centro-meridionale dove i sindaci sono in stato di massima allerta.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Spari in una scuola in Russia, 15 morti tra cui 11 bimbi. 24 feriti. Il Cremlino: “Forse un neonazista”

Si aggrava il bilancio delle vittime della sparatoria nella scuola di Izhevsk, salito a 15 morti, tra cui 11...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER