Coronavirus, UE smorza le misure: “Sono sproporzionate. Divieto viaggi inefficace”

Il riferimento non esplicitato è anche all'Italia. Dice la Commissaria Ursula von der Layen: questi divieti "hanno un impatto sociale ed economico notevole, oltre a sconvolgere la vita delle imprese e delle persone". Massima flessibilità e aiuti al nostro paese

Carlomagno Lancia Ypsilon Novembre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
Ursula von der Leyen (Ansa)

“Alcuni controlli possono essere giustificati ma un divieto generale di viaggio non è considerato efficace dall’Oms e ha un impatto sociale ed economico notevole, oltre a sconvolgere la vita delle imprese e delle persone. Le misure adottate devono essere proporzionate”: lo ha detto la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen parlando dell’emergenza coronavirus.

La presidente della commissione europea ha affermato che da parte di Bruselles ci sarà “massima flessibilità” nell’applicazione del Patto di Stabilità e per gli aiuti di Stato destinati a far fronte alle conseguenze del Coronavirus. 

“Siamo pronti ad aiutare l’Italia con tutto quello di cui ha bisogno, in questo momento è colpita severamente dal virus, sosteniamo tutto quello di cui ha bisogno e tutto quello che chiederà. Il prossimo potrebbe essere un altro Stato membro”, ha aggiunto von der Leyen.

Nella comunicazione di Bruxelles sulla flessibilità del Patto di Stabilità, si legge che “la Commissione Ue è pronta a proporre al Consiglio di attivare la clausola di crisi per accomodare un sostegno fiscale più generale. Questa clausola – in cooperazione col Consiglio – sospenderà gli aggiustamenti di bilancio raccomandati dal Consiglio in caso di recessione severa della zona euro e della Ue”.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB