25 Giugno 2024

Terremoto in Marocco, sale di ora in ora il bilancio delle vittime. Si scava a mani nude

Correlati

Cresce ancora il numero delle vittime del devastante terremoto che ha colpito il Marocco. Secondo un bilancio, ancora provvisorio, il drammatico bilancio è di 2.497 e i feriti sono 2.476. Lo fa sapere il Ministero degli Interni marocchino citato da ‘Al Arabiya’. E’ corsa contro il tempo per salvare persone intrappolate sotto le macerie. Si scava anche a mani nude.

I soccorritori marocchini, supportati da squadre straniere, stanno lottando contro il tempo per trovare sopravvissuti e fornire assistenza a centinaia di senzatetto che hanno perso la casa e altre cose.

In attesa che le squadre di soccorso straniere arrivino sul posto, le autorità hanno iniziato a montare tende nell’Alto Atlante, dove interi villaggi sono stati distrutti dal terremoto.

Parallelamente, paramedici, volontari e membri delle forze armate stanno lavorando per trovare superstiti e recuperare corpi sotto le macerie, soprattutto nei villaggi della regione di Al Haouz, epicentro del terremoto a sud della città turistica di Marrakesh.

Di fronte alla portata della distruzione, la città di Marrakech è testimone di campagne di solidarietà con le persone colpite e ferite, soprattutto in termini di donazioni di sangue, poiché molti residenti della città si sono recati negli ospedali per chiedere aiuto, mentre altri hanno raccolto aiuti alimentari.

Da parte sua, la Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, con sede a Ginevra, ha sborsato un milione di franchi svizzeri (1,1 milioni di dollari) dal suo Fondo di risposta alle emergenze in caso di catastrofi per sostenere il lavoro sul campo della Mezzaluna Rossa marocchina.

È stato deciso di sospendere gli studi in 42 distretti delle regioni colpite dal terremoto, a partire da lunedì, secondo quanto annunciato domenica dal Ministero dell’Istruzione nazionale. Le prime stime sui danni parlano di circa 10 miliardi di dollari.

I siti archeologici sono in pericolo

Oltre al tributo umano e alla distruzione, il terremoto ha sollevato timori per il destino dei siti storici, soprattutto a Marrakesh, dove la città vecchia e i suoi siti elencati nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco sono stati danneggiati dal terremoto.

Nella Città Vecchia i danni in alcuni punti sono apparsi spaventosi: le case sono state distrutte e nei vicoli si sono sollevati cumuli di macerie. Parte delle mura del XII secolo che circondavano la città, edificate dalla dinastia degli Almoravidi, furono distrutte intorno al 1070.

Domenica i canali televisivi hanno trasmesso immagini aeree che mostrano villaggi, alcuni dei quali completamente distrutti, tra cui il villaggio di Tafghaght, situato a circa 50 chilometri dall’epicentro del terremoto, e circa 60 chilometri a sud-ovest di Marrakesh.

Il terremoto più violento

Il Marocco generalmente non è abituato a terremoti devastanti di questa intensità. Questo violentissimo sisma è stato considerato “eccezionale” a causa del suo epicentro situato nel cuore delle montagne dell’Alto Atlante. Inoltre, l’area geografica colpita è vasta.

Il terremoto avvenuto all’alba di sabato, di magnitudo 7 secondo il Centro marocchino per la ricerca scientifica e tecnica (6,8 secondo l’Usgs statunitense), è il più forte mai registrato in Marocco.

Il maggior numero di vittime è stato registrato al momento nella regione di Al Haouz (1.351). Questa regione si estende per la maggior parte sulle montagne dell’Alto Atlante e abbraccia molti villaggi per lo più remoti, in mezzo a terreni accidentati, e la maggior parte delle loro case tradizionali non rispettano le condizioni di resistenza ai terremoti.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

E’ libero Julian Assange, giornalista e fondatore di WikiLeaks

Il coraggioso cronista è stato rilasciato su cauzione dall'Alta Corte di Londra, annuncia WikiLeaks su X. Arrestato nell'aprile 2019 su mandato degli Stati Uniti nell'ambasciata dell'Ecuador in Uk, ha passato oltre cinque anni in una cella 2x3. Il suo crimine? Avere svelato storie di corruzione e verità scomode per l'establishment occidentale. La preoccupazione della moglie Stella: "Seguite l'aereo, non vorrei che qualcosa andasse storto"

DALLA CALABRIA

Ballottaggi in Calabria, affluenza domenica al 38,48%. Si vota anche lunedì

La percentuale dei votanti alle ore 23 nei tre centri della Calabria interessati al turno di ballottaggio per le...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)