Decine di medici contro le “falsità” sul Covid: “Stop al terrore e alla manipolazione”

Da tutto il mondo un appello internazionale per fermare la "follia" delle restrizioni e delle "false informazioni" sul coronavirus. "Basta con la leva della paura". Le obiezioni dei sanitari punto per punto

Carlomagno Jeep Renegade Ottobre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB

In questo lungo articolo diverse decine di medici e sanitari di tutto il mondo, che si definiscono professionisti della Salute, vengono smontate punto per punto le teorie sanitarie che sono alla base delle forti restrizioni adottate dai governi per fronteggiare l’emergenza Covid-19. I medici lanciano un allerta internazionale al fine di sensibilizzare i cittadini ma anche tanti altri scienziati non allineati al sistema e porre così fine alle “manipolazioni” e alla “menzogne” sulla “più grande truffa di tutti i tempi”.

Noi, professionisti della salute, in diversi paesi del mondo

1. Noi diciamo: STOP a tutte le misure folli e sproporzionate che sono state prese fin dall’inizio per combattere la SARS-CoV-2 (lockdown, blocco dell’economia e dell’educazione, distanziamento sociale, mascherine per tutti, ecc.) perché sono totalmente ingiustificate, non si basano su alcuna evidenza scientifica e violano i principi fondamentali della medicina basata sull’evidenza. D’altra parte, naturalmente, sosteniamo misure ragionevoli come raccomandazioni per lavarsi le mani, starnutire o tossire sul gomito, usare un fazzoletto monouso, ecc.

Non è la prima volta che l’umanità si trova ad affrontare un nuovo virus: abbiamo sperimentato l’H2N2 nel 1957, l’H3N2 nel 1968, la SARS-CoV nel 2003, l’H5N1 nel 2004, l’H1N1 nel 2009, il MERS-CoV nel 2012 e affrontiamo il virus dell’influenza stagionale ogni anno. Tuttavia, per questi virus non è stata adottata nessuna delle misure adottate per la SARS-CoV-2.

Ci viene detto: “Ma la SARS-CoV-2 è altamente contagiosa” e noi rispondiamo: È ASSOLUTAMENTE FALSO. Questa affermazione è stata respinta da esperti di fama internazionale. Un semplice confronto con altri virus mostra che la SARS-CoV-2 è moderatamente contagiosa. Malattie come il morbillo possono essere descritte come altamente contagiose. Ad esempio, una persona infettata dal morbillo può infettare fino a 20 persone, mentre una persona infettata da questo coronavirus ne infetta solo 2 o 3, cioè 10 volte meno del morbillo.

“Ma, è un nuovo virus” e noi rispondiamo: H1N1 e gli altri virus che sono stati menzionati erano anch’essi nuovi virus. Eppure: non abbiamo confinato i Paesi, non abbiamo bloccato l’economia mondiale, non abbiamo paralizzato il sistema educativo, non abbiamo preso le distanze sociali e non abbiamo detto alle persone sane di indossare le maschere.

Inoltre, alcuni esperti dicono che è possibile che questo virus circolasse prima, ma che non ce ne siamo resi conto.

“Ma non abbiamo un vaccino” e noi rispondiamo: all’inizio dell’H1N1 non avevamo neanche noi un vaccino, come ai tempi della SARS-CoV. Eppure: non abbiamo chiuso i paesi, non abbiamo bloccato l’economia mondiale, non abbiamo paralizzato il sistema educativo, non abbiamo preso le distanze sociali e non abbiamo detto a persone sane di indossare maschere.

“Ma questo virus è molto più letale” e noi diciamo: È ASSOLUTAMENTE FALSO, perché proprio rispetto all’influenza e se consideriamo il periodo tra il 1° novembre e il 31 marzo, ci sono stati in tutto il mondo – quando queste misure sono state adottate -: 860.000 casi e 40.000 morti, mentre l’influenza nello stesso periodo di 5 mesi ha infettato, in media, 420 milioni di persone e ucciso 270.000 di loro. Inoltre, il tasso di mortalità dei casi annunciato dall’OMS (3,4%) è stato ampiamente sovrastimato ed è stato respinto fin dall’inizio da eminenti esperti di epidemiologia.

Tuttavia, anche prendendo questo tasso di mortalità dei casi, possiamo vedere che questo coronavirus è tre volte meno letale di quello del 2003 (10%) e 10 volte meno letale di quello del 2012 (35%).

“Ma COVID-19 è una malattia grave” e noi rispondiamo: È ASSOLUTAMENTE FALSO. La SARS-CoV-2 è un virus benigno per la popolazione generale perché dà l’85% delle forme benigne, il 99% dei soggetti infetti si riprende, non costituisce un pericolo per le donne incinte e i bambini (a differenza dell’influenza), si diffonde meno rapidamente dell’influenza 6 e il 90% delle persone che muoiono sono anziani (che devono, ovviamente, essere protetti come le altre popolazioni a rischio). Per questo motivo gli esperti hanno definito “delirante” l’affermazione che si tratta di una grave malattia e il 19 agosto hanno dichiarato che “non è peggio dell’influenza”.

“Ma ci sono persone asintomatiche” e noi rispondiamo: anche nell’influenza, il 77% delle persone infette sono asintomatiche e possono anche trasmettere il virus.

Eppure: alle persone sane non viene detto di indossare maschere ogni anno e non viene fatto alcun allontanamento sociale nonostante l’influenza infetti 1 miliardo di persone e uccida 650.000 persone.

“Ma questo virus sta causando la saturazione degli ospedali” e noi rispondiamo: È ASSOLUTAMENTE FALSO.

La saturazione riguarda solo pochi ospedali, ma si fa credere che l’intero sistema ospedaliero sia saturo o che la saturazione sia imminente, mentre in alcuni Paesi ci sono migliaia di ospedali. È ragionevole e corretto attribuire, ad esempio, a 1000 o 2000 ospedali una situazione che riguarda solo 4 o 5 ospedali? Non sorprende inoltre che alcuni ospedali siano saturi perché c’erano focolai epidemici (come la Lombardia in Italia o New York negli USA). Non va dimenticato che gli ospedali di molti paesi sono stati sopraffatti (comprese le unità di terapia intensiva) durante le precedenti epidemie di influenza e che a quel tempo si parlava addirittura di : “tsunami” di pazienti negli ospedali, “ospedali sovraffollati”, tende erette fuori dagli ospedali, “zone di guerra”, “ospedali crollati” e “stato di emergenza”. Eppure: non abbiamo confinato i Paesi, non abbiamo bloccato l’economia mondiale, non abbiamo paralizzato il sistema educativo, non abbiamo preso le distanze sociali e non abbiamo detto alle persone sane di indossare le maschere.

2. Diciamo STOP a queste folli misure le cui conseguenze catastrofiche già cominciano a manifestarsi: Suicidio di persone ansiose come è stato riportato in Cina, sviluppo di patologie psichiatriche, paralisi del percorso educativo di alunni e studenti universitari, impatti negativi e pericoli per gli animali, trascuratezza di altre malattie (soprattutto croniche) e aumento della loro mortalità, aumento della violenza domestica, perdite economiche, disoccupazione, grave crisi economica (pochi sanno che la crisi economica del 2007-2008 ha portato al suicidio di almeno 13.000 persone solo in Europa e in Nord America), gravi conseguenze sull’agricoltura, destabilizzazione dei Paesi e pace sociale e rischio di scoppio di guerre.Un editoriale pubblicato sull’European Journal Of Clinical Investigation ha denunciato, fin dall’inizio, i danni: misure estreme adottate non basate su prove, informazioni esagerate sul reale pericolo del virus e notizie false propagate (anche dalle maggiori riviste). Alcuni hanno addirittura paragonato questa pandemia alla pandemia influenzale del 1918, che è una MENZOGNA e una manipolazione poiché (all’epoca, ndr) ha ucciso 50 milioni di persone, il che non ha assolutamente nulla a che vedere con il numero di morti di questo coronavirus.

3. RIFIUTIAMO l’obbligo di applicazioni di tracciamento di contatti come avviene in alcuni paesi perché la SARS-CoV-2 è un virus benigno che non giustifica tale misura. Inoltre, secondo le raccomandazioni internazionali e indipendentemente dalla gravità di una pandemia (moderata, elevata, molto elevata), la tracciatura dei contatti non è raccomandata. Durante le epidemie di influenza, effettuiamo il tracciamento dei contatti? No. Tuttavia, il virus dell’influenza infetta molte più persone e ha più popolazioni a rischio di questo coronavirus.
4. Diciamo: STOP alla censura di esperti e operatori sanitari per prevenirli dal dire la verità (soprattutto nei paesi che affermano di essere democratici).
5. Condividiamo il parere di esperti che denunciano l’inserimento di proiezioni nel
conteggio dei casi, anche se i soggetti sono sani e asintomatici. Ciò è risultato
in una sopravvalutazione dei casi. Va ricordato che la definizione di a
caso in epidemiologia è: “il verificarsi di molti possibili esiti: malattie,
complicazioni, sequele, decessi. Nella cosiddetta sorveglianza sindromica, il verificarsi
di eventi non specifici come raggruppamento di sintomi o motivi per cercare cure,
ricoveri, chiamate ai servizi di emergenza è definito come un caso ” . Quindi diciamo:
separare le proiezioni dai casi e smetterla di confonderli.
6. Siamo d’accordo con gli esperti che denunciano il fatto che non si fa distinzione tra le persone che sono morte a causa del virus e quelle che sono morte con il virus (con co-morbilità), il fatto che la causa della morte è attribuita alla SARS-CoV-2 senza test o autopsia, e il fatto che i medici sono sotto pressione affinché segnino il COVID-19 come causa della morte, anche se il paziente è morto per qualcos’altro. Questo porta a sopravvalutare il numero dei morti ed è una scandalosa manipolazione delle cifre perché durante le epidemie di influenza stagionale, per esempio, non è questo il modo di lavorare. Tanto più che il 20% dei pazienti COVID sono co-infettati con altri virus respiratori. Dopo una nuova valutazione, solo il 12% dei certificati di morte in un paese europeo ha mostrato una causalità diretta del coronavirus. In un altro paese europeo, i professori Yoon Loke e Carl Heneghan hanno dimostrato che un paziente che è risultato positivo ma che è stato curato con successo e poi dimesso dall’ospedale sarà comunque conteggiato come decesso COVID anche se ha avuto un infarto o è stato falciato da un autobus tre mesi dopo. Il direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) di un paese nordamericano ha riconosciuto il 31 luglio che gli ospedali hanno un incentivo finanziario perverso a gonfiare le cifre di mortalità dei coronavirus.
7.  Condividiamo l’opinione degli esperti che hanno messo in guardia contro l’intubazione quasi sistematica di alcuni pazienti a causa della folle paura del virus. I protocolli devono essere modificati perché hanno provocato un elevato numero di morti.
8. Diciamo che è importante che venga effettuata una revisione delle prestazioni analitiche e cliniche dei test immessi sul mercato, compresi i test virologici. Molti kit sono attualmente utilizzati quando una parte significativa delle loro prestazioni (ad esempio la specificità analitica, soprattutto per i quattro coronavirus stagionali) non è stata valutata, il che è grave perché oltre ai casi di falsi negativi, la letteratura riporta falsi positivi preoccupanti, che possono sopravvalutare il numero dei casi e dei decessi. Secondo un professore di microbiologia, la percentuale di falsi positivi può raggiungere il 20%. Alcuni articoli scientifici che riportano questi casi di falsi positivi sono stati censurati. Così diciamo: STOP ai test obbligatori a causa di questa inaffidabilità e della mancanza di verifica delle sue prestazioni e perché non c’è nulla in questo coronavirus (che è un virus benigno con un basso tasso di fatalità dei casi) che lo giustifichi. Come abbiamo detto, l’influenza infetta 1 miliardo di persone ogni anno, 30 volte di più del SARS-CoV-2, eppure non sono necessari test per i viaggi.
9. Diciamo ai cittadini: non abbiate paura, questo virus è benigno se non fate parte delle popolazioni a rischio. Se le televisioni fanno la stessa cosa con l’influenza, i numeri saranno molto più alti che per il coronavirus! La televisione vi riferirà ogni giorno in media: 3 milioni di casi e 2.000 morti per influenza. E per la tubercolosi, la televisione segnalerà una media di 30.000 casi e 5.000 decessi ogni giorno. Il virus dell’influenza infetta 1 miliardo di persone ogni anno e ne uccide 650.000, mentre la tubercolosi infetta 10,4 milioni di persone ogni anno e ne uccide 1,8 milioni. Inoltre, in TV si parla di “casi” quando si tratta di screening e non di casi. Un articolo scientifico, SARS-CoV-2: fear versus data (SARS-CoV-2: fear versus data), pubblicato sull’International Journal of Antimicrobial Agents, ha mostrato che il pericolo del virus è stato sopravvalutato e che la paura può essere più pericolosa del virus stesso.
10. Ai cittadini diciamo: il lavaggio delle mani è un riflesso che dobbiamo avere per tutta la vita, che ci sia o meno il coronavirus, perché è la misura di igiene più efficace. Ma indossare una maschera quando non si è malati e praticare l’allontanamento sociale non fa parte dell’igiene o del mantenimento della salute pubblica, ma è una follia. Indossare una maschera per lungo tempo ha diversi effetti negativi sulla salute e la trasforma in un nido di germi. “Il virus può concentrarsi nella maschera e quando lo si toglie, il virus può essere trasferito alle mani e diffondersi”, ha detto il dottor Anders Tegnell, un epidemiologo. Alla domanda se le persone si mettono in pericolo indossando le maschere, la dott.ssa Jenny Harries ha risposto: “A causa di questi problemi di gestione [delle maschere], le persone possono mettersi in pericolo. Anche i dentisti hanno recentemente messo in guardia dai gravi effetti sulla salute orale perché stanno scoprendo che indossare le maschere per lunghi periodi di tempo porta a malattie come la carie, le malattie parodontali e l’alito molto cattivo. “Vediamo molte persone con più infiammazioni, più carie e malattie gengivali… Vediamo infiammazioni gengivali in persone che sono sempre state sane e carie in persone che non hanno mai avuto carie prima… Circa il 50% dei nostri pazienti ne è colpito”, dice il Dr. Rob Ramondi, un dentista. “Le persone tendono a respirare attraverso la bocca piuttosto che attraverso il naso quando indossano una maschera… La respirazione dalla bocca fa sì che la bocca diventi secca, con conseguente diminuzione della saliva. La saliva è ciò che combatte i batteri e pulisce i denti… I pazienti ci dicono: “Wow, mi puzza l’alito, ho bisogno di pulizia”.

(Ma] quando si ha l’alito cattivo, o si ha già una malattia parodontale o si hanno molti batteri sulla lingua a causa della secchezza delle fauci… La malattia delle gengive – o malattia parodontale – alla fine porterà a ictus e ad un aumento del rischio di infarto”, dice il Dr. Marc Sclafani, un altro dentista. Inoltre, molti di voi si lamentano di queste maschere, soprattutto quest’estate. Devi sapere che la bocca e il naso non sono fatti per essere ostruitiCiò che indossi in apparenza una maschera, ma una museruola sulla tua libertà, in realtà. Tanto più che l’epidemia è finita nella maggior parte dei paesi, come affermano diversi esperti come il professor Yoram Lass; quelli che vi dicono il contrario sono BUGIARDI.  Dicendovi che l’epidemia non è finita, brandendo la minaccia di una seconda ondata (che non si basa su alcuna prova), chiedendovi di indossare una maschera e di fare distanziamento sociale, l’obiettivo è, infatti, quello di prolungare la paura fino alla realizzazione di un vaccino e di renderlo più accettabile per voi.

11. Diciamo alle compagnie aeree: diversi studi scientifici hanno dimostrato un legame tra l’eccessiva igiene e lo sviluppo di malattie come le malattie allergiche, le malattie autoimmuni, le malattie infiammatorie o alcuni tipi di cancro. Questo è ciò che in medicina chiamiamo: l’ipotesi igienista. Quindi, interrompete le operazioni di disinfezione e toglietevi le maschere e le ridicole tute protettive dei vostri dipendenti che abbiamo visto sui media. Fare questo è una follia. Gli aeroporti devono anche smettere di prendere temperature e fermare le quarantene. La SARS-CoV-2 non è la peste nera. Anche voi, come i cittadini, siete stati manipolati.
12. Diciamo ai governi: togliete ai cittadini tutte le restrizioni e gli obblighi (stato di emergenza, obbligo di indossare maschere, distanza sociale, ecc.) perché sono stupidi e puramente dittatoriali e non hanno nulla a che fare con la medicina o l’igiene o la conservazione della salute pubblica. Non vi è alcuna ragione scientifica o medica per cui i cittadini non malati debbano indossare maschere. Il dottor Pascal Sacré, anestesista-rianimatore, ha detto: “Costringere tutti a portarli sempre, mentre l’epidemia scompare, è un’aberrazione scientifica e medica”.
Il professor Didier Raoult ha detto: “La decisione del contenimento così come la decisione delle maschere… non si basano su dati scientifici”. La dott.ssa Lisa Brosseau e Margaret Sietsema, esperte in protezione delle vie respiratorie, affermano: “Non raccomandiamo di chiedere al pubblico che non presenta sintomi della malattia COVID-19 di indossare regolarmente un panno o una maschera chirurgica perché: non vi sono prove scientifiche che siano efficaci nel ridurre il rischio di trasmissione della SARS-CoV-2”.
Il professor Maël Lemoine ha anche chiarito che il cambiamento di discorso sulle maschere è “politico, non scientifico”. In alcuni paesi asiatici, le persone indossano maschere tutto l’anno (per proteggersi, tra l’altro, dall’inquinamento). L’uso diffuso di maschere in questi paesi ha impedito loro di avere epidemie di coronavirus?
L’uso diffuso di maschere in questi paesi impedisce che si verifichino epidemie annuali di influenza o di altri virus respiratori? La risposta, ovviamente, è no. D’altra parte, con gli 8 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno vengono già scaricate negli oceani, maschere e guanti aggiungono una nuova minaccia e costituiscono un inquinamento particolarmente pericoloso per la nostra salute e per la fauna selvatica. Solo in Italia, se solo l’1% delle maschere attualmente in uso venisse gettato in natura, ogni mese finirebbero nell’oceano 10 milioni di maschere. Inoltre, le maschere chirurgiche impiegano fino a 450 anni per decomporsi! Così diciamo ai governi: STOP a queste misure illegali e pericolose di uso obbligatorio della maschera.
13.  Noi diciamo alle forze dell’ordine: i cittadini vi devono molto perché voi siete ogni giorno i garanti della loro sicurezza e del rispetto della legge e dell’ordine. Ma sostenere la legge non significa sottomettersi ciecamente a ordini ingiusti. È stato questo errore che ha portato alla seconda guerra mondiale e alla morte di 50 milioni di persone. Vi diciamo quindi: fate rispettare la legge ma non l’ingiustizia e la dittatura, rifiutate di imporre queste misure, rifiutate di verbalizzare i vostri concittadini (quando non indossano una maschera, per esempio), non picchiateli, non imprigionateli. Non siate strumenti di dittatura. Stare dalla parte dei cittadini e seguire il buon esempio dei poliziotti americani che hanno sostenuto i cittadini inginocchiandosi con loro. Vi assicuriamo che queste misure non hanno nulla a che fare con la medicina o l’igiene o la conservazione della salute pubblica, questa è dittatura e follia.
14. Diciamo ai cittadini: dobbiamo rispettare la legge. Ma questo non significa cieca sottomissione alla follia, all’ingiustizia o alla dittatura. E’ questa cieca sottomissione di cittadini che ha portato alla seconda guerra mondiale con la morte di 50 milioni di persone. Siete nati liberi e dovete vivere liberi. Quindi: non abbiate paura e se non siete malati: toglietevi le maschere, uscite dalle vostre case come volete e senza allontanamenti sociali, ma fatelo in modo pacifico e senza violenza. I professori Carl Heneghan e Tom Jefferson, epidemiologi con grande esperienza nella medicina basata sull’evidenza, dicono: “Non ci sono prove scientifiche a sostegno della disastrosa regola dei due metri. La ricerca di scarsa qualità viene utilizzata per giustificare una politica con enormi conseguenze per tutti noi”.

15. Diciamo che ci deve essere una riforma totale dell’OMS. I successi dell’OMS sono indiscutibili: milioni di vite sono state salvate attraverso programmi di vaccinazione contro il vaiolo e il consumo di tabacco è stato ridotto in tutto il mondo. Ma il problema principale per l’OMS è che da diversi anni è finanziata all’80% da aziende (soprattutto farmaceutiche) e donatori privati (tra cui una nota fondazione) e l’evidenza è in aumento: falso allarme sull’H1N1 sotto l’influenza delle lobby farmaceutiche, inquietante compiacenza verso il glifosato che l’OMS aveva dichiarato sicuro nonostante le vittime dell’erbicida, cecità alle conseguenze dell’inquinamento legato alle compagnie petrolifere in Africa, minimizzazione del tributo umano dei disastri nucleari da Chernobyl a Fukushima e dei disastri dell’uso di munizioni all’uranio impoverito in Iraq o nei Balcani, mancato riconoscimento dell’Artemisia per proteggere gli interessi delle aziende farmaceutiche nonostante la sua comprovata efficacia nel trattamento della malaria. L’indipendenza dell’organizzazione è compromessa sia dall’influenza delle lobby industriali – soprattutto farmaceutiche – sia dagli interessi dei suoi Stati membri, in particolare della Cina.Il presidente di un Paese ha detto: “Penso che l’Organizzazione mondiale della sanità dovrebbe vergognarsi perché sono diventati i portavoce della Cina”. L’istituzione ginevrina, che aveva sottovalutato la minaccia dell’Ebola (oltre undicimila morti) è inoltre accusata di trascurare le malattie tropicali a favore di mercati più succulenti. Un’indagine condotta nel 2016 (l’OMS nelle grinfie dei lobbisti)19 ha fornito una radiografia edificante dell’OMS, che ritrae una struttura fragile soggetta a molteplici conflitti di interesse. Questa indagine ha mostrato come gli interessi privati dominino le questioni di salute pubblica all’OMS. Non è accettabile che il denaro che lo finanzia provenga principalmente da una sola persona e che sia infiltrato dalle lobby. Recentemente, l’OMS è diventata ancora più screditata per essere caduta nella trappola del Lancet Gate quando un semplice studente ha scoperto la frode.

All’epoca dell’influenza H1N1: il dottor Wolfgang Wodarg, presidente della commissione per la salute dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, ha criticato l’influenza dell’industria farmaceutica sugli scienziati e sui funzionari dell’OMS, affermando che essa aveva portato alla situazione in cui “inutilmente milioni di persone sane erano esposte al rischio di vaccini mal testati” e che, per un ceppo influenzale, era “molto meno dannoso” di tutte le precedenti epidemie influenzali.

. Aveva perfettamente ragione, poiché, in seguito, il vaccino ha causato 1.500 vittime di narcolessia, l’80% delle quali erano bambini, come vedremo. Ha anche criticato l’OMS per aver alimentato i timori di una falsa pandemia’, l’ha descritta come uno dei più grandi scandali medici di questo secolo’ e ha chiesto l’apertura di un’indagine.

Infatti, i criteri per dichiarare una pandemia (come la gravità) sono stati modificati dall’OMS sotto l’influenza delle lobby farmaceutiche in modo da poter vendere i vaccini ai paesi di tutto il mondo. Secondo un rapporto21 dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa sulla gestione dell’influenza H1N1, anche da parte dell’OMS: “Sono stati sprecati ingenti fondi pubblici e vi sono timori ingiustificati sui rischi per la salute… Sono state individuate gravi carenze per quanto riguarda la trasparenza dei processi decisionali relativi alla pandemia, sollevando preoccupazioni sulla possibile influenza che l’industria farmaceutica avrebbe potuto esercitare sulle decisioni chiave relative alla pandemia. L’Assemblea è preoccupata che questa mancanza di trasparenza e di responsabilità possa portare a un calo della fiducia del pubblico nelle opinioni dei principali enti sanitari pubblici”. La storia si ripete oggi con esattamente gli stessi attori e la stessa compagnia della paura. L’ex segretario generale del dipartimento di sanità pubblica dell’OMS ha rivelato in un altro sondaggio (TrustWHO) che all’epoca dell’H1N1 nessuno aveva paura all’OMS e che non conosce nessuno all’OMS che sia stato vaccinato, compreso l’ex direttore generale: la cinese Margaret Chan.

Sebbene sia un alto funzionario dell’OMS, lui e la maggior parte dei suoi colleghi sono stati esclusi da un incontro tra il Direttore Generale e le aziende farmaceutiche di vaccini con la motivazione che “questo è un incontro privato”…

16.  Noi diciamo che bisogna aprire un’inchiesta e che bisogna interrogare alcuni funzionari dell’OMS, soprattutto quello che ha promosso il contenimento internazionale, che è un’eresia dal punto di vista medico e una truffa che ha portato il mondo fuori strada. Il 25 febbraio 2020, infatti, il capo della missione internazionale di osservazione del coronavirus in Cina ha elogiato la risposta di Pechino all’epidemia23. Ha detto che la Cina è riuscita con metodi “all’antica”, ha sottolineato che “il mondo aveva bisogno di lezioni dalla Cina”, che doveva ispirarsi ad essi e che se avesse avuto COVID-19, avrebbe voluto essere trattato in Cina! Una volta ha anche descritto la Cina24 come “molto aperta” e “molto trasparente”.Come si può credere a queste affermazioni? Come si può credere che se avesse avuto il COVID-19, sarebbe andato in Cina per essere curato? Come si può credere che il mondo debba essere ispirato dalla Cina e che l’epidemia debba essere combattuta con “metodi antiquati”?

La cosa sorprendente è che è riuscito a far ingoiare al mondo le sue insalate. Perché purtroppo: dopo le sue dichiarazioni e il rapporto da lui supervisionato (che afferma che i metodi cinesi sono: “agili e ambiziosi”), i Paesi del mondo hanno attuato misure sproporzionate e hanno seguito ciecamente l’OMS nel confinare le loro popolazioni. La paura e la psicosi sono state propagate presentando la SARS-CoV-2 come un virus molto pericoloso o un virus della mortalità di massa, quando questo non è assolutamente il caso.

Fortunatamente, un’intervista con lui ha mostrato una parte importante della verità e del conflitto di interessi dell’OMS con la Cina quando un giornalista gli ha fatto una domanda sul rifiuto dell’adesione di Taiwan (che è in conflitto con la Cina) da parte dell’OMS: ha fatto finta di non sentire la domanda e poi, quando la domanda gli è stata posta di nuovo, ha tagliato la comunicazione! (il video è stato visto più di 8 milioni di volte).

E’ stato anche lui a dire a fine febbraio: “Attualmente c’è un solo farmaco di cui pensiamo possa avere una reale efficacia: il remdesivir”. Come può dire questo prima ancora che i risultati vengano fuori? E perché l’ha detto?

I membri canadesi eletti della Camera dei Comuni hanno persino convocato questo funzionario dell’OMS dopo che ha rifiutato l’invito a testimoniare davanti al Comitato permanente per la salute. Anche il leader ad interim del Partito conservatore canadese ha messo in dubbio l’accuratezza dei dati dell’OMS sul COVID 19. Dire che la Cina ha ridotto il numero di casi o ha gestito bene l’epidemia e ha appianato la curva attraverso il contenimento è una menzogna completa e non si basa su alcuna prova perché nessuno può dare un numero di casi o di decessi in Cina se non avesse applicato il contenimento. Per di più, mesi dopo: il mondo ha scoperto che queste cifre non erano nemmeno vere!

Recentemente, tre Paesi africani hanno espulso i rappresentanti dell’OMS perché, secondo alcuni di questi Stati, stavano falsificando il numero di casi gonfiandoli. Le persone che sono dietro il contenimento globale, la psicosi e il terrore, quando vedono la corsa della gente verso i negozi, persone che litigano per la pasta di cellulosa o la carta igienica, distanze di un metro come se fosse la peste, persone confinate come se fossero animali, strade disinfettate, agenti di polizia che colpiscono i cittadini mentre escono, droni ed elicotteri mobilitati, le persone che escono con i certificati, che indossano maschere nonostante la fine dell’epidemia e il fatto che le persone non sono malate, non è fuori discussione che possano ridere di quanto facilmente abbiano manipolato interi paesi e forse anche chiamarli pecore.

La follia ha raggiunto il punto in cui in alcuni paesi : le spiagge sono state disinfettate con candeggina, ai pompieri con baffi e barba è stato vietato il lavoro, il plexiglas è stato installato ovunque (anche nelle aule scolastiche) come se fosse la peste nera, un treno è stato fermato perché qualcuno non indossava la maschera, famiglie private della possibilità di vedere i loro morti (come se il virus stesse per saltare fuori dal loro corpo e mordere), septuagenari multati per essere usciti e aver buttato la spazzatura, e persino monete e banconote dall’estero sono state “isolate”!

Come possono i paesi accettare di cadere in questo livello di follia, stupidità e dittatura? Soprattutto quelli che si definiscono democratici. Tutto questo per un virus che causa l’85% delle forme benigne e per il quale il 99% delle persone infette guarisce.

L’OMS ha esortato il mondo a copiare la risposta della Cina a COVID-19 e ci è riuscita; ogni paese del mondo, seguendo ciecamente l’OMS, è diventato una copia carbone della Cina. Solo pochi paesi si sono rifiutati di imitare stupidamente gli altri, come la Svezia o la Bielorussia, con cui ci si può congratulare. Il presidente di un paese europeo ha avuto ragione a dire: “Questa non è altro che una psicosi più pericolosa del virus stesso”. Esperti di fama internazionale hanno descritto l’allarme globale come “sproporzionato”. Il professor Jean-François Toussaint ha detto: “Mi sembra che l’OMS abbia una grande responsabilità per non aver dato priorità, per aver continuato a ripetere instancabilmente che questa è una minaccia per l’umanità” (International Journal of Medicine, 13 giugno 2020).

17. Diciamo che dobbiamo smettere di seguire ciecamente l’OMS perché non è una società dotta ed è ben lontana dall’essere indipendente, come abbiamo visto. Interrogato sul motivo della decisione di rendere obbligatori 11 vaccini, un ex ministro della Sanità27 di un Paese europeo ha risposto: “È una decisione di sanità pubblica che risponde, infatti, a un obiettivo globale dell’OMS, che oggi chiede a tutti i Paesi del mondo di ottenere il 95% dei bambini vaccinati per i vaccini necessari”.

Raccomandiamo inoltre ai governi di scegliere con attenzione gli esperti che li consigliano ed evitare quelli che hanno legami con i laboratori farmaceutici;

Un importante professore di infettivologia ha commentato alcuni esperti di un paese europeo: “Un membro di spicco della Commissione per le malattie trasmissibili di questo Alto Consiglio ha ricevuto 90.741 euro dall’industria farmaceutica, di cui 16.563 euro da [una società farmaceutica che produce una molecola concorrente all’idrossiclorochina]. Se un membro ha un conflitto di interessi rilevante, deve abbandonare l’assemblea e non partecipare ai dibattiti o alla stesura del parere. In fondo al presente parere, tuttavia, non si fa menzione dei conflitti di interesse o del numero di membri qualificati che hanno partecipato alla votazione. Si tratta di una grave violazione del Regolamento”.

Un ex redattore del New England Journal of Medicine ha detto: “La professione medica viene acquistata dall’industria farmaceutica, non solo in termini di pratica della medicina, ma anche di insegnamento e ricerca. Le istituzioni accademiche di questo paese si permettono di essere gli agenti pagati dell’industria farmaceutica. Penso che sia vergognoso”. Naturalmente, questo non deve essere generalizzato a tutti.

18. Ai governi diciamo: non seguire più – nelle epidemie – i modelli matematici che sono cose virtuali che non hanno alcuna connessione con la realtà e che hanno portato il mondo fuori strada in diverse occasioni e sono stati usati come giustificazione per politiche di contenimento folli. Infatti, un’università europea con forti legami con l’OMS aveva detto che:
– 50.000 britannici sarebbero morti per il morbo della mucca pazza, mentre alla fine ne sono morti solo 177.
– L’influenza aviaria avrebbe ucciso 200 milioni di persone, mentre sono morte solo 282.
– L’influenza H1N1 avrebbe ucciso 65.000 inglesi, mentre sono morti solo 457. Il tasso di mortalità è stato anche esagerato quando l’H1N1 si è finalmente rivelato molto meno pericoloso, spingendo molte persone a denunciare il considerevole denaro, il tempo e le risorse spesi per una lieve influenza. All’epoca, la stampa scoprì che il rettore di quell’università, che consigliava l’OMS e i governi, riceveva uno stipendio di 116.000 sterline all’anno dal produttore del vaccino H1N1.
E oggi, è sulla base dello stesso modello imperfetto, sviluppato per la pianificazione dell’influenza pandemica, che hanno dato le loro previsioni astrologiche sul COVID-19; hanno detto che 500.000 moriranno nel Regno Unito, 2,2 milioni negli Stati Uniti, 70.000 in Svezia e tra 300.000 e 500.000 in Francia! Chi può credere a queste cifre pazzesche? Ecco perché il professor Didier Raoult chiama questi modelli : “una forma moderna di divinazione“.
Anche il professor John Ashton ha denunciato queste previsioni astrologiche e il fatto che hanno una sorta di status religioso. Inoltre, la stampa ha scoperto che chiunque in questa università abbia incitato i governi al contenimento non ha rispettato nemmeno ciò che essi sostenevano. Anche in questo caso è necessario effettuare un sondaggio tra alcuni funzionari di questa università europea. Il professor Jean-François Toussaint ha detto a proposito del confinamento: “Dobbiamo a tutti i costi impedire a qualsiasi governo di prendere di nuovo una simile decisione. Tanto più che la strumentalizzazione della pandemia con il confinamento generalizzato di metà dell’umanità avrà portato solo al rafforzamento dei regimi autoritari e alla sospensione delle campagne di prevenzione delle principali malattie mortali. In Francia, le simulazioni che stimano che siano state salvate 60.000 vite sono pura fantasia”. Il famoso slogan internazionale: “Resta a casa, salva vite” era semplicemente una falsa dichiarazione. Al contrario, il contenimento ha ucciso molte persone.
19. RIFIUTIAMO l’obbligo di vaccinazione e RIFIUTIAMO l’obbligo di un certificato di vaccinazione contro il coronavirus per i viaggi, per i seguenti motivi:

-Il vaccino non è indispensabile perché l’85% delle forme sono benigne, il 99% dei  soggetti infetti si riprendono e i bambini e le donne incinte non sono a rischio. Inoltre, una gran parte della popolazione è già protetta contro il CA-MRSA-CoV-2 attraverso l’acquisizione di coronavirus stagionali attraverso la crossimmunità.

Dire che non siamo sicuri è una MENZOGNA e mettere in dubbio la durata o l’efficacia di questa protezione è una manipolazione per proteggere il piano commerciale del vaccino.

E’ un virus RNA, quindi è più probabile che muti e il vaccino potrebbe non essere efficace.

I test sui vaccini sono condotti in fretta e alcuni chiedono di accelerare le procedure di test e di rinunciare ai consueti test sugli animali, il che è rischioso. Testare i vaccini senza prendersi il tempo necessario per comprendere appieno i rischi per la sicurezza potrebbe portare a battute d’arresto ingiustificate durante la pandemia e in futuro.

Le precedenti sperimentazioni di vaccini contro i coronavirus sono preoccupanti: nel 2004, uno dei vaccini sviluppati per la SARS ha causato l’epatite negli animali sui quali è stato testato. Un altro vaccino in fase di sperimentazione aveva causato gravi danni ai polmoni negli animali da laboratorio, rendendoli più suscettibili a future infezioni. I vaccini sviluppati contro un altro coronavirus, il virus della peritonite infettiva felina, hanno aumentato il rischio che i gatti sviluppino la malattia causata dal virus. Fenomeni simili sono stati osservati in studi su animali per altri virus, tra cui il coronavirus che causa la SARS.

Alcuni vaccini sono testati da aziende che non hanno esperienza nella produzione e commercializzazione di vaccini e utilizzano nuove tecnologie in medicina per le quali non sono noti né i benefici né i rischi per la salute. -Molte aziende farmaceutiche cercano il profitto finanziario a spese della salute delle popolazioni (senza, ovviamente, generalizzare su tutte).

Il capo di una società farmaceutica ha detto ai suoi azionisti durante l’influenza H1N1: “Questo vaccino sarà un’opportunità significativa in termini di ricavi. È una bella spinta per noi, per il fatturato e per il flusso di cassa”.

L’ex ministro della salute di un paese europeo ha detto il 23 maggio 2020: “Quando c’è un’epidemia come COVID, vediamo: la mortalità, quando sei un medico, … o vediamo: la sofferenza. E c’è gente che vede: dollari… hai grandi laboratori che dicono: è il momento di fare miliardi”.

Il 16 giugno 2020, il professor Christian Perronne, specialista in malattie infettive, ha detto su Sud Radio del vaccino contro il coronavirus: “Non ne abbiamo bisogno… è una storia puramente commerciale”. Il sito web

della rivista Nexus ha pubblicato il 7 agosto il parere del dottor Pierre Cave che ha detto: “L’epidemia è finita in Francia… come medico, non esito ad anticipare le decisioni del governo: non solo dobbiamo rifiutare questi vaccini [contro COVID-19], ma anche denunciare e condannare l’approccio puramente mercantile e l’abietto cinismo che ha guidato la loro produzione”.

-Violazioni etiche scandalose in molti studi clinici: poiché i paesi occidentali non permettono loro di violare i principi etici, molte aziende farmaceutiche (senza generalizzare su tutti) conducono i loro studi clinici di farmaci e vaccini in paesi in via di sviluppo o poveri, dove gli esperimenti sono condotti su persone a loro insaputa e senza il loro consenso. Il rapporto36 scritto da Irene Schipper (SOMO briefing paper on ethics in clinical trials) ha mostrato fallimenti etici scioccanti e molto gravi; in uno studio clinico, ad esempio, le donne africane hanno contratto l’HIV e poi si sono ammalate di AIDS. Questo studio clinico è stato finanziato da una nota fondazione e da un laboratorio. In alcuni Paesi, questi scandalosi studi clinici sono stati condotti con la complicità delle autorità locali in un contesto di conflitti di interesse.

-Un’azienda farmaceutica: AstraZeneca ha stipulato un accordo con diversi di loro, che alla fine hanno dovuto mostrare effetti collaterali dannosi. In altre parole, sono gli Stati e non AstraZeneca a risarcire le vittime, cioè con il denaro dei cittadini! A questo proposito, diciamo ai cittadini: Protestare MASSIVAMENTE contro questo accordo scandaloso, vergognoso e profondamente ingiusto fino alla sua abolizione. Questo uso IRRESPONSABILE del vostro denaro deve essere rifiutato. Anche gli esperti belgi sono stati “scioccati” da questo accordo.

Gli scandali dei vaccini pericolosi o addirittura mortali si sono sviluppati in tempi di epidemie, e ne citeremo due esempi (non siamo, ovviamente, anti-vaccini, perché questo significa mettere in discussione le scoperte di Edward Jenner):

Lo scandalo del vaccino H1N1: è stato testato su un piccolo numero di persone e nonostante questo, nel 2009 è stato commercializzato come sicuro. Ma un anno dopo, in Finlandia e in Svezia sono state sollevate preoccupazioni su una possibile associazione tra narcolessia e vaccino. Un successivo studio di coorte in Finlandia ha riportato un aumento di 13 volte del rischio di narcolessia dopo la vaccinazione nei bambini e nei giovani di età compresa tra i 4 e i 19 anni, con la maggior parte dei casi che si verificano entro tre mesi dalla vaccinazione e quasi tutti entro sei mesi. Solo nel 2013 uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha confermato questi risultati anche per la Gran Bretagna. In totale, questo pericoloso vaccino ha causato 1.500 casi di narcolessia solo in Europa e l’80% delle vittime erano bambini. Alcuni dei medici del NHS vaccinati sono stati colpiti da narcolessia.

La narcolessia è una malattia neurologica cronica e incurabile in cui i pazienti si addormentano in modo incontrollabile, soffrono di improvvisi attacchi di sonno della durata di pochi minuti che si verificano ovunque e in qualsiasi momento della giornata (sonnolenza diurna) e sono anche vittime di impressionanti attacchi di cataplessia (improvviso rilassamento del tono muscolare causato da una forte emozione come una risata, rabbia o sorpresa. Questo può causare debolezza alle ginocchia, incapacità di articolazione o talvolta anche una caduta per qualche secondo). Danneggia la funzione mentale e la memoria e può portare ad allucinazioni e malattie mentali. Peter Todd, un avvocato che rappresentava molti dei denuncianti, ha detto al Sunday Times: “Non c’è mai stato un caso come questo prima d’ora. Le vittime di questo vaccino sono incurabili e a vita e avranno bisogno di molti farmaci”. Tra i bambini vittime del vaccino c’è il bambino di otto anni Josh Hadfield, che sta assumendo farmaci anti-nausea che costano 15.000 sterline all’anno per aiutarlo a stare sveglio durante il giorno a scuola. “Se lo fai ridere, crolla. La sua memoria è distrutta. Non c’è cura. Dice che vorrebbe non essere nato. Mi sento incredibilmente in colpa: ci ho messo sette anni per portare il mio caso in tribunale. E invece di essere la casa farmaceutica a pagare il risarcimento, gli Stati lo hanno fatto con i soldi dei cittadini! Lo scandalo del micidiale vaccino contro la dengue in un Paese asiatico nel 2018: secondo l’ufficio del procuratore Persida Acosta, 500 bambini sono morti a causa di questo vaccino e diverse migliaia sono malati. Alcuni hanno bisogno operazioni, per riassorbire il sangue dopo una grave emorragia. La maggior parte delle famiglie non se lo può permettere. Per il pubblico ministero, le responsabilità si dividono quota tra il laboratorio che ha venduto “un vaccino pericoloso” e il governo che ha attuato una campagna di vaccinazione “massiccia e indiscriminata” in condizioni deplorevoli.

Il dottor Erwin Erfe, che lavorava per l’ufficio del procuratore, effettuava autopsie su bambini da due a tre volte alla settimana con risultati sempre uguali: “Emorragie interne, soprattutto nel cervello e nei polmoni … e organi gonfi”. Questo vaccino è stato comunque annunciato come un trionfo planetario; nel 2015, il laboratorio ha confermato con grande pompa e circostanza la commercializzazione di un vaccino rivoluzionario contro la febbre dengue. È stata una prima mondiale, il prodotto di 20 anni di ricerca e di 1,5 miliardi di euro di investimenti. Tuttavia, fin dall’inizio, le voci si sono levate nella comunità scientifica:

Il dottor Antonio Dans ha cercato di mettere in guardia dai risultati inconcludenti dei primi studi clinici. Negli Stati Uniti, il professor Scott Halstead, un esperto di fama mondiale della malattia, era preoccupato e ha persino inviato un video al Senato degli Stati Uniti sollecitandolo a sospendere il programma di vaccinazione. L’ex ministro della salute del paese in questione è stato incriminato in questo scandalo.

“E’ stata l’avidità a uccidere questi bambini”, ha detto il procuratore Persida Acosta.

20. Diciamo: STOP a tutte queste misure folli, dittatoriali e certamente malsane a causa del quale si verificano tragedie ogni giorno: un’adolescente si è suicidata
in Gran Bretagna perché, per lei, il lockdown è durato 300 anni, una donna incinta ha subito il martirio durante il parto in Francia, un’adolescente negli Stati Uniti ha avuto bisogno di un intervento chirurgico dopo essere stata aggredita da una coppia a cui è stato chiesto di indossare la maschera, un’infermiera è stata aggredita anche in Francia e un autista di autobus è addirittura morto a causa di queste misure illegali di indossare obbligatoriamente le maschere, 60, Secondo il professor Karol Sikora, 1.000 malati di cancro rischiano di morire in Inghilterra a causa di ritardi nella diagnosi e nel trattamento, 12.000 persone nel mondo rischiano di morire di fame ogni giorno (secondo Oxfam), il numero di arresti cardiaci è raddoppiato in alcuni paesi, le aziende stanno fallendo, 305 milioni di posti di lavoro a tempo pieno vengono distrutti – soprattutto donne e giovani – secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, un uomo è morto per la maschera negli Stati Uniti, ecc. Anche gli uccelli soffrono di queste pericolose misure e si ritrovano intrappolati e uccisi a causa delle maschere: “Il povero animale continuava a inciampare e a cadere, gli elastici della maschera si erano stretti intorno alle zampe, le sue articolazioni erano gonfie e lo facevano soffrire… Temo che questo gabbiano sia la prima di molte vittime”, hanno detto i dipendenti della Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals alla BBC il 20 luglio, e l’uccello ha subito questa tortura per una settimana! Va anche sottolineato che la causa iniziale e primaria della tragedia di George Floyd è il contenimento: se non ci fosse stato il contenimento, non avrebbe perso il lavoro, sarebbe stato al lavoro il 25 maggio, non sarebbe stato assassinato, non ci sarebbero mai stati saccheggi di negozi e incendi e scontri con la polizia, il caos negli Stati Uniti sarebbe stato evitato e George Floyd sarebbe ancora vivo tra noi oggi.
21. Noi diciamo ai governi: TUTTO deve tornare immediatamente alla normalità (compresa la riapertura dei servizi ospedalieri, del trasporto aereo, dell’economia, delle scuole e delle università) e questa presa di ostaggi globale deve cessare perché avete saputo, con le prove a sostegno, che voi, come cittadini, siete stati vittime della più grande truffa sanitaria del XXI secolo.
Il professor Carl Heneghan ha detto il 23 agosto che il timore che sta impedendo al Paese di tornare alla normalità è infondato, secondo l’Express. Le professoresse Karina Reiss e Sucharit Bhakdi hanno pubblicato a giugno un libro intitolato: “Corona: falso allarme? “45. Il sindaco di una città in Europa ha detto: “Il clima diffuso su [il tema del coronavirus] è particolarmente pesante e sta diventando sospettoso”. Il dottor Olivier Chailley ha scritto un libro intitolato: “Il virus della paura o come il mondo intero è impazzito“. Il professor Sucharit Bhakdi (che ha anche scritto una lettera ad Angela Merkel) ha detto delle misure adottate, comprese quelle di contenimento: “misure grottesche, assurde e molto pericolose… un impatto orribile sull’economia mondiale… autodistruzione e suicidio collettivo...”. Deve essere aperta un’inchiesta internazionale e indipendente e i responsabili devono essere consegnati alla giustizia.
22. Ai cittadini diciamo: per tenervi nel gregge, è possibile che alcuni cerchino di screditarci con tutti i mezzi, per esempio accusandoci di cospirazione o complotto, ecc. Non ascoltateli, sono BUGIARDI perché le informazioni che vi sono state date sono: mediche, scientifiche e documentate.
23. Ai cittadini diciamo: questa lettera non deve portare alla violenza contro nessuno. Reagire in modo pacifico. E se un operatore sanitario che firma questa lettera sarà attaccato o diffamato o minacciato o perseguitato: sostenerlo MASSIVAMENTE. Cari cittadini: molti scienziati, eminenti professori di medicina e professionisti della salute in tutto il mondo hanno denunciato ciò che sta accadendo ed è ora di svegliarsi! Se non si dice nulla, verranno imposte nuove misure dittatoriali “made in China”. Dovete RIFIUTARLO. Vi assicuriamo che queste misure non hanno nulla a che fare con la medicina o l’igiene o la conservazione della salute pubblica, questa è dittatura e follia. Il dottor Anders Tegnell ha detto: “Il mondo è impazzito“, mettendo in atto il contenimento che “va contro ciò che sappiamo sulla gestione delle pandemie di virus”.
24. Invitiamo i professionisti della salute IN TUTTO IL MONDO ad essere forti e
coraggiosi e di fare il loro dovere di dire la verità, di unirsi a noi MASSIVAMENTE nel
collettivo: United Health Professionals e di firmare questa lettera inviando 4
informazioni: nome, cognome, professione e paese a join.unitedhealthprofessionals@gmail.com

Albert Einstein ha detto: “Il mondo non sarà distrutto da quelli che fanno il male, ma da quelli che li guardano senza fare nulla“.

Scarica l’appello in Inglese (dove si possono consultare le note e le fonti citate dai firmatari)

Leggi anche l’appello di 700 tra psicologi e psichiatri
Leggi anche l’appello dei medici Ampas

FIRMATARI:

Professor Martin Haditsh, microbiology, infectious disease and tropical medicine
specialist, Austria
Ghislaine Gigot, general practitioner, France
François Pesty, pharmacist, France
Catherine Raulin, general practitioner, France
Laurent Hervieux, general practitioner, France
Geneviève Magnan, nurse, France
Jean-Pierre Eudier, dental surgeon, Luxembourg
Andrée Van Den Borre, dental surgeon, Belgium
Mauricio Castillo, anesthesiologist and intensive care physician, Chile
Marie-Claude Luley-Leroide, general practitioner, France
Daniele Joulin, general practitioner, France
Mohamed Zelmat, clinical biologist, France
Nadine Blondel, nurse, France
Hélène Banoun, clinical biologist, France
Estelle Ammar, speech therapist, France
Caroline Durieu, general practitioner, Belgium
Doris Stucki, psychiatrist, Switzerland
Jessica Leddy, licensed acupuncturist, United States of America
Fabien Quedeville, general practitioner, France
Michel Angles, general practitioner, France
Dominique Carpentier, general practitioner, France
Christophe Cornil, plastic surgeon, France
Pierre Brihaye, ear, nose and throat specialist, Belgium
Elizabeth Luttrell, certified nursing assistant, United States of America

Tasha Clyde, nurse, United States of America
Walter Weber, internal medicine and oncology specialist, Germany
Professor Pierre-Francois Laterre, anesthesiologist and intensive care physician,
Belgium
Sylvie Lathoud, clinical psychologist, France
Karim Boudjedir, hematologist, France
Caroline Heisch, osteopath, France
Eric Blin, physiotherapist, France
Vincent Schmutz, dental surgeon, France
Zieciak WB, ears nose and throat surgeon, South Africa
Virginie Merlin, nurse, Belgium
Gabriel Brieuc, anesthesiologist, Belgium
Marie-José Eck, general practitioner, France
Patricia Grasteau, nursing assistive personnel, France
Christine Villeneuve, psychotherapist, France
Philippe Voche, plastic surgeon, France
Gérard Bossu, osteopath, France
Elaine Walker, emergency medicine physician, United States of America
Richard Amerling, nephrologist, United States of America
Phil Thomas, general practitioner, South Africa
Manfred Horst, allergologist and immunologist, France
Sybille Burtin, public health physician, France
Chantal Berge, nurse, France
Denis Agret, emergency medicine and public health physician, France
Mélanie Dechamps, intensive care physician, Belgium
Pascal Sacré, intensive care physician, Belgium
Prosper Aimé Seme Ntomba, dental surgeon, Cameroon
Sandrine Lejong, pharmacist, Belgium
Professor Jan Zaloudik, surgical oncology, Czech Republic
Cerise Gaugain, midwife, France
Delphine Balique, midwife, France
Marion Campo, midwife, France
Olivier Chailley, cardiologist, France
Johan Sérot, physiotherapist, France

Arlette Fauvelle, pharmacist, Belgium
Farooq Salman, ear, nose and throat specialist, Irak
Olga Goodman, rheumatologist, United States of America
Pascal Leblond, nurse, France
Sybille Morel, nurse, France
Marie-Thérèse Nizier, physiotherapist, France
Graziella Mercy, nurse, France
Pierre Maugeais, general practitioner, France
Carrie Madej, internal medicine specialist, United States of America
Victor Gomez Saviñon, cardiac surgeon, Mexico
Martin Boucher, nurse, Canada
Evelyne Nicolle, pharmacist, France
Agnès Dupond, general practitioner, France
Azad Mitha, general practitioner, France
Ines Heller, physiotherapist, France
Marie Laravine, nurse, France
Khaleel Kareem, anesthesiologist and intensive care physician, Irak
Tonya Davis, certified nursing assistant, United States of America
Mary Baty, dental hygienist, United States of America
Jean-Pierre Letourneur, hepatogastroenterologist, France
Luis Angel Ponce Torres, trauma and orthopaedic surgeon, Peru
Professor Christophe de Brouwer, public health physician, Belgium
Corinne Dodelin-Bricout, pediatrician, France
Jana Schwiek, pharmacist, Germany
Thierry Gourvénec, pédopsychiatrist, France
Stefan Landshamer, pharmacist, Germany
Christine Schirmann, physiotherapist, France
Jean Pierre Garcia, general practitioner, France
Thomas Haase, pharmacist, Germany
Louis Fouché, anesthesiologist and intensive care physician, France
Professor Paul Touboul, cardiologist, France
Michael Knoch, physician, Germany
Claire Charton Promeyrat, nurse, France
Kerstin Schön, neurology, psychiatry and psychotherapy specialist, Germany

Paul-Conrad Delaëre, physiotherapist, France
Manon Dannenmuller, physioterapist, France
Catherine Solignac-Fernström, immunoallergist, France
Cécile Andri, physician, Belgium
Perrine Terrasse, physiotherapist and nutritionist, France
Maria Ojeda, physiotherapist, France
Cornelia Schielein, pharmacist, Germany
Felix Schielein, pharmacist, Germany
Christine Dubois, nurse, France
Angelique Huet, nursing assistive personnel, France
Noémie Marguet, general practitioner, France
Michel Charluet, physiotherapist and osteopath, France
Hind Mahmoudi, nurse, Switzerland
Isabelle Riou, nurse, France
Jean-François Bertholon, physiologist, France
Clotilde Branly, midwife, France
Isabelle Ducros, nurse, France
Caroline Viane, allergist, France
Edouard Descat, radiologist, France
Matthias Pietzner, pharmacist, Germany
Catherine Salvi-Defrasne, general practitioner, Switzerland
Brigitte Debourg, nurse, France
Amandine Thomasset, psychiatrist, France
Nathalie Garcia-Bonnet, general practitioner, France
Christiane Conte Guiraud, endocrinologist, France
Martine Matthey, nurse, France
Daniela Engel, general practitioner, France
Florent Collonge, physiotherapist, France
Hélène Feuvrier-Romand, general practitioner, France
Professor Fady G Haddad, internal medicine specialist, Lebanon
Olivier Catry, physiotherapist, Luxembourg
Elena Andrei, general practitioner, Romania
Dorothée Bordier, pharmacist, Switzerland
Sophie Biénabe, emergency medicine physician, France

Francesco Martini, digestive surgeon, France
Bruno Valois, general practitioner, France
Florence Jonville, nurse, France
Céline Deladreue, pharmacist, France
Laura Meyer, physiotherapist, Belgium
François-Xavier Clément, anesthesiologist, Switzerland
Leandro Patterson Silva, general practitioner, Cuba
Pierre Gautron, nurse, France
Corinne Daurat, nurse, France
Emmanuel Agyemang, nurse, France
Jean-Philippe Wispelaere, nurse, France
Marc Keucker, legal medicine specialist, France
Marta Barreda González, general practitioner and public health specialist, Spain
Carmela Scuncio, nursing assistive personnel, Switzerland
Didier Mariéthoz, nutritionnist, Switzerland
Murielle François, pediatrician and endocrinologist, France
Alain Roguet, dental surgeon, France
Christine Albanel, dental surgeon, France
Delphine Rive, general practitioner, France
Jérôme Le Bihan, general practitioner, France
Bruno Staquet, general practitioner, Switzerland
Robert Béliveau, general practitioner, Canada
Claire-Hélène Henesse, nurse, Switzerland
Arlette Flori Le Fur, rheumatologist, France
Hélène De Cristoforo, general practitioner, France
Sylvie Huitorel, nurse, France
Jean-Marie Lupart, psychiatrist, France
Annick Zabulon, nurse, France
Frédérique Giacomoni, psychiatrist, Switzerland
Olivier Gérin, general practitioner, Switzerland
Chantal Leveille, nurse, France
Cécilia Plaisant, pharmacist, France
Xavier Larvor, occupational physician, France
Michelle Camelin, general practitioner, France

