27 Gennaio 2022

Quarantena killer? Cinque cadaveri, tra cui tre bimbi, trovati in una casa in Germania

Le vittime, stando alla procura di Cottbus, sono due adulti di 40 anni e tre minori di 4, 8 e 10 anni. Una famiglia, come scrivono alcuni media del posto, che pare fosse in isolamento per il cosiddetto covid. Sono in corso indagini

Stessa categoria

Cinque cadaveri, fra cui tre bambini, sono stati scoperti in un’abitazione monofamiliare nel Brandeburgo, Land dell’est della Germania che confina con Berlino.

E’ stato un vicino di casa ad accorgersi che c’era qualcosa che non andava ed ha allertato la Polizia intorno a mezzogiorno.

Le vittime, stando alla procura di Cottbus, sono due adulti di 40 anni e tre minori di 4, 8 e 10 anni. Una famiglia, come scrivono alcuni media del posto, che pare fosse in quarantena, a causa delle restrizioni del cosiddetto Covid. Se fosse confermato, possono definirsi vittime dei danni collaterali delle norme governative. Scriveva Bild il 24 novembre che “il Brandeburgo manda in isolamento le persone non vaccinate e cancella tutti i mercatini di Natale! Inoltre, le regole del coronavirus vengono nuovamente inasprite in modo significativo”.

“Nelle contee e nei distretti urbani con un’incidenza settimanale di circa 1000 casi e un’occupazione simultanea a livello nazionale di letti di terapia intensiva superiore al dieci percento, esiste una restrizione di uscita notturna per le persone non vaccinate dalle 22:00 alle 06:00. Questo è associato ad eccezioni (ad esempio per il percorso da/per il posto di lavoro)”.

Dagli inquirenti c’è il più assoluto riserbo. Quello che si sa è che è stata aperta un’inchiesta per omicidio plurimo. Non sono noti per il momento altri dettagli che aiutino a capire la dinamica dell’orrore. Ciò che è davvero accaduto a Senzig, piccola località di Koenig Wusterhausen, a sud di Berlino, resta un giallo aperto.

“Sui cadaveri sono state rilevate ferite da taglio e da colpi di arma da fuoco”, si è limitato a far sapere il procuratore Gernot Bantelon, che ha parlato con la Bild. La polizia non ha ancora confermato che il 40enne padre di famiglia abbia ucciso sua moglie, i figli e se stesso. Lo sfondo è ancora del tutto incerto”. Non si può escludere che l’uomo, esasperato da queste assurde restrizioni come la quarantena, abbia ucciso prima la moglie e poi i tre bambini.

“È stata attivata la commissione omicidi, perché si indaga sull’ipotesi di un delitto”. Gli inquirenti hanno trascorso molte ore sul posto a mettere insieme reperti che possano spiegare nelle prossime ore o nei prossimi giorni qualcosa in più. Non è ancora affatto chiaro, ad esempio, se fra le vittime ci sia anche l’artefice del massacro o se il killer sia qualcuno arrivato da fuori. Oppure se siano state trovate le armi che hanno provocato le ferite mortali. Sul posto sono circolate voci, riportate dai media, sul fatto che la famiglia fosse confinata in casa perché in quarantena, evidentemente per il Covid. Ma anche questo dettaglio non è stato confermato.

La polizia è arrivata sul luogo subito dopo la segnalazione. Oltre ai rilievi nella casa, gli investigatori hanno ascoltato tutti i vicini della Birkenalle, la ‘strada delle betulle’. Un posto tranquillo, il classico luogo idilliaco degli angoli più belli del paesaggio brandeburghese, fra laghi, campi e radure, in un distretto, quello di Dehme Spreewald, che conta 40 mila abitanti. La tragedia ha ovviamente sconvolto la piccola comunità locale, che si è chiusa nel silenzio. Anche se molte persone si sono raccolte attorno all’edificio, oltre alla stampa e agli inquirenti. Una donna, che in serata ha portato una candela davanti alla casa, ai giornalisti che hanno chiesto se conoscesse le vittime si è limitata a dire: “Questo è un paese, ci conosciamo tutti”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Licata, uccide 4 familiari tra cui due nipotini, poi tenta il suicidio

La strage sarebbe stata originata da una lite in famiglia per motivi di interesse legati alla suddivisione di alcuni terreni dove coltivano carciofi

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER