17 Maggio 2022

Dopo gli attacchi di Kiev nel Dombass Putin reagisce e avvia l’operazione militare in Ucraina

Dopo l'aggressione militare di Kiev nelle repubbliche russofone del Dombass, il leader russo ha deciso di intervenire militarmente per difendere la comunità russa e invita i militari ucraini a deporre le armi. Putin ha avvertito l'occidente di non interferire. "La presenza della Nato vicino i nostri confini è una provocazione inaccettabile"

Stessa categoria

La Russia ha avviato un’operazione militare in Ucraina a seguito della richiesta delle autorità delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, (nella regione russofona del Dombass), di assistenza per respingere l’aggressione militare di Kiev, ha affermato giovedì il presidente russo Vladimir Putin in un discorso alla nazione. Lo riporta la Tass, l’agenzia di stampa russa.

Putin ha detto che Mosca cerca la “smilitarizzazione e denazificazione” dell’Ucraina, e ha invitato l’esercito ucraino a deporre le armi avvertendo che sarebbe seguita una pronta risposta ai tentativi di intervento straniero dall’esterno. L’intervento russo è scaturito dalle “continue minacce e provocazioni”, nonché dagli attacchi militari di Kiev nelle repubbliche di Donetsk e Lugansk, recentemente riconosciute dal Cremlino.

Successivamente sono seguite segnalazioni di esplosioni in un certo numero di città ucraine, tra cui Kiev e Kharkov. La Tass ha riassunto le ultime notizie sulla situazione.

Operazione militare
Dopo un messaggio delle repubbliche del Donbass, Putin ha deciso di condurre una “operazione militare speciale”.

“Il suo scopo è proteggere le persone che per otto anni sono state esposte all’umiliazione e al genocidio del regime di Kiev. Per questo cercheremo la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina, e faremo pressioni anche per assicurare alla giustizia coloro che hanno commesso numerosi crimini sanguinosi contro civili pacifici, compresi i cittadini russi”.

I piani di Mosca per non includere l’occupazione dell’Ucraina. È per il diritto del popolo ucraino all’autodeterminazione. Inoltre, Putin ha affermato che la Russia non può permettere a Kiev di ottenere armi nucleari e ha ricordato “l’espansione illegittima della NATO nei paesi dell’Est”.

Discorso agli ucraini
Putin ha esortato l’esercito ucraino a “deporre immediatamente le armi e a tornare a casa”.

“Quei militari dell’esercito ucraino che soddisferanno questa richiesta saranno liberi di lasciare la zona delle operazioni di combattimento e tornare dalle loro famiglie”. Tutta la responsabilità di un possibile spargimento di sangue “poggerà interamente sul regime al potere dell’Ucraina”, guidato da Volodymyr Zelensky, “amico” dell’occidente.

Nel suo discorso al popolo ucraino, Putin ha spiegato che le azioni della Russia sono state intraprese per legittima difesa dalle minacce e da una “sventura ancora maggiore di quella che sta accadendo oggi”.

“Per quanto possa essere difficile farlo, vi chiedo di capirlo e chiedo collaborazione per voltare al più presto questa tragica pagina e andare avanti insieme”.

Avvertimento per gli altri
Putin ha messo in guardia contro i tentativi di intervento straniero negli attuali sviluppi, per non parlare dell’intervento straniero.

“Nessuno dovrebbe dubitare che un attacco diretto alla Russia si concluderebbe con la sconfitta del potenziale aggressore e terribili conseguenze per chi aggredisce”, ha avvertito.

“Chiunque possa tentare di crearci ostacoli, per non parlare di minacciare il nostro Paese e il nostro popolo, dovrebbe sapere che la risposta della Russia seguirà senza indugio e comporterà conseguenze che non hai mai incontrato nella storia. Siamo preparati per qualsiasi azione. Verranno prese tutte le decisioni necessarie al riguardo. Spero di essere ascoltato”, ha detto Putin.

Prima reazione occidentale
Subito dopo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha rilasciato una dichiarazione scritta, in cui ha incolpato la Russia per quella che ha descritto come “una guerra premeditata che porterà una catastrofica perdita di vite umane e sofferenza umana”, e ha avvertito che “gli Stati Uniti e i loro alleati e i partner risponderanno in modo unito e deciso”.

Biden ha detto che giovedì avrebbe tenuto un discorso speciale per annunciare ulteriori misure contro la Russia che Washington e i suoi alleati avrebbero preso.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che una riunione dei paesi membri dell’alleanza prenderà in considerazione gli effetti delle azioni della Russia nei confronti dell’Ucraina.

Intanto il parlamento ucraino ha approvato la legge marziale

Il parlamento ucraino, la Verkhovna Rada, ha introdotto la legge marziale in tutto il paese. Un totale di 300 parlamentari hanno votato a favore di questa decisione giovedì.

“La Verkhovna Rada ha appena sostenuto con 300 voti l’introduzione della legge marziale in tutto il territorio ucraino”, ha detto al canale televisivo Rada il deputato del Partito del Popolo Yevgeniya Kravchuk.

Secondo Kravchuk, “i legislatori rimangono a Kiev e continuano il loro lavoro”. “Rimaniamo tutti nei nostri uffici”, ha detto il parlamentare.

Una legge marziale è un regime speciale di funzionamento del paese, imposto in caso di minaccia alla sicurezza nazionale, all’integrità territoriale e in caso di aggressione militare. Durante il periodo della legge marziale, le autorità nazionali e locali, il comando militare acquisiscono poteri aggiuntivi al fine di stabilizzare prontamente la situazione. Allo stesso tempo, molti diritti e libertà civili possono essere limitati.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER