23 Febbraio 2024

Di Maio: “Domenica stop all’apertura di negozi e centri commerciali”

Correlati

Di Maio: stop ad apertura domenica centri commercialiIl ministro del Lavoro e vicepremier Luigi Di Maio, dice stop alle aperture domenicali di negozi e centri commerciali, ed entro fine anno annuncia che ci sarà una legge che impone il giorno di chiusura domenicale a queste attività. La liberalizzazione del governo Monti “sta infatti distruggendo le famiglie italiane. Bisogna ricominciare a disciplinare orari di apertura e chiusura”, ha detto il ministro.

“Ci sarà sempre un posto dove andare a fare la spesa. Ci sarà un meccanismo di turnazione per cui resterà aperto il 25% dei negozi, gli altri a turno chiudono”, afferma il vicepremier intervistato a “L’aria che tira” su La7, parlando della proposta di chiusura domenicale degli esercizi commerciali. “A decidere chi sarà aperto e chi chiuso saranno, come in passato, sindaco e commercianti”, ha aggiunto.

Eurospin a favore della proposta di Di Maio – “Oggi leggo tante fesserie sui giornali riguardo alle sacrosante chiusure domenicali”, scrive Di Maio sul Blog delle Stelle. “Ma ho visto anche questo comunicato di Eurospin, in una pagina a pagamento sul Corriere della Sera, in cui si schiera a favore della nostra proposta. Il motivo è semplice: i dirigenti di Eurospin mettono al primo posto la qualità della vita dei dipendenti del gruppo e sanno che questa migliorerà se la domenica sarà dedicata agli affetti e alla famiglia. Così come sanno che non ci sarà alcun ritorno negativo sui profitti”.

Negozi chiusi la domenica, Di Maio accelera. Gdo contro – Entro l’anno “sicuramente” arriverà la legge che impone lo stop la domenica e nei giorni festivi delle aperture agli esercizi e ai centri commerciali: parola del vicepremier e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, intenzionato ad accelerare la stretta sulla liberalizzazione delle aperture e degli orari nel commercio, introdotta nel 2011 con il decreto “Salva Italia” del governo Monti.

Plaudono i sindacati, da sempre schierati contro la deregolamentazione e il conseguente “far west”. Preoccupata, al contrario, la grande distribuzione organizzata: a rischio ci sarebbero 40-50mila lavoratori, avverte l’amministratore delegato e direttore generale di Conad, Francesco Pugliese. Rilancia l’allarme occupazione il presidente di Federdistribuzione, l’associazione che riunisce le aziende della distribuzione, Claudio Gradara: un provvedimento di cui “non vediamo la necessità e l’opportunità” e di cui “non si capisce la tempestività”.

Anni fa, la Domenica era considerata un giorno da dedicare al riposo e al Signore, ma le liberalizzazioni selvagge nel commercio introdotte da Mario Monti, hanno stravolto questo sacrosanto principio, trasformando i festivi in giorni normali e minando il senso unitario delle famiglie.

Lo stop alle aperture domenicali è già in vigore in alcuni paesi europei, tra i quali la cattolicissima Polonia. Di Domenica e nei festivi le attività restano rigorosamente chiuse. L’apertura di negozi e centri commerciali è concessa solo un per un festivo al mese, oppure se è disposto a lavorare, il proprietario del negozio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Sequestrati beni per 2,5 milioni a imputati processo antimafia

Beni per un valore di oltre 2,5 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)