23 Aprile 2024

Investigatori russi: “Dall’Ucraina ingenti somme di denaro ai terroristi”

Lo afferma il comitato investigativo al termine di una riunione operativa sul massacro al teatro di Mosca. Secondo il direttore dell'Fsb i servizi di Kiev "hanno facilitato l'attacco nella capitale russa. Le informazioni ricevute dagli attentatori in carcere confermano la pista ucraina"

Correlati

Il commando terroristico che ha assaltato il teatro Crocus di Mosca uccidendo 143 persone avrebbe preso “ingenti some di denaro dall’Ucraina”. Lo riporta RT citando una nota del Comitato investigativo russo su Telegram (in foto).

“Le indagini – spiega la nota del dipartimento – hanno confermato i dati secondo cui gli autori dell’attacco terroristico hanno ricevuto ingenti somme di denaro e criptovalute dall’Ucraina, che sono state utilizzate per preparare il crimine”. Secondo il pool questo dato  dimostrerebbe “le prove dei legami tra i terroristi e i nazionalisti ucraini”.

Gli investigatori hanno riferito del lavoro attivo in corso “per ricostruire il quadro completo sul crimine commesso, sia nelle fasi di preparazione e pianificazione, sia nella commissione dell’attacco contro ignari e innocenti cittadini”.

I primi risultati dell’indagine – prosegue la nota – “confermano pienamente la natura pianificata delle azioni dei terroristi, l’attenta preparazione e il sostegno finanziario da parte degli organizzatori del massacro” del 22 marzo scorso.

Secondo il direttore dell’Fsb Alexander Bortnikov, i servizi speciali ucraini “hanno facilitato l’attacco a Mosca. Le informazioni ricevute dagli attentatori in carcere confermano la pista ucraina”, ha spiegato il capo dell’intelligence russa.

Inoltre, è stato identificato e arrestato nella regione di Bryansk un altro sospettato ritenuto coinvolto in un piano di finanziamento del terrorismo. Si tratta di un uomo collegato al radicalismo islamico per cui faceva propaganda. L’uomo conoscerebbe gli attentatori arrestati, ossia i nativi del Tagikistan Shamsidin Fariduni, Dalerjon Mirzoev, Muhammadsobir Fayzov e Saidakrami Rachabalizode detenuti in carcere nella regione di Bryansk, dove sono stati catturati, quasi al confine ucraino, dopo una rapida caccia dei reparti speciali russi.

Il comitato chiederà al tribunale di scegliere per l’arrestato di oggi una misura preventiva sotto forma di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti”, ha concluso il comitato investigativo.

I media russi affermano che il capo del Ministero degli Interni di Krasnogorsk, il colonnello di polizia Maxim Myagkov, e il suo vice, il tenente colonnello di polizia Dmitry Novikov, hanno contribuito a identificare l’auto con la quale i criminali erano fuggiti dopo il sanguinoso attentato al Crocus.

L’ufficiale è riuscito a forzare la porta della sala server e, all’interno, hanno esaminato le registrazioni delle telecamere a circuito chiuso, dopo di che hanno trasmesso le informazioni alla sede operativa, grazie alla quale sono stati in grado di stabilire il percorso dei terroristi in fuga a bordo di una Renault Olympia.

A seguito delle azioni dei terroristi, secondo gli ultimi dati, 143 persone sono state uccise e 372 ferite.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)