Florence Jacquelin, general practitioner and palliative care physician, France
Andreas Stein, general practitioner, Germany
Bettina Weisheit, pharmacist, Germany
Susanne Weisheit, psychiatrist, Germany
Sabine Paliard Franco, general practitioner, France
Brigitte Delporte, general practitioner and acupuncturist, France
Patricia Combier, general practitioner, France
Marie-Bénédicte Hibon, general practitioner, France
Maxime Carron, pharmacist, France
Soraya Abbassen, dental surgeon, Algeria
Amale Belemlih, osteopath, Morroco
Carmela Baur, pharmacist, Germany
Marianne Klein, physician, Switzerland
Karine Hadida, clinical psychologist, France
Christine Dautheribes, anesthesiologist, France
Jean-François Enault, anesthesiologist, France
Nathalie Fournier, dermatologist, France
Aude Meesemaecker, nurse, France
Milana Lenzlinger, acupuncturist, Switzerland
Sandra Mannstadt, child psychologist and psychotherapist, Switzerland
Philip Siegenthaler, general practitionner, Switzerland
Anne Andre De L’arc, nurse, France
Marijo Ferrier, nurse, France
Claire Renou, nurse, France
Karim Zaher, physiotherapist, France
Stéphanie Delhaye, nurse, France
René Studer, clinical microbiologist, Switzerland
Jean-Claude Fajeau, physician, Switzerland
Mignon Hugues, general practitioner, Belgium
Alessandro Salsi, speech therapist, Italy
Bernadette Petithomme, psychiatrist, France
Nadia Banaszynski, nurse, France
Nicole Colomas, nurse, France
Martine Goueze, midwife, France

Émilie Taine, midwife, France
Rita Köppel, pharmacist, Germany
Daniel Favre, physiotherapist and osteopath, Switzerland
Paul Wüthrich, nurse, Switzerland
Yann Burmann, nurse, Switzerland
Olivier Collet, osteopath, France
Laurent Lalliot, physiotherapist, France
Jean-François Pascal, geriatrician, France
Michèle Michet, anesthesiologist, France
Jeanne-Marie Bernard, nurse, France
Maria Niero, nurse, Argentina
Marie-Ève Parenteau, acupuncturist, Mexico
Aisatou Guaye, nurse anesthesist, Switzerland
Marique Sean, physiotherapist, Belgium
Chloé Raynal, nurse, France
Solenne Lapalus-Erhard, clinical psychologist, France
Isabelle Brunat, clinical psychologist, France
Robert Luy, general practitioner, France
Françoise Hossenlopp, general practitioner, France
Ahmad Harfoosh, cardiologist, Egypt
Cathy Duquaine, nurse, Belgium
Zohra Alami Merouni, clinical biologist, Morroco
Alexandra Meert, clinical psychologist, Belgium
Jens Münch, neurologist, France
Jean-François Comet, general practitioner, France
Yves Gaignoux, general practitioner, France
Julie Lam, general practitioner, France
Michel Arteil, dental surgeon, France
Jean Marie Radiguet, general practitioner, New Caledonia
Fatima Azizi, general practitioner, Morroco
Vincent Pissoat, dentist, Germany
Carmen Marti Amiguet, radiologist, Spain
Nassime Touillon, general practitioner, France
Noella Szerzyna Gay, surgeon, France

Cecilia Lopez, cardiologist, France
Maud Lenglet, nurse, France
Lucy Warren, nurse, France
Chris Ramiro, Public and community health specialist, Greece
Javier Cabeza Marinelli, neurologist, Argentina
Ricardo Falcón Lambán, general practitioner, Spain
Gaelle Wery, physiotherapist, New Caledonia
Mary Maliet, nurse, France
Eric Neuman, psychiatrist, France
Mélanie Gourmelon, speech therapist, France
Lise Nathanson, clinical psychologist, France
Florence Tisserant, pharmacist, France
Virginie Reding, dermatologist, Belgium
Pablo Liendo, psychologist, Argentina
Matelda Josefina Lisdero, physician, Argentina
Marie Sevenants, general practitioner, Belgium
Nathalie Maulun, nurse, France
Rémi Saudax, pharmacist, France
Caroline Jouannelle-Sulpicy, pathologist, France
Emmanuelle Béra, clinical psychologist, France
Nathalie Cor, ophtalmologist, France
Salim Kheloufi, medical technologist, Algeria
Ángeles Rodríguez Cejas, general practitioner, Spain
José Rafael Talefe, osteopath, Portugal
Marie Louise Allen, general practitioner, Belgium
Carmen Soler Arnedo, general practitioner, Spain
Françoise Zitte, nurse, France
Florence Lair, radiologist, France
Arnaud Marty, physical medicine and rehabilitation doctor, France
François Payet, nurse, France
Tulio Sarron, general practitioner, France
Anne-Dominique Festeraerts, general practitioner, Belgium
Yelitza Romero Mesia, surgeon, Venezuela
Christine Saahs, pediatrician, Austria

Jovana Stojkovic, psychiatrist, Serbia
Karine Baude, nutritionist, France
Odile Peltret, nurse, France
Patricia Duteil, general practitioner, France
Horst Bongard, obstetrician and gynecologist, France
Claude Motuel, general practitioner, France
Catherine Laureys, dentist, Belgium
Susanna Petit, general practitioner, Switzerland
Juan Carbonell Torregrosa, acupuncturist, Spain
Bruno Ferroni, general practitioner, Switzerland
Mariha Leblond, ophtalmologist, France
Jean Gouézo, general practitioner, France
Claire Delval, general practitioner, France
Marlène Mellinger, dental surgeon, France
Hélène Sévry, nurse, France
Said Belkadi, public health physician, Morroco
Christiane Devenoges, physiotherapist, Switzerland
Martinez Infante Ana, physician, Argentina
Ana Marí Davérède, physician, Argentina
Martine Juppin, nurse, France
Christine Pomer, nursing assistive personnel, France
Emilie Negro, nurse, France
Pascale Mottay, midwife, France
Lydia Bianconi, physiotherapist, France
Joseba Arrieta, osteopath, Basque Country
Marta Jiménez Lozano, physiotherapist, Spain
Sylvianne Honorez, nurse, Belgium
Miguel Angel Soler, neurologist, Argentina
Julien Quéré, physiotherapist, France
Béatrice Petit, physician, France
Bernard Schmitt, osteopath, France
Serge Roess, dental surgeon, France
Nathalie George, epidemiologist, France
Maria Fuentes Caballero, general practitioner, Spain

Emma Parkinson, physiotherapist, United Kingdom
Nelson F Samaniego Idrovo, general and digestive surgeon, Ecuador
Carmen Dorita Sarmiento Barba, surgeon, Ecuador
Florence Mignard, psychotherapist, France
Jean Francois Brechot, clinical biologist, France
Adeline Vanhuysse, nurse, France
Vincent Reliquet, general practitioner, France
Marie Simonnot-Mathon, general practitioner, France
Glareimy Ruiz, obstetrician and gynecologist, Venezuela
Brigitte Dohmen, clinical psychologist, Belgium
Silvano Baztán Guindo, physician, Spain
Leonardo Rafael González Bayona, general practitioner, Argentina
Serge Rader, pharmacist, France
Ally Dulymamode, anesthesiologist, France
Carl Scaillet, general practitioner, France
Fanny Ecochard, clinical psychologist, France
Jean-Paul Zemb, pediatrician, France
Léticia Schinz, nurse, Switzerland
Emilio Morales Prado, physician, Spain
Severine Essex, physician and acupuncturist, Finland
Emilienne Simillion, Osteopath, Belgium
Claire Janvier, physician and osteopath, France
Frédéric Vallée, pharmacist, France
Angélique Vallée, pharmacy technician, France
Pierre Clos, general practitioner, France
Virginie Amalric Baquerre, clinical psychologist, France
Maria J Van Den Berg, general practitioner, United Kingdom
Jose Cienfuegos Campini, obstetrician and gynecologist, Spain
Majid Bel Hadj Soulami, general practitioner, Morroco
Vincenzo Fuca, nurse, Belgium
Pauline de Vaux, psychiatrist, France
Séhomi Azonaha, public health nurse, France
Pascal Cosentino, physiotherapist, France
Jocelyne Lazare, nurse, France

Martine Gineyts, nurse, France
Juan Alonso, chiropractor, Spain
Pilar Rodríguez Vidal, nursing assistive personnel, Spain
Fabio Borghesi, general practitioner, Spain
Maria Castro Romero, clinical psychologist, United Kingdom
Michel Froissard, anesthesist and intensive care physician, France
Judith Dalmais, general practitioner, France
Agnès Vieljeux, nurse, France
Helena Romo, nurse, France
Patrick Klein, dental surgeon, France
Cathalina Caro Olave, nurse, Chile
Dario Alcayaga, dental surgeon, Chile
Alain Sartenaer, general practitioner, Belgium
Pilar Lobato Astorga, midwife, Spain
Gwennola Nouet Berthelot, general practitioner, France
Laure Cosentino, clinical psychologist, France
Pascale Rondot, dental surgeon, France
Evelyne Devin, nurse, France
Eric Dudoit, clinical psychologist, France
Jose Luis Ruiz Gurbindo, intensive care physician, Spain
Angel Nunez, clinical psychologist, Peru
Olga Martínez de Lagran, clinical psychologist, Spain
Nathalie Scheidegger, nurse, Switzerland
Colette Dufresne, nurse, France
Isabelle Steinmetz Parrot, general practitioner, France
Eric Le Guen, nephrologist, France
Marc Arer, general practitioner, France
Hélène Lieutaud, endocrinologist, France
José Martínez Albarracín, general practitioner, Spain
Lurdes Cerol, cardiologist, Portugal
María Del Montecarmelo Alvarez Zarzuelo, nurse, Spain
Amaia Yudego Azkue, nurse, Spain
Florent Poirier, physiotherapist, France
Delphine Cahoreau, general practitioner, France

Jean-François Wai Choon, dental surgeon, France
Frédéric Mouysset, physician, France
Frédéric Vinyes, surgeon, Spain
Maria Cristina Blanco Rodriguez, physician, Spain
Manuel Gutierrez Ontiveros, physician, Spain
Juan José, general and digestive surgeon, Spain
Eric Saint-Jevin, nurse, France
Pascale Gerbaud, pharmacist, France
Marie Rabier, Osteopath, France
Marie-Dominique Beschet, nurse, France
Corinne Ayello, nurse, France
Belen Angel Arias, dentist, Spain
Nicole Pasteur, nurse, Switzerland
Hilario Robledo, surgeon, Spain
Francisco Dorado García, general practitioner, Spain
Adeline Vanhuysse, nurse, France
Marie Dominique Chemin, general practitioner, France
Philippe Bonnet, general practitioner, France
Alain Joseph, general practitioner, France
Anne Anthonissen, general practitioner, France
María Pilar de la Cueva Barrao, obstetrician and gynecologist, Spain
Cristina Pinho, gastroenterologist, Portugal
Jean Claude Ngabo, public health physician, Democratic Republic of the Congo
José Jesus Ruiz Joyanes, physician, Spain
Louis-Adrien Ollu, osteopath, France
Jean-Francois Rheinart, radiologist, France
Édouard Collot, psychiatrist, France
Ariane Bilheran, clinical psychologist, France
Shanti Rouvier, clinical psychologist, France
Céline Delrez, nurse, Belgium
Raquel Contreras Fariñas, nurse, Spain
Philippe Wyckmans, psycholtherapist, Belgium
Ana Echeveste, chiropractor, Spain
Pascal Lescure, general practitionner, France

