Inventore dei vaccini mRNA: “Rischioso farlo ai giovani. Mancano dati sulla sicurezza”

Il dottor Robert Malone, inventore della tecnologia utilizzata nel vaccino Covid, ha affermato che i giovani tra i 18 e 22 anni non dovrebbero essere costretti a ricevere questi sieri. "Autorità non sono trasparenti. Non abbiamo accesso ai dati"

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
A destra il dottor Robert Malone

L’inventore dei vaccini mRNA, Robert Malone, ha affermato che “il governo non è stato trasparente sui rischi” del vaccino COVID-19 dopo che YouTube ha eliminato un video in cui discuteva dei potenziali rischi per i giovani adulti e gli adolescenti. E quanto riporta il Mail Online citando lo scienziato intervistato da Fox News.

Il dottor Malone, che ha inventato la tecnologia mRNA che ora viene utilizzata nel vaccino COVID-19, ha detto a Tucker Carlson, di Fox, che non ci sono dati sufficienti sui rischi per queste fasce d’età e non crede che i giovani dovrebbero essere costretti a vaccinarsi.

“Non credo che i benefici superino i rischi”, ha detto Malone, riferendosi a persone nella fascia di età dai 18 ai 22 anni, “ma purtroppo l’analisi rischio-beneficio non viene eseguita”.

“La mia preoccupazione è che so che ci sono dei rischi, ma non abbiamo accesso ai dati”, ha detto Malone. “E quindi, sono dell’opinione che le persone abbiano il diritto di decidere se accettare o meno i vaccini, soprattutto perché si tratta di vaccini sperimentali”.

Malone ha condiviso le sue preoccupazioni lo stesso giorno in cui un gruppo consultivo per i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha affermato che esiste un “probabile legame” tra rari casi di infiammazione cardiaca negli adolescenti e nei giovani adulti e i vaccini Pfizer/BioNTech e Moderna COVID-19.

I vaccini Moderna e Pfizer utilizzano la tecnologia mRNA e il vaccino Johnson & Johnson (così come Astraneneca, ndr) utilizza la tecnologia più tradizionale basata sui virus.

Malone dice sul suo sito web di aver inventato il campo della terapia dell’mRNA messaggero nel 1988. “Le sue scoperte sui sistemi di somministrazione non virale dell’mRNA sono considerate la chiave per le attuali strategie vaccinali contro il COVID-19”, si afferma nella sua biografia.

I suoi avvertimenti arrivano mentre una presentazione è stata rilasciata all’inizio di mercoledì: il gruppo di lavoro tecnico sulla sicurezza del vaccino COVID-19 (VaST) ha discusso di quasi 500 segnalazioni di infiammazione cardiaca, nota come miocardite, in adulti vaccinati di età inferiore ai 30 anni.

Il gruppo di medici ha affermato che il rischio di miocardite o pericardite in seguito alla vaccinazione con iniezioni a base di mRNA negli adolescenti e nei giovani adulti è notevolmente più elevato dopo la seconda dose e nei maschi.

Fonte: Mail Online

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM