27 Febbraio 2024

Chieti, assalto armato alla Caripe. Accerchiati e presi i 3 banditi

Correlati

Sambuceto, Chieti, assalto armato alla Caripe. Accerchiati e presi i 3 banditi bottino 58mila euroSAMBUCETO (CHIETI) – Momenti di paura in una filiale della Caripe, quando attorno alle 14,40, tre rapinatori hanno fatto irruzione nella agenzia della Cassa di Risparmio di Pescara di via Po’, in  Sambuceto di San Giovanni Teatino (Chieti) impossessandosi di poco meno di 60mila euro.

La rapina è durata pochissimi minuti. Armati di pistola, i banditi hanno immobilizzato i dipendenti e avrebbero compiuto il colpaccio se non fosse stato per il sistema antirapina della banca che ha allertato carabinieri e polizia. Giunti subito sul posto, le forze dell’ordine hanno accerchiato l’istituto chiudendo ogni via d’uscita ai malviventi, che si sono arresi e sono stati arrestati.

I FATTI – Tre, italiani, dal chiaro accento abruzzese, venti minuti alle 15 di lunedì, sono entrati nell’istituto minacciando gli impiegati dell’Agenzia e sono riusciti ad arraffare in pochi istanti un cospicuo bottino.

Nel frattempo, il sistema antirapina dell’Istituto, aveva lanciato l’allarme che è stato raccolto contemporaneamente dai Carabinieri di Chieti e dalla Questura di Pescara.

Sul posto, quindi, si sono precipitati i carabinieri della stazione di Sambuceto che supportati da una pattuglia del nucleo radiomobile della Compagnia di Pescara e da una volante della Questura di Chieti, operavano in sinergia tra loro, accerchiando le uscite dell’istituto bancario nel quale i tre rapinatori si trovavano, insieme agli impiegati.

Sono stati sufficienti pochi istanti ed il perentorio ordine di arrendersi intimato dai militari intervenuti è stato prontamente eseguito dai malviventi, ormai spalle al muro e senza vie d’uscite che si sono arresi e sono usciti, abbandonando l’arma,  uno alla volta.

Sono stati così arrestati tre giovani italiani, tutti della Provincia di Pescara: si tratta di T.M. di 27 anni; M.M., 27enne e C.L. 26enne, noti alle forze dell’ordine. Le forze dell’ordine hanno recuperato l’intera refurtiva ammontante a circa 58.000 euro ed una pistola semiautomatica perfettamente efficiente e pronta all’uso.

Il brillante risultato – spiegano i carabinieri – oltre a confermare l’elevato livello di efficienza delle forze di Polizia nel territorio provinciale, evidenzia, altresì, il perfetto raccordo di coordinamento tra l’Arma dei Carabinieri e la Polizia di Stato che, nelle fasi concitate di un intervento a così alto rischio per l’incolumità delle persone e degli stessi militari ed agenti, hanno agito effettuando un’operazione che può definirsi “da manuale” salvaguardando l’incolumità personale di tutte le persone coinvolte, compresi gli stessi rapinatori, che dovranno ora rispondere al giudice di tentata rapina pluriaggravata, porto illegale di arma da fuoco ed altri reati che eventualmente emergeranno nel prosieguo delle indagini.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Si vota per le regionali in Sardegna, 1,4 milioni gli elettori chiamati alle urne

Urne aperte dalle 6.30 di oggi 25 febbraio in Sardegna per le elezioni regionali. Cominciano le operazioni di voto...

DALLA CALABRIA

Scrontro frontale nel crotonese, due morti e due feriti gravi

Due giovani, un ragazzo e una ragazza sono morti e due sono feriti gravemente feriti in un incidente stradale...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)