Marie Roseline, general practitionner, France
Martine Mérour, pulmonologist, France
Soumïâa Sayah, nurse, France
Carine Baudry, nurse, France
Sonia Ivonne Acevedo Sepulveda, dental surgeon and nurse, Chile
Anunciada Gasset, general practitioner, Spain
Nathalie Calame, physician, Switzerland
Renaud Fiévet, anesthesiologist, Belgium
Martin Gerard, nurse, France
Marie-Odile Fredouelle, general practitionner, France
Aurelie Moreau, nurse, France
Muriel Combemale, nurse, France
Patrick Camus, general practitionner, France
Joaquim Fontanals, ophtalmolgist, Spain
Douglas Pedroza, general surgery and public health specialist, Venezuela
Nora Zeiguer, gynecologist, Argentina
Juan Ramon Perez Sanchez, general practitionner, Spain
Catherine Gervaise, midwife, France
Nicole Delépine, pediatric oncologist, France
Céline Vinuesa, physiotherapist, France
Anne-marie Begue Simon, physician, France
Béatrice Varlet, nurse, France
Marie Ernst, nurse, Belgium
Julio Hakanovitz, physician, Argentina
Luis Ricardo Borriquero, clinical biologist, Spain
Felix Di Lernia, physician, Argentina
Isabelle Rile, emergency medicine physician, France
Corinne Bitoun, occupational physician, France
Salam aziz, nurse anesthesist, France
Paul Bousquet, physician, France
René Bergeot, general practitioner, France
Salvador Vivallo Dumubef, general practitionner, Chile
Natalie de Bruyn, pharmacist, Germany
Nassima Gasmi, physician, Algeria

Lisa Shimizu, pharmcist, Portugal
Frédéric Préaux, radiologist, France
Eric Menat, general practitionner, France
Michel Souid, general practitionner and geriatrician, France
Patrick Salvia, general practitionner, France
Aurore Simard, osteopath, France
Éric Potier, nurse, Switzerland
Montecarmelo Alvarez Zarzuelo, nurse, Spain
Peter Himken, pharmacist, Germany
Isabelle Silvestre, physiotherapist, France
Sophie Cohen, clinical psychologist, France
Thomas Bianchi, physiotherapist, France
Marie-José Colibeau, osteopath, France
Jean-Michel Bodron, emergency physician, France
Elsie Merisma, general practitionner, Haiti
Francisco Patrício, general practitioner and occupational physician, Portugal
Marianne Rist, nutritional therapist, United Kingdom
Juan Carlos Camargo Cuéllar, physician, Colombia
Monique Marillier, nurse, France
Patrice Albert, nurse, France
Gérard Delepine, surgeon, France
Gérald Schléwitz, clinical psychologist, France
Nathalie Campredon, nurse, France
Yuri Carvajal Bañados, public health physician, Chile
Thomas Dimitriou, medical technologist, Greece
Maria Helena de Lima Teixeira, plastic surgeon, Portugal
Juan Cruz, physician, Ecuador
Aude Hariche, general practitionner, France
Maryline Nicolas, nurse, France
Françoise Corbin, general practitionner, France
Eloi Lecavelier, physiotherapist, France
Laurence Ducol, speech therapist, France
Fernando Ramos Orihuela, physiotherapist, Spain
Joseph Meyer, surgeon, Belgium

Jesús Galán Dueñas, physician, Spain
Marie-Claire Bouhy, nurse, Belgium
Gaëlle Stephant, nurse, France
Alain Joseph, general practitioner, France
Jean-François Teyssier, general practitioner, France
Catherine Demay, nurse, France
Anne Marie Rouxel Coat, dermatologist, France
André Lajoie, chiropractor, Canada
Corinne Cossali, radiologist, Switzerland
Lahlou Hind, pulmonologist, Morroco
Jean-Charles Montagne, pharmacist, Switzerland
Nathalie Joffrin, nurse, France
Patricia Ménoret Cirot, dental surgeon, France
Mahdi Chouioukh, nurse, France
Marc Lamoureux, physiotherapist, France
Marc Laloux, physiotherapist, France
Jordi Roig Giménez, psychiatrist, Spain
Psicólogos por la Verdad association, Spain
Zac Cox, dental surgeon, United Kingdom
Christine Rappaz, psychiatrist, Switzerland
Isabelle Merlet, geriatrician, France
Aïssa Ibnoulkhatib, surgeon, France
Alice Thomas, Osteopath, France
Claude Martin, nurse, France
Nadine Six, nurse, France
Laurent Devalet, osteopath, Luxembourg
Fabienne Gougler, physiotherapist, Portugal
Katrien Steenhoudt, psychologist, Belgium
Ghalya Lataoui, general practitionner, Morroco
Jacqueline Brun, nurse, France
Laure Ballu, osteopath, France
Guy Petit, nurse, France
Philippe Lamour, nurse, France
Michel Chiara, physiotherapist, France

Charles Mathonet, surgeon, Germany
Chemello Raffaella, nurse, Belgium
Dominique Honorez, pediatric nurse practitioner, Belgium
Fabienne Thibaut, nurse, Belgique
Isabelle Cuinet, medical technologist, France
Romain Philipps, nurse, France
Caroline Mallet, midwife, France
Bénédicte Lacroze, midwife, France
Brigitte Aubert-Walter, psychiatrist, France
Annes Bouria, pharmacist, Belgium
Pierre Deward, physiotherapist, Belgium
Elisenda Fernandez, nurse, Spain
Khalid Zouine, pharmacist, Morroco
Géraldine Brion, physiotherapist, France
Adeline Levrat, clinical psychologist, France
Fatma Beldjilali, pediatric nurse assistant, France
Fernand Dobat-Chauleau, general practitioner, France
Eric Toullec, orthopedic surgeon, France
Claudia Ucros, clinical psychologist, Belgium
Souad Oudgiri, pulmonologist, Morroco
Mohammed Ali Debbarh, physician, Morroco
Cathy Duquaine, nurse, Belgium
Vincent Di Piero, clinical psychologist, France
Catherine Pettinger, nurse, France
Martine Wonner, psychiatrist, France
Soizic Ballut, nurse, France
Georges Minaides, physiotherapist, France
Bénédicte de Thysebaert, midwife, Belgium
Stéphane Résimont, physician, Belgium
Grégoire Del Marmol, internal medicine resident, Belgium
Nathalie Herin, dentist, Belgium
Fabienne marzani, nurse, France
Caroline Tchantchane, nursing assistive personnel, France
Vanessa Le Moine, nurse, France

Denis Levesque, nurse, France
Marie Christine Paumel, nurse, France
Ingrid Theunissen, gynecologist, Belgium
Xavier Noël, pharmacist, New Caledonia
Anne Dubois, physiotherapist, Belgium
Samir Lamnadi, emergency medicine specialist, Morroco
Julia Delavacquerie, pediatric nurse assistant, France
Anh Nguyen, dental surgeon, France
Eric Saban, pediatrician, France
Sophie Caron, clinical psychologist, France
Elisabeth Hérion, digestive surgeon, France
Nadia Koutini, general practitionner, Tunisia
Mohamed Berrada, ear, nose and throat specialist, Morroco
Mathieu Colette, nurse, Belgium
Gersende De Bie, ear, nose and throat specialist, Belgium
Hassan Adda, nephrologist, France
Thalie Agot, pharmacist, France
Céline de Clippele, physiotherapist, France
Catherine Blanc, nurse, France
Fabienne Mornet, dental surgeon, France
Valeriane Dietrich, nurse anesthesist, Canada
Manuel Hurtado Sepúlveda, general practitionner, Chile
Anne André, physiotherapist, Belgium
Javier Rodriguez, general practitioner, Colombia
Catherine Joubert, physiotherapist, France
Ingrid Vidal, nurse, France
Agnès Rouby, nurse, France
Marie-christine Douet, speech therapist, France
Sandrine Peeters, nurse, France
Sarah Castille, physiotherapist, Belgium
Pamela Grossenbacher, nurse, Switzerland
Donatienne de Halleux, speech therapist, Belgium
Sofia Emmenegger, physiotherapist, Switzerland
Heidi Pisser, nurse, France

Christine Fernandez, general practitioner, France
René Clavilier, general practitioner, France
Amandine Le Moine, nursing assistive personnel, France
Aurélie Gossmann, nursing assistive personnel, France
Fatiha Manouach, general practitionner, Belgium
Muriel Heggerickx Herstal, nurse, Belgium
Diane Brunner, pharmacist, Switzerland
Xenia Castillo, pediatrician, Dominican Republic
Carole Cocu, nursing assistive personnel, France
Nicole Gagnaire, nurse, France
Perrine Garrido, clinical psychologist, France
Jessica Alfiniti, nurse, France
Élise Merlier, nurse, France
Alan Richard, physiotherapist, Switzerland
Denis Arslanagic, dentist, Italy
Carlos Albino, clinical psychologist, Portugal
Gina Moka Teteb, nurse, Belgium
Jeff Smith, nurse, United States of America
Martine Saget, clinical psychologist, France
Aline Pélage, pharmacist, France
Fabienne Pierson, pharmacist, France
Valérie Rossignol, nurse, France
Annick Liobard, nursing assistive personnel, France
Anne Delforge, nurse, Belgium
Clara Malek, clinical psychologist and psychotherapist, Belgium
Manuel Moran, surgeon, United States of America
Philippe Caprasse, infectious disease specialist, Belgium
Stéphane Darteyre, neurologist, France
Patrizia Chiaramello, gynecologist, France
Vanessa Toussaint, nurse, France
Eric Simon, osteopath, France
Charles-Antoine Winter, nutritionist, France
Jean-François Lescuyer, general practitioner, Portugal
Renaud Fiévet, anesthesiologist, Belgium

Domenico Mastrangelo, oncologist, Italy
Christine Maurel, clinical psychologist, France
Marie-Pierre Courtial, nurse, France
Philippe Margat, osteopath and physiotherapist, France
Chrystele Grollier, pharmacist, France
Christophe Morand, nurse, France
Michele Jenni Rozet, osteopath, Switzerland
Lefkothea Dimou, physician, Greece
Federico Garcia-Godoy, dentist, Dominican Republic
Pablo Buono, general practitioner, Switzerland
Olivier Téqui, general practitioner, France
Myriam Vergnes, nurse, France
Corinne Schneider, dentist, France
Céline Moutier, nurse, France
Sylvia Charbonnier, nurse, France
Dimitris Kalogiros, dentist, Greece
Mirtha Parada, pharmacist, Chile
Selma Chérif, general practitioner, Tunisia
María Rodríguez, nurse, Spain
Gabriel Marion, psychiatrist, France
Sylvie Doliveux, osteopath, France
Claire Bossard, physiotherapist, France
Corinne Richoux Mercier, nurse, France
Marion Frapolli, clinical psychologist, France
Veronique Elefant-Yanni, clinical psychologist, Switzerland
Shelyn Somani, general practitioner, Canada
Tomás Pincheira, dentist, Chile
Hanan Boualam, midwife, Morocco
Jacques Lamothe, pediatrician, France
Anne-Marie Trelat, pediatrician, France
Brice Charretier, colorectal Surgeon, France
Christiane Petit, nurse, France
Odile Cathelineau, nurse, France
Aikaterini Pantazi, pediatrician, Greece

Nicolay Benoit, anesthesiologist, Belgium
Anastasia Kotsmanidou, general practitioner, Greece
Francisco G. Nobrega, physician, Brazil
Gilbert Tominez, general practitioner, France
Marie Laure Trotel, general practitioner, France
Anne Catherine Martin, general practitioner, France
Pascal Achaintre, dental surgeon, France
Stéphanie Marchand, nurse, France
Sophie Stavrinidis, Internal Medicine specialist and Cardiologist, Canada
Eva Fernández, nurse, Spain
Alexandros Vassaras, neuroimmunologist, Greece
Oussama Nouar, pharmacist, Morroco
Alain Boucher, nurse, France
Francois Ottavi Menager, osteopath, France
Noémie Moreau, physiotherapist, France
Dalila Gomez, nurse, France
Samira Roirand, physiotherapist, France
Martial Champagne, nurse, Canada
Stelios Katzilierakis, pharmacist, Greece
Dimitrios Panagiotopoulos, gynecologist and obstetrician, Greece
Manuela Tavares, internal medicine specialist, Portugal
Clémence Decourteix, osteopath, France
Catherine Rossi, dental surgeon, France
Nathalie Bosch, dental surgeon, France
Rémi Jean Pelletier, orthopedic surgeon, France
Ludivine Cahoreau, osteopath, France
Cristiana Almeida, nuclear medicine specialist, Brazil
Doniphane Lachat, doctor of osteopathic medicine, Switzerland
Carlos Pinto, physician, Brazil
Sunita Lachat, nutritionist, Switzerland
Florence Victor, speech therapist, France
Agnès Bernard, general practitioner, France
Caroline Terrenoir, general practitioner, France
Laurence Le Gall, general practitioner, France

Michel Fabre, , general practitioner, France
Constance Foisy, nurse, Canada
Patricia Ochoa, nutritionist, Mexico
John Alexakis, nurse, Greece
Natali Pace, general practitioner, Argentina
Régine Eloy, speech therapist, France
Fernand-Paul Berthenet, osteopath, France
Isabelle Bracquart, nurse, France
Anne-Christine Frégnac, speech therapist, France
Thierry Duclos, general practitioner, France
Marianne Gassel, clinical psychologist, Belgium
Anne Poncelet, nurse, France
Vincent Bailly, general practitioner, France
Annie Bendayan, general practitioner, France
Karine Rolland, nurse, France
Henri Carrere, general practitioner, France
Colette Nordmann, sports physician, France
Jean-Louis Piton, nursing assistive personnel, France
Jean Chabert, nurse, France
Christine Dubois-Chaye, general practitioner, France
Fariba Gandji, general practitioner, France
Patrick Luzi, physiotherapist, France
Julia de Meringo, psychiatrist, France
Véronique Rambeau, nurse, France
Anastasia Serra, physiotherapist and osteopath, France
Daria Schneider, physiotherapist, France
Marie-José Colibeau, osteopath, France
Leslie Gainon, physiotherapist, France
Frédérique Athlan Chelly, general practitioner, France
Paul-Hervé Riche, general practitioner, France
Sophie Malgoire, general practitioner, France
Stéphane Ottin Pecchio, rheumatologist, France
Patrick Dupuis, general practitioner, France
Véronique Goichon, pharmacist, France

Robert Bertrand, general practitioner, France
Pierre Gaultier, general practitioner, France
Bénédicte Mignot, general practitioner, France
Guillaume Legrand, nurse, France
Cécile Caire, general practitioner, France
Helene Delaygues, nurse, France
Emmanuel Adam, osteopath, France
Nadine Pelvillain, nurse, France
Maurice Campargue, physician, France
Nathalie Badina, physiotherapist, France
Françoise Hulin, public health specialist, France
Dominique Sassolas Colin, physiotherapist, France
Marie Lejeune, nurse, France
Laurent Nifenecker, osteopath and physiotherapist, France
Christine Hochard, general practitioner, France
Marie Carmen Reyes, nurse, France
Laurence Charbonnier, physiotherapist, France
Olivier Boumendil, radiologist, France
Pierre-Henri Charlier, orthopedic surgeon, France
Marie Claude Villier, dental surgeon, France
Laurence Pasquier, pediatric nurse assistant, France
Sarah Picard, pediatric nurse assistant, France
Jocelyn Ochier, physiotherapist, France
Alain-Philippe Maniette, general practitioner, France
Thierry Seze, nurse, France
Sylvie Singh, nursing assistive personnel, France
Cécile Lang, nurse, France
Anne Crepy, geriatrician, France
Myriam Vergnes, nurse, France
Valérie Dejaune, dental surgeon, France
Elise Gautier, nurse, France
Lydie Landelle, nurse, France
Marie-Elisabeth Pottier, dental surgeon, France
Elisabeth Fiorina, clinical psychologist, France

Jacques Selig, dental Surgeon, France
Audrey Fata, nurse, France
Florence Alary, anesthesiologist, France
Martine Destandau, nurse, France
Claire Moret Chalmin, neurologist, France
Ahlem Sahli, nurse, France
Véronique Billault, nurse, France
Lucie Lallier, nurse, France
Marie Pierre Peralez, nurse, France
Aude Jacqueson, osteopath and physiotherapist, France
Ella Martichon, nurse, France
Jovelyne Leboucq, nurse, France
Michèle Aliotti, nurse, France
Dominique Provost Capponi, pharmacist, France
Lolita Ansel, nurse, France
Camille Rossi, psychiatrist, France
Aziza El Fadili, cardiologist, Morocco
Francoise Merignac, physiotherapist and osteopath, France
Sandra Chupin, osteopath, France
Jean Jacques Villier, dental surgeon, France
Isabelle Brosset, nurse, France
Antoine Lelièvre, oral medicine specialist, France
Sylvie Petitjean, nurse, France
Didier Vignolles, physiotherapist, France
Bracco Brigitte, nurse, France
Emilie Vernet, radiology technician, France
Daniel Fillit, physiotherapist, France
Cécile Decarme, nurse, France
Anne Monferrer, nurse, France
Christine Spitz, general practitionner, France
Philippe Bry, pediatrician, France
Jean-Luc Boesch, general practitionner, France
Bénédicte Ledoux Dewulf, pediatrician, France
Philippe Raymond, general practitionner, France

Tassan Paulette, nurse, France
Maya Marza, general practionner, France
Brigitte Sevain, speech therapist, France
Pierre Cornetet, physiotherapist and osteopath, France
Sahar Saliba-Cisneros, nutritionist, France
Stéphan Lepetit-Teston, physiotherapist and osteopath, France
Myriam Roubin, general practitionner, France
Christel Danesi, clinical psychologist, France
Bertrand Pugin, physiotherapist, France
Karine Gravey, nursing assistive personnel, France
Chantal Lespour, clinical psychologist, France
Françoise Favre, nurse, France
Christine Tisseyre, physiotherapist, France
Annie Chamard-Yver, nurse, France
Onyirimba Amaka, pharmacist, France
Claude Veres, dermatologist, France
Hayet Lannabi, psychiatrist, France
Marie Line Allard, physiotherapist, France
Diane Dugué, nurse, France
Laure Giusti, psychiatrist, France
Brigitte Morin, occupational physician, France
Helene Marquesuzaa, radiologist, France
Annie Dumas, nurse, France
Barbe Gorczyca, psychiatrist, France
Jean Francois Ferrier, physiotherapist, France
Vincent Schmutz, dentist, France
Christine Hiron Tiprez, nurse, France
Xaviere De Lucca, nurse, France
Alice Piegelin, nurse, France
François Cabanis, osteopath, France
Anne Jaze, clinical psychologist, France
Jennifer Estay, physiotherapist, France
Rozenn Henaff, dentist, France
Gérard Boukobza, gynecologist and obstetrician, France

Aline Abi Ramia, general practitionner and geriatrician, France
Pascale Fouratier, pharmacist, France
Nathalie Vanden Broucke, nurse, France
Janick Bertrand, ear, nose and throat specialist, France
Nassera Hammouche, nurse, France
Alexandra Mantello, nurse anesthesist, France
Odile Passedouet, osteopath, France
Edwige Andouard, physiotherapist, France
Jean-François Redon, general practitionner, France
Marion Ivaldi, physiotherapist, France
Frederic Luczak, osteopath, France
Emmanuel Piat, physiotherapist, France
Julius Le Duff, clinical psychologist, France
Maxime Astier, osteopath, France
Julie Bellegy, physiotherapist, France
Jean Philippe Souquiere, internal medicine specialist, France
Sébastien Verdou, nurse, France
Marie-France Berthier, nurse anesthesist, France
Noëlle Galtier, clinical biologist, France
Jean-Jacques Chatrousse, chiropractor, France
Martins Conceicao, nurse, France
Florence Lissitzky, general practitionner, France
Ophélie Simard, osteopath, France
Muriel Burban, nurse, France
Jean-Loup Mouysset, oncologist, France
Evelyne Favarel, nurse, France
Marie Decreuse, general practitionner, France
Marie-Victoria Josson Lasseuguetee, general practitionner, France
France Benso, pharmacist, France
Micheline Banguio, nursing assistive personnel, France
Nathalie Costanza, nursing assistive personnel, France
Céline Mula, nurse, France
Bénédicte Dassonville, general practitionner, France
Hélène Bordei, anesthesiologist, France

Guy Van Hoonacker, anesthesiologist, France
Marie Kenderessy, general practitionner, France
Catherine Mazuc Wiberg, general practitionner, France
Denis N’Guessan, physiotherapist, France
Hubert Sroussi, general practitionner, France
Sylvie Gauthier, clinical psychologist, France
Eve Hajek, nurse, France
Isabelle Guntzburger, nurse, France
Jean-Claude Ravalard, general practitionner, France
Aurore Fournier, general practitioner, France
Laure Boujac, nursing assistive personnel, France
Antoine Claverie, general practitioner, France
Bernadette Defawe, occupational physician, France
Jean-Claude Ravalard, general practitioner, France
Florence Corboz, nursing assistive personnel, France
Giovanni Bianchi, anesthesiologist, France
Yannick Thomas, psychomotor therapist, France
Françoise Hamel, psychomotor therapist, France
Isabelle Collins-Parchard, physiotherapist, France
Sabine Cruvellier, nurse, France
Clotilde Faugeron, nurse, France
Dominique Bourdin, physician, France
Stéphane Houlbrèque, physiotherapist, France
Serge Houël, physiotherapist, France
Véronique Chavin, speech therapist, France
Laurence Prunel, speech therapist, France
Fausto Lanzeroti, physiotherapist and osteopath, France
Anne-Claire Monfroy, physiotherapist, France
Rémy Chaillou, physiotherapist, France
Hélène Chollet, general practitioner, France
Jean-Jacques Bartelloni, acupuncturist and osteopath, France
Pascal Sarreo, nurse, France
Cuenca Cristel, nurse, France
Jorene Bokel, nurse, France

Didier Moulinier, oncologist, France
Vincent Dalmonego, plastic surgeon, France
Dominique Bienfait, anesthesiologist and intensive care physician, France
Catherine Dumuids, midwife and osteopath, France
Jean Pierre Richard, osteopath and psychotherapist, France
Alice Frutoso, nurse anesthesist, France
Yves-Marie Mattheyses, nurse anesthesist, France
Thierry Jeannin, pharmacist, France
Stéphanie Tanguy, pharmacist, France
Amina El Ali, pharmacist, France
Béatrice Perrot, osteopath, France
Pascale Lopez, midwife, France
Victoire Davaine Chevaux, nurse, France

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB