10 Agosto 2022

Germanwings, i resti di 44 passeggeri rimpatriati a Duesseldorf

Stessa categoria

Alcuni passeggeri vittime del disasto aereo dell'A320 Germanwings
Alcuni passeggeri vittime del disasto aereo dell’A320 Germanwings

Dopo due e mesi e mezzo dallo schianto sulle Alpi francesi del volo A320 Germanwings, i resti di 44 passeggeri hanno raggiunto Duesseldorf per essere restituiti alle rispettive famiglie per la sepoltura. Tra loro anche la scolaresca tedesca di Joseph-Koenig-Gymnasium di Halternche con sedici giovani e due insegnanti a bordo che tornavano da Barcellona dopo una gita scolastica.

La compagnia Lufthansa ha messo a disposizione un aereo cargo dove sono state caricate le bare e nella notte sono partiti da Marsiglia.

Elmar Giemulla, l’avvocato di alcune famiglie delle vittime, ha detto che l’arrivo delle spoglie dei parenti morti il 24 marzo scorso sarebbe per loro una relativa “chiusura” del dramma che hanno vissuto 150 famiglie, tante quanti erano paggesseri e membri dell’equipaggio.

Alle famiglie è concesso visitare le bare all’interno di un hangar a Duesseldorf oggi, mercoledi 10 giugno. “Le famiglie non sono ancora rassegnate”, ha detto l’avvocato Giemulla all’Afp. “Non possono e non vogliono rendersi conto che i loro parenti siano morti.

Un soccorritore vicino ai resti del Germanwings
Un soccorritore vicino ai resti del Germanwings

Sarà per loro straziante quando si troveranno davanti alle bare dei propri cari. Ma è necessario, perché hanno bisogno di superare il dramma”, una sorta di elaborazione del lutto, sebbene la ferita per perdite così assurde non si rimarginerà mai.

I resti delle altre vittime saranno rispediti nelle prossime settimane. I passeggeri erano provenienti da 18 paesi, tra cui Australia, Argentina e Giappone, ma la maggior parte delle persone a bordo erano spagnoli e tedeschi.
Il rimpatrio di alcuni dei corpi è stata ritardato la scorsa settimana a causa di errori sui certificati di morte in Francia.

Il disastro aereo in cui sono morte 150 persone, si pensa sia stato causato dal copilota tedesco Andreas Lubitz che avrebbe deliberatamente fatto schiantare l’Airbus A320 Germanwings sulle Alpi francesi. Questo l’esito delle indagini svolte dalla procura di Marsiglia e dal Bea, l’agenzia francese per la sicurezza dell’aviazione civile. Molte cose però nelle loro ricostruzioni non tornano.